Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Durante i contrastati e, in molti casi, stressanti anni dell’adolescenza, la maggior parte dei ragazzi sperimenta alti e bassi emotivi. Per un'alta percentuale degli adolescenti, tuttavia, le preoccupazioni e i sentimenti tristi si trasformano in qualcosa di più serio.

20181011 autolesionismod 1

Arrivano infatti a produrre disagio psichico, come ansia e depressione. Gli studi dimostrano che una parte rilevante adolescenti in difficoltà, dal 13 al 18%, si feriscono fisicamente tagliandosi, bruciandosi o attraverso altre forme di autolesionismo, quale modalità per affrontare il dolore interiore.

Recenti ricerche e numerosi psicologi clinici suggeriscono che ora, oltre a questo, alcuni adolescenti si stanno impegnando in una nuova forma di auto-aggressività: l'autolesionismo digitale . Questa nuova forma di comportamento autodistruttivo avviene postando anonimamente commenti cattivi e dispregiativi su se stessi sui social media.

Da quanto dichiarano psicologi che si occupano degli adolescenti, in particolare statunitensi, sembra che il fenomeno sia in crescita tra i ragazzi da loro seguiti.

Tra i casi riferiti, che può essere preso ad esempio per comprendere il fenomeno, quello di una ragazza che ha raccontato di aver esercitato cyberbullismo su se stessa perché, da adolescente gay, si sentiva vulnerabile ed esposta. Aveva creato un account fantasma su Instagram e pubblicato commenti spregiativi su se stessa, scrivendo cose come:" Penso che tu sia inquietante e gay "e" Non sederti accanto a me di nuovo ".

Ha detto queste cose perché temeva di essere derisa dai suoi coetanei. Pensava che la loro presa in giro non sarebbe stata così grave se li avesse battuti sul tempo.

Secondo un sondaggio pubblicato alla fine dello scorso anno sul Journal of Adolescent Health, gli adolescenti bullizzano se stessi online come modo per gestire sentimenti di tristezza e odio verso se stessi e per attirare l'attenzione dei loro amici. Per lo studio, 5.593 studenti delle scuole medie e superiori di tutti gli Stati Uniti, di età compresa tra 12 e 17 anni, hanno risposto a una serie di questionari che chiedevano informazioni sulle loro esperienze con l'autolesionismo digitale e il cyberbullismo.

20181011 autolesionismod 1a

"Siamo stati allarmati dall'apprendere che il 6% dei giovani che hanno partecipato al nostro studio si sono impegnati in una qualche forma di autolesionismo digitale" afferma il professor Hinduja , coautore dello studio e professore di criminologia presso la Florida Atlantic University e co-direttore del Cyberbullying Research Center .

Hinduja e una collega hanno scoperto che più della metà degli adolescenti che ha esercitato cyberbullismo su se stessi, lo ha fatto più di una volta. Quando gli è stato chiesto perché avevano messo in atto questo comportamento, i ragazzi hanno risposto: "Mi sentivo già male con me stesso, e volevo fare in modo di sentirmi peggio" oppure "Volevo vedere se qualcuno era veramente un mio amico".

Gli psicologi avevano già rilevato in precedenza questo tipo di auto-aggressività. In uno studio più piccolo del 2012 su 617 studenti del primo anno delle scuole superiori, i ricercatori hanno scoperto che il 9% degli adolescenti si era dileggiato online. Gli adolescenti che hanno partecipato a questo studio hanno riferito di farsi del male come un modo per incoraggiare gli altri a preoccuparsi di loro, per dimostrare quanto fossero "duri" o per attirare l'attenzione di un adulto.

"Poiché i mondi online e offline degli adolescenti si sovrappongono, l'autolesionismo digitale è un motivo di allarme per alcuni giovani, e questo rende l'autolesionismo online un'area di crescente interesse della ricerca" dice Susan Swearer , professore di psicologia presso l'Università del Nebraska, Lincoln, che studia anche il bullismo.

Un'analisi statistica condotta dai “Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie”, prendendo in considerazione oltre un decennio di visite al pronto soccorso negli Stati Uniti, indica che dal 2009 il numero di ragazze di età compresa tra 10 e i 14 anni che si fanno del male fisicamente è in costante aumento.

20181011 autolesionismod 3

Secondo l'American Psychological Association, gli adolescenti che si feriscono fisicamente spesso combattono con la depressione, il disturbo da stress post-traumatico o le difficoltà con la regolazione emotiva. Non tutti gli adolescenti che esercitano cyberbullismo su se stessi hanno una malattia psichiatrica, osservano gli studiosi, ma ciò non significa che il loro comportamento debba essere preso alla leggera.

Analogamente agli adolescenti che si fanno del male tagliandosi, i ragazzi che si feriscono denigrandosi online spesso soffrono in silenzio, sentendosi come se non avessero un amico o un adulto con cui confidarsi.

Se questi ragazzi non ricevono un trattamento di salute mentale, affermano gli psicologi che si occupano della materia, i loro sentimenti di solitudine e tristezza possono farli diventare depressi e, in casi per fortuna minoritari, portarli anche a tentativi di suicidio.

Poiché l'avvento dei social media ha cambiato il modo in cui molti adolescenti costruiscono e sperimentano le relazioni interpersonali, i normali sentimenti adolescenziali di insicurezza, ansia e solitudine possono venire amplificati mentre sfogliano le pagine dei social media dei loro pari.

Hinduja sostiene che alcuni giovani affrontano questa situazione rivoltando la loro angoscia contro se stessi online.

Alcuni genitori, come risposta a questi comportamenti, sono pronti a limitare l'uso dei social media da parte degli adolescenti, ma questo non risolve adeguatamente il problema, sottolinea il professore Hinduja.

"Una delle migliori cose che i genitori possono fare è mantenere e tenere vivi canali di comunicazione aperti e non giudicanti con i loro figli. Accogliere e convalidare le esperienze di un adolescente può incoraggiarlo ad avere fiducia negli adulti, confidando loro le esperienze angoscianti fatte - offline o online".

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca