Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Possono alcune caratteristiche della personalità aiutare a spiegare e a prevedere la propensione di alcuni adolescenti verso comportamenti sessuali a rischio, a differenza di loro coetanei che li evitano senza difficoltà?

20140908 affettività

I risultati dello studio hanno smentito quello che i ricercatori si erano in un primo momento aspettati.


I ricercatori dell'Università di Utrecht hanno affrontato la questione attraverso l’analisi di giovani nell’adolescenza di mezzo, suddividendoli in base alle caratteristiche prevalenti della loro personalità. I risultati sono ora disponibili in un articolo del The Journal of Sex Research , la pubblicazione ufficiale della Società per lo Studio Scientifico della sessualità.

 
I tre tipi di personalità più comuni, che si trovano in tutte le culture e gruppi di età sono gli “ipo-controllati” (estroversi, sgradevoli, incoscienti, aperti a nuove esperienze), “iper-controllati” (piacevoli, coscienziosi, introversi, emotivamente instabili), e resilienti (piacevoli, coscienziosi, aperti alle esperienze, estroversi, emotivamente stabili). 


I ricercatori hanno ipotizzato che gli adolescenti “ipo-controllati” fossero quelli che più facilmente caratterizzati da comportamenti sessuali azzardati, improvvisati e rischiosi rispetto ai loro coetanei resilienti e “iper-controllati”. Studenti di 14,5 anni di età media, di 7 scuole superiori dei Paesi Bassi, sono stati intervistati quattro volte nel corso di un periodo di 18 mesi, in merito a comportamenti sessuali / sviluppo e tratti caratteristici della personalità. I risultati dello studio hanno smentito quello che i ricercatori si erano in un primo momento aspettati.

I ragazzi che hanno partecipato all’indagine, hanno però manifestato tendenze verso comportamenti sessuali occasionali e rischiosi, in modo trasversale, con percentuali simili in tutti i tipi di personalità. Sono nella prima fase del rilevamento, gli “ipo-controllati” hanno manifestato tendenze a comportamenti sessuali a rischio maggiori rispetto ai compagni. I resilienti sono risultati i iù impermeabili al rischio. Tuttavia, nel corso dei diciotto mesi i dati si sono omogeneizzati. La ricerca ha un limite nella sua metodologia basata sull’auto-dichiarazione dei soggetti, tuttavia lo studio stabilisce una interessante relazione tra tipo di personalità ed esperienza sessuale nella media adolescenza.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca