Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

rieducazione

  •  Affetti e Sessualità

    dalla voce dei protagonisti
    del portale 
    Non ci sto dentro

  •  Ascoltare e Parlare

    dalla voce dei protagonisti
    del portale 
    Non ci sto dentro

  •  Consapevolezza

    dalla voce dei protagonisti
    del portale 
    Non ci sto dentro

  • La Namibia è stato uno dei primi Paesi in Africa ad avere un forum per la giustizia minorile ed è stato il primo paese africano a firmare  la Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Fanciullo. Anche prima di questo,  la Namibia veniva presa a modello da altri paesi che stavano cercando di rafforzare i loro programmi di giustizia minorile, tra cui Liberia, Mozambico e Malawi.

    Un’intervista a Ndumba Kamwanyah, uno dei pionieri nella costruzione del sistema della giustizia minorile della Namibia. 

    20131112 namibia2

  • Ai giovani occorre non solo 
    far comprendere le regole
    ma anche perché esistono le regole

    20161020 regole 3a

  • Una nuova ricerca realizzata presso l'Università di Adelaide sta contribuendo a far luce sui rischi che corrono gli adolescenti autori di reati penali in carica allo Stato.

    20150331 recidiva

  •  Ragazzi italiani e ragazzi stranieri

    secondo i protagonisti
    del portale 
    Non ci sto dentro

  • "Esistono molte “lezioni” ed esperienze che possono essere ​trasferite e ​condivise attraverso i confini​. La giustizia riparativa, però, è una di quelle aree in cui si devono raggiungere maggiori capacità di costruzione e applicazione, ​con riferimento alla sua applicazione nei percorsi penali dei minori". Un'intervista alla  professoressa Julia Sloth-Nielsen, Preside della Facoltà di Giurisprudenza della University of the Western Cape.

    20131128 children-reading

  • Non ci si crede. Quando provi a spiegare, a chi non lo sa, che nella medesima casa circondariale, dietro le stesse sbarre, sebbene ovviamente in sezioni differenti, stanno ristrette a scontare la loro pena, 72 donne di diversa nazionalità e 66 uomini, i quali, tutti, sono lì ad espiare una condanna per reati a “riprovazione sociale”, vale a dire reati sessuali, la reazione immediata è di incredulo stupore.

    20180703 sovraffollamento

  •  Il sistema della giustizia minorile

    dalla voce dei protagonisti

    nel portale Non ci sto dentro

     

  • Uno dopo l'altro, tredici ragazzi nervosi si sono avviati al tribunale. Nessuno di loro si trovava per la prima volta di fronte a un giudice. L'occasione era molto diversa dalle precedenti, questa volta non ci arrivavano come minori autori di reato ma su invito, come ospiti.

    20141209 poesia

Iscriviti alla newsletter

Link amici

Area riservata