Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Una mattinata densa di contenuti quella che ha visto impegnati amministratori locali, professionisti della cura, esponenti del Terzo settore, operatori sociali nella cornice dell’omonimo convegno che si è svolto il 26 gennaio a Palazzo Reale, in una Sala conferenze gremita di partecipanti.

20170202 Melograno 2

Difficile riassumere in poche righe gli interventi articolati da una quindicina di relatori autorevoli e competenti; tuttavia, si può individuare un filo conduttore in alcuni punti critici che derivano dalla gestione prettamente emergenziale del fenomeno migratorio:

  • la diffusa ignoranza – in Italia e in Europa - delle radici, delle tradizioni e della struttura culturale e religiosa delle popolazioni a cui i migranti appartengono, che vengano dall’Est europeo, dal Medio Oriente o dall’Africa;

  • la scarsa elaborazione su quali aspetti del nostro modello di convivenza sociale e politica siano da valorizzare, comprendere e accettare, affinché non scatti, nei confronti dei migranti, un meccanismo di rifiuto da chi sente minacciati sicurezza, identità culturale, equilibri politico-sociali;

  • insufficienti studio e lavoro con ragazzi e ragazze che non rientrano nelle nostre categorie: siamo di fronte a minori adultizzati o semplicemente a giovani adulti?

20170202 Melograno 1

A partire dai punti critici evidenziati, si è cercato di tratteggiare alcune linee guida per lavorare al superamento degli ostacoli rilevati:

  • i percorsi di accoglienza e integrazione vanno costruiti sui veri bisogni dei minori migranti non accompagnati, offrendo loro un progetto di vita praticabile.

  • Diventa prioritario per servizi e operatori capire chi sono questi ragazzi, da dove vengono, quali percorsi di maturazione hanno compiuto, quali livelli di autonomia e di capacità hanno raggiunto.

  • Il viaggio e l’adultità: la migrazione, ancor più per i minori non accompagnati, prevede rischi, a volta individuali, altre volte condivisi socialmente. Una sorta di rito di passaggio, che spinge i ragazzi a ritenersi adulti: accoglierli come tali e confrontarsi su queste basi diventa necessario.

Per concludere, il convegno “Minori non accompagnati: storie di legami e migrazioni” ha rappresentato una proficua mattinata in cui si sono poste domande e aperte questioni, affinché amministratori e operatori riflettano e cerchino meglio e più a fondo risposte adeguate, confrontando esperienze e risultati, valutando successi ed errori, accettando critiche, superando pigrizie e luoghi comuni.

 

Sul convegno, un articolo del Corriere della SeraCorriere della Sera

Il Melograno Cooperativa Sociale