Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

"Esistono molte “lezioni” ed esperienze che possono essere ​trasferite e ​condivise attraverso i confini​. La giustizia riparativa, però, è una di quelle aree in cui si devono raggiungere maggiori capacità di costruzione e applicazione, ​con riferimento alla sua applicazione nei percorsi penali dei minori". Un'intervista alla  professoressa Julia Sloth-Nielsen, Preside della Facoltà di Giurisprudenza della University of the Western Cape.

20131128 children-reading

La professoressa Julia Sloth-Nielsen parla delle attuali riforme dei diritti dei minori, in molti sistemi giuridici africani, le quali, pur con lentezza, sono in corso di attuazione. Sebbene il progresso sia evidente, la professoressa ritiene che ci sia ancora molto da fare,perché i quadri giuridici sono molto recenti e c’è bisogno di rivederli, dove necessario, affinché i percorsi di riparazione sociale, in luogo della detenzione, possano essere implementati. Tuttavia, la professoressa Sloth è ottimista e sottolinea il lavoro svolto sia dal Comitato africano di esperti sui diritti e il benessere dell'infanzia (ACERWC) sia dal Progetto per i Diritti dei Bambini del Centro di Diritto Comunitario presso la University of the Western Cape, che ha guidato per quasi 20 anni.

20131128 th

Come, quali ricerche e attività avete di recente intrapreso nel campo dei diritti dei minori e della riforma del diritto in Africa?

Recentemente ho scritto un capitolo sulla Legge del fanciullo in Angola del 2012, e intrapreso una missione in Malawi per esaminare il loro Programma di Giustizia per i minori. Ho anche scritto un capitolo sulla procedura di comunicazione ai sensi della Carta africana sui diritti e il benessere dei bambini, e sono impegnata a lavorare su una bibliografia ragionata sulle famiglie con minori come capofamiglia.

Nel corso degli ultimi 20 anni, lei ha diretto il Progetto per i Diritti dei Bambini del Centro di Diritto Comunitario presso la University of the Western Cape. Quali difficoltà e quali progressi vorrebbe sottolineare in questo campo? Qual è la sua valutazione del quadro giuridico in Africa per quanto attiene ai diritti dei minori? In che modo pensa che la giustizia riparativa sia stata incorporata nel sistema di giustizia minorile in Africa?

I quadri giuridici di molti Paesi sono piuttosto recenti (Sud Africa 2010, Lesotho, 2011, Malawi, 2011, Botswana, 2009) e credo che tutti i Paesi siano ancora alle fasi iniziali di attuazione delle leggi approvate. Esistono molte “lezioni” ed esperienze che possono essere ​trasferite e ​condivise attraverso i confini​. La giustizia riparativa, però, è una di quelle aree in cui si devono raggiungere maggiori capacità di costruzione e applicazione, ​con riferimento alla sua applicazione nei percorsi penali dei minori. Il Child Justice Act del Sud Africa è un grande esempio di come la giustizia riparativa sia stata legislativamente prevista, ma rimangono molti dubbi su come la sua effettiva messa in pratica abbia luogo. Esisteva già una notevole esperienza nella gestione dei processi di giustizia ripartiva, mentre la legge era ancora in fase di sviluppo, ma molte persone chiave per l’esperienza fatta in questo campo hanno poi cambiato incarico e in genere si ritiene che la loro figura non sia stata sostituita da persone altrettanto esperte.

20131128 children 1

Dal suo punto di vista, come il diritto internazionale ha influito sul processo di riforma della giustizia minorile del Sud Africa?

Ho scritto un'intera tesi di dottorato su questo argomento 13 anni fa, e credo che il diritto internazionale sia stato fondamentale, anche perché alcuni suoi aspetti sono stati resi costituzionali nella Carta dei Diritti. In particolare, il principio che la privazione della libertà deve essere utilizzata solo come ultima risorsa e per il più breve periodo di tempo, ha dato origine a una serie di sfide legali, anche a livello della Corte Costituzionale. Questo ha portato a dichiarare l'ergastolo per i minori come una delle misure contrarie alla Costituzione. 

Per quanto riguarda la sua esperienza come membro del Comitato Africano di Esperti sui Diritti e il Benessere del Bambino (ACERWC), qual è la preoccupazione principale del Comitato in riferimento alla giustizia minorile del continente e quali attività sono state svolte dal Comitato per quanto riguarda questo problema ?

Il mio impegno nell’ambito del Comitato Africano è in realtà relativo alla registrazione delle nascite e non alla giustizia minorile. Il Comitato ha partecipato alla conferenza di Kampala sulla giustizia minorile ospitato da DCI e dal African Child Policy Forum nel novembre 2011, e regolarmente effettua dichiarazioni e commenti su questioni di giustizia minorile in risposta ai rapporti tra Stato e parti in causa. Il Comitato è ovviamente preoccupato per i minori nelle carceri e altre forme di custodia, così come per i bambini in carcere con le loro madri (questione alla quale è dedicato un articolo della Carta, l’articolo 30). Il Comitato ha preparato un Commento generale su questo articolo, che sarà pubblicato a breve. È il primo commento generale che il Comitato produrrà.

La Carta africana sui Diritti e il Benessere del Bambino (ACRWC) nel suo articolo 13 "riconosce i diritti dei bambini con disabilità mentali ad avere misure speciali di tutela in linea con le loro esigenze fisiche e morali" e in ambienti che rispettino la loro dignità " . A livello internazionale esiste una forte preoccupazione per le esigenze di salute mentale dei giovani che hanno commesso reati. Ci può spiegare come bisogni relativi alla salute mentale dei giovani autori di reato sono gestiti nel sistema di giustizia minorile del Sud Africa?

C'è grande preoccupazione tra gli esperti e gli operatori per la mancanza generale di risorse e opzioni per i giovani autori di reato che hanno esigenze di supporto per la salute mentale o che mostrano sintomi che richiedono interventi riferiti alla salute mentale. Vi è una generale mancanza di strutture (come posti-letto per i giovani in ospedali psichiatrici), e i professionisti della salute mentale scarseggiano già nello stesso sistema sanitario pubblico. C'è anche preoccupazione per le richieste del Child Justice Act’s connesse alla prova della intenzionalità criminale dei bambini di età compresa tra i 10 e i 14 anni. Gli esperti di salute mentale sostengono di non poter valutare la responsabilità criminale e di potersi esprimere solo sui problemi di salute mentale, per i quali soltanto hanno ricevuto formazione.  

20131128 cropped-ACERWC

In sintesi, quali sono le aree di ricerca sulla destra del bambino in Africa che lei sente non ricevono l'attenzione che meritano? Cosa pensa che manchi?

In generale, vi è la necessità in molti Paesi di maggiori ricerche sui minori che usufruiscono di assistenza e accudimento alternativi alla famiglia di origine, credo. Questo credo sia importante in un contesto di crescita del numero di adozioni dall'Africa, e la necessità di garantire che le alternative interne non siano davvero adatte o disponibili.

La stessa preoccupazione vale per i bambini nel sistema di giustizia minorile che vengono inviati a istituzioni alternative. C'è bisogno di discutere quale genere di rieducazione sia in corso in queste istituzioni e se sia appropriata al contesto africano, come pure occorre approfondire i motivi che hanno portato alla decisione di condannare i minori a queste alternative.

 (articolo pubblicato da IJJO - Internazional Juvenile Justice Observatory, novembre 2013)

 

L'autore.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca