Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Un nuovo studio suggerisce che alcuni tratti della personalità possono essere migliorati anche senza un particolare impegno del soggetto, a partire da quando è ancora giovane. Tuttavia, è improbabile che si possa migliorarne la stabilità emotiva senza una sua attiva partecipazione.

20220113 tratti 1

È quello che sostiene Nathan Hudson, professore di psicologia della Southern Methodist University.

Un numero crescente di studi suggerisce che i tratti della personalità possono essere modificati attraverso la pratica. Come osserva un recente studio di Hudson, i tratti della personalità sono collegati a una vasta gamma di risultati della vita, come la qualità delle relazioni, il successo scolastico e lavorativo.

L'obiettivo della ricerca pubblicata sul Journal of Research in Personality era di testare due teorie: che un intervento efficace sulla personalità necessita che i partecipanti scelgano quali tratti cambiare e che siano attivamente coinvolti nel cambiamento dei tratti target.

Lo studio ha scoperto, invece, che la coscienziosità - la capacità di essere responsabili, laboriosi e organizzati - potrebbe essere migliorata anche se i partecipanti non fossero motivati ​​a cambiare. È stato riscontrato che il completamento di una serie di compiti in un periodo regolamentato modifica le abitudini e quindi migliora la coscienziosità.

Ma la stabilità emotiva è una questione diversa: i partecipanti allo studio miglioravano nella gestione delle situazioni difficili solo se sceglievano di lavorare sulla loro stabilità emotiva. In caso contrario, i compiti loro assegnati nell'arco di quattro settimane si sono rivelati inefficaci.

"Ciò fornisce evidenze promettenti che scuole, aziende o altre organizzazioni potrebbero chiedere alle persone di apportare modifiche relativamente secondarie della personalità, che potrebbero aiutare a migliorare le loro vite rendendole più organizzate e responsabili nel tempo" ha affermato Hudson.

"Al contrario, sembra che la stabilità emotiva potrebbe richiedere un investimento maggiore da parte delle persone che partecipano a un programma di miglioramento".

Hudson ha sottolineato che questa ricerca non riguarda alcun tentativo di controllare le persone.

"L'idea del cambiamento dei tratti della personalità - specialmente di altre persone che cercano di cambiare la personalità di un individuo - può sembrare spaventosa. Ma che lo riconosciamo o meno, la società è piena di interventi progettati per cercare di cambiare, in meglio, i nostri tratti della personalità. Ad esempio, la scuola è un intervento gigantesco progettato per aiutare i bambini e i ragazzi a diventare più intelligenti, sì, ma anche più gentili e socievoli, responsabili e laboriosi".

Precedenti ricerche di Hudson e di altri psicologi hanno dimostrato che le persone che hanno lavorato attivamente per cambiare aspetti della loro personalità sono, in molti casi, riuscite a raggiungere i risultati desiderati.

Tuttavia, prima d'ora, non era chiaro se una persona potesse riuscirci se non avesse scelto quale tratto della personalità stava cercando di cambiare e non fosse stata coinvolta in modo profondo nel fare quel cambiamento.

Hudson ha condotto due studi separati per rispondere a questa domanda. Ciascuno è durato quattro mesi.

Nel primo, 175 studenti universitari sono stati assegnati in modo casuale a modificare la loro coscienziosità o la loro stabilità emotiva. È stata poi loro data la scelta dei compiti per migliorare quel particolare tratto della personalità. Ad esempio, coloro che sono stati selezionati per lavorare sull'essere più coscienziosi hanno sostenuto impegni come "organizzare e pulire le scrivanie" o "fare un elenco di attività che si desidera completare".

20220113 tratti 1a

La seconda prova ha visto più di 400 studenti universitari di diverse università scegliere su quale tratto volevano lavorare. A loro insaputa, però, la metà dei partecipanti è stata assegnata in modo casuale a ricevere impegni mirati a una caratteristica che non avevano scelto.

In entrambi gli studi, i tratti della personalità degli studenti sono stati misurati prima e dopo l'assegnazione dei compiti utilizzando il test Big Five Inventory di 44 voci, uno standard tra gli psicologi.

Hudson ha scoperto che gli studenti che hanno completato più attività per compiti di miglioramento della coscienziosità hanno avuto un miglioramento, perfino quando non erano consapevoli del motivo per cui erano stati assegnati a un particolare compito. Ma per coloro che non hanno scelto di lavorare sulla stabilità emotiva, gli impegni affrontati sono risultati del tutto inefficaci o, addirittura, peggioravano quel particolare tratto della personalità.

Perché la stabilità emotiva è diversa dalla coscienziosità?

Hudson ritiene che la ragione per cui le persone devono essere motivate a cambiare la stabilità emotiva è che questo tratto ha a che fare con le emozioni negative.

"Per molte persone, può essere difficile 'smettere semplicemente di sentirsi arrabbiati' o 'semplicemente smettere di essere stressati'" ha detto.

"La mia impressione è che le strategie indirette per cambiare le emozioni di qualcuno, come scrivere un diario o pensare a cose positive, possano funzionare davvero solo quando le persone vogliono usare quelle tecniche per cambiare le proprie emozioni".

La coscienziosità, d'altra parte, può essere facilmente falsata e aumentata nel tempo attraverso atti meccanici, come pulire la stanza o usare un calendario.

"La motivazione è in gran parte irrilevante per gli interventi mirati alla coscienziosità, purché i partecipanti aderiscano all'intervento" ha detto Hudson.

Indicazioni interessanti per chi si occupa di educazione e formazione dei ragazzi. Distinguere e mettere a fuoco i diversi ambiti di miglioramento e sviluppo è il solo modo di aiutarli a raggiungere risultati tangibili e positivi.


Riferimento bibliografico:
Nathan W. Hudson. Does successfully changing personality traits via intervention
require that participants be autonomously motivated to change?

Journal of Research in Personality, 2021.