Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Gli adolescenti con un disturbo di personalità di tipo antisociale sono soliti infliggere danni fisici e psicologici sia a se stessi che agli altri. Si sa ancora poco sui processi neurali sottostanti a questi comportamenti. I ricercatori dell'Università di Leiden e del Max Planck Institute for Human Development hanno individuato una possibile spiegazione: le loro regioni cerebrali responsabili dell'elaborazione delle informazioni sociali e del controllo degli impulsi sono meno sviluppati.

20140313 antisocial2

Lo studio è stato fatto su detenuti adolescenti dei Paesi Bassi di età compresa tra 15 e 21 anni, ai quali era stato diagnosticato un disturbo di personalità antisociale. I ricercatori hanno fatto giocare gli adolescenti al "mini-ultimatum". In questo gioco cooperativo, che simula le "considerazioni di equità", al giocatore viene offerta una somma di denaro da parte di un altro giocatore. Al giocatore viene anche detto se l'avversario avrebbe potuto fare un'offerta più equa o se non aveva alternative. Durante la partita, l'attività cerebrale dei giovani è stata misurata utilizzando la risonanza magnetica funzionale ( fMRI ). Confrontando i risultati di questi ragazzi con quelli di un gruppo di adolescenti non autori di reato, i ricercatori sono stati in grado di determinare ciò che stava accadendo nei cervelli dei partecipanti in riferimento alle "considerazioni di equità".

"No" alle offerte inique

Gli adolescenti autori di reato hanno mostrato una minore attivazione, rispetto a quelli del gruppo di controllo, in aree del cervello responsabili di funzioni tra cui la capacità di mettersi nei panni di un'altra persona e il controllo degli impulsi. In entrambi i gruppi, i ricercatori hanno osservato simili livelli di attivazione delle aree del cervello associate a processi affettivi. I risultati indicano che, anche se entrambi i gruppi hanno mostrato gli stessi livelli di reattività emozionale alle offerte sleali, gli adolescenti autori di reato hanno respinto queste offerte più spesso. In contrasto con il gruppo di controllo, non hanno tenuto conto della determinazione o delle argomentazioni del loro avversario - o se l'avversario non aveva alternative di offerta.

Che cosa pensano gli altri ?

Gli adolescenti con disturbo antisociale di personalità sembrano quindi avere difficoltà a prendere in considerazione tutte le informazioni pertinenti nelle loro interazioni sociali, tra le quali, ad esempio, le intenzioni delle altre persone. I ricercatori ipotizzano che questo a sua volta porti a un maggiore comportamento antisociale. "L'adolescenza è un periodo di molteplici cambiamenti fisici, neurologici e sociali. Questo studio sugli adolescenti ci offre una migliore comprensione di ciò che accade durante questa fase delicata della vita e di come le cose possono andare fuori strada, con conseguente sviluppo di comportamenti devianti", afferma Wouter van den Bos, autore principale dello studio e ricercatore presso il Max Planck Institute for Human Development di Berlino. I ricercatori sperano che le loro scoperte aiuteranno a sostenere lo sviluppo di trattamenti psicoterapeutici .

 

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca