Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Cicatrici e lividi si possono vedere ma le ferite dell'abuso emotivo non sono sempre visibili. Sebbene un bambino abusato emotivamente possa non finire in ospedale con un arto rotto o una commozione cerebrale, gli effetti dell'abuso emotivo possono essere molto dannosi e di lunga durata.

20200909 emotivo 6 

Le stime dell’incidenza di tale abuso sui bambini non sono facili da effettuare o possono risultare basse rispetto a quello dell’abuso fisico, e questo perché l'abuso emotivo può essere più difficile da rilevare rispetto ad altre forme di abuso sui minori.

Tuttavia le conseguenze di questa forma di violenza e i segni che lasciano sui minori, sono evidenti.


Come identificare un bambino che subisce abusi emotivi

Chi osserva i minori in un ambito pubblico, negli asili o nelle scuole: insegnanti, educatori, psicologi, medici, hanno l'obbligo di denunciare un sospetto abuso emotivo tanto quanto gli abusi fisici o sessuali o l'incuria.

Tuttavia, l'abuso emotivo può essere più difficile da identificare perché si verifica in genere nei confini domestici e potrebbero non esserci segni evidenti ed esteriori che si stia verificando. A volte, però, il comportamento di un bambino indica che ci sono problemi a casa.

Un comportamento inappropriato (o molto immaturo o un po’ 'troppo maturo per la sua età) può essere un segno di abuso, così come forti cambiamenti comportamentali. Ad esempio, un bambino che era leggermente distaccato e non cercava attenzione potrebbe improvvisamente diventare “appiccicoso” nei confronti degli adulti non violenti che incontra fuori da casa o cercare compulsivamente affetto da loro.


Potenziali segnali di pericolo di abuso emotivo

Un bambino che subisce abusi emotivi può evidenziare comportamenti e stati d’animo che possono essere segni di abuso, tra cui ansia, tentativi di evitare determinate situazioni (come partecipare a un'attività o andare a casa di un'altra persona), calo delle prestazioni scolastiche, un ritardo nello sviluppo emotivo, depressione, desiderio di ferire se stesso o altri, ricerca disperata di affetto da altri adulti, regressione dello sviluppo (ad esempio incontinenza a letto dopo aver precedentemente padroneggiato il controllo della vescica e dell'intestino), frequenti lamentele di mal di testa, mal di stomaco o altri sintomi somatici senza causa nota, perdita di interesse in attività sociali o ludiche, bassa autostima.

Si potrebbe presumere che un bambino vittima di abusi non sia legato all’adulto che lo sta abusando, ma non è sempre così. I bambini spesso rimangono fedeli al genitore o a chi si occupa di loro, nonostante l’abuso, perché hanno paura di quello accadrà se rivelano la violenza.

Un bambino che ha subito abusi emotivi potrebbe pensare che essere insultato o trattato anaffettivamente sia uno stile di vita normale. Potrebbero non parlare a nessuno dell'abuso perché non si rende conto che non è un comportamento familiare "normale".


Segnali di un adulto abusante

Esistono anche segnali che indicano che un genitore o un adulto che si occupa di un bambino, ne sta abusando. Sminuirlo in pubblico, ammettere apertamente di non gradirlo o addirittura di odiarlo, applicare punizioni severe, avere aspettative irrealistiche ed essere emotivamente distante o indifferente, sono comportamenti emotivamente violenti. Alcune persone che abusano di bambini hanno a loro volta una storia di violenza e aggressività o hanno disturbi da uso di sostanze.

Se si ritiene che un bambino stia subendo abusi emotivi, occorre non dare per scontato che l'abuso sia stato perpetrato dai genitori. Sebbene un bambino abbia maggiori probabilità di subire abusi da parte di un genitore o di un familiare, di fatto qualsiasi figura autorevole può essere violenta nei suoi confronti.


Esempi di abuso emotivo

L'abuso emotivo sui minori può assumere diverse forme. A un'estremità dello spettro ci sono insulti o parolacce o azioni sminuenti, mentre l'altra estremità può essere la totale indifferenza che causa la deprivazione emotiva.

L'abuso emotivo si può verificare in combinazione con abuso fisico o sessuale o incuria .

Un genitore che è emotivamente violento usa spesso le parolacce, ma le sue azioni possono anche essere offensive e, a volte, è una mancanza di azione a essere un abuso.

Quando un genitore non mostra a un bambino amore e non lo fa sentire desiderato, sicuro e degno, questa è una deprivazione emotiva. Possono anche non concedere affetto fisico o un contatto amorevole, entrambi essenziali per lo sviluppo emotivo di un bambino.

Qualsiasi adulto, tuttavia, al di là dei genitori, nella vita di un bambino può essere emotivamente violento e l'abuso può assumere molte forme.

 Per esempio una baby sitter che urla costantemente e minaccia; anche l’essere testimone di violenza domestica è un abuso; un nonno che si rifiuta di interagire con i bambini quando vanno a trovarlo e invece guarda la televisione; un genitore con disturbo da abuso di alcol che si arrabbia quando beve e urla di frequente; un genitore adottivo che dica di desiderare che il figlio non esistesse; un insegnante che prende in giro un bambino di fronte alla classe quando fatica a leggere ad alta voce; un genitore che, dopo il divorzio, chieda ai propri figli di mentire a un giudice sull'altro genitore per assicurarsi di ottenere la piena custodia.

20200909 emotivo 6a


Conseguenze dell'abuso emotivo e della deprivazione

Le conseguenze degli abusi sui minori di qualsiasi forma possono essere gravi e possono persistere fino all'età adulta. Un bambino spesso crede di essere responsabile degli abusi, e che questo voglia dire che non è amato (e non amabile) e non desiderato.

Quattro dei principali effetti a lungo termine dell'abuso emotivo e della privazione sono:

Problemi di attaccamento. L'abuso emotivo può interferire con la capacità di un bambino di costruire e mantenere legami sani. I problemi di attaccamento nella prima infanzia sono correlati a futuri problemi nelle relazioni nell'età adulta. I bambini potrebbero anche essere maggiormente a rischio di cattive relazioni con i pari, aver problemi con l'intimità, difficoltà con la risoluzione dei conflitti e mostrare aggressività relazionale.

Problemi comportamentali e sociali. L'abuso emotivo nell'infanzia risulta anche collegato alla delinquenza e al comportamento sessualmente aggressivo nei giovani adulti.

Ripetizione del ciclo di abusi. Senza un intervento appropriato, le persone che hanno subito abusi da bambini hanno maggiori probabilità di abusare dei propri figli rispetto alle persone che non hanno subito abusi.

Suicidio e malattia mentale. Gli adolescenti che hanno subito abusi emotivi da bambini hanno maggiori probabilità di essere diagnosticati con almeno una malattia mentale, come la depressione e l'ansia, che possono persistere nell'età adulta.  Inoltre, le persone con una storia di abuso emotivo corrono un rischio maggiore di tentare il suicidio.

Tuttavia, non tutti coloro che hanno una storia di abuso emotivo porteranno cicatrici per tutta la vita. La durata, la gravità e l'età di insorgenza dell'abuso sono fattori influenti.

I maschi che hanno subito abusi prima dei dodici anni hanno maggiori probabilità di manifestare problemi di comportamento rispetto ai coetanei che non hanno subito abusi. Se l'abuso è iniziato in giovane età, è anche più probabile che vengano arrestati o mostrino forme gravi di comportamenti devianti.

L'abuso emotivo non ha solo un effetto negativo su individui e famiglie; mette a dura prova anche la società nel suo insieme. Le conseguenze dell'abuso gravano sui sistemi sanitari e di assistenza sociale, sono causa dell'aumento dell'insuccesso scolastico, della criminalità e della necessità di servizi di salute mentale.

Alcuni fattori possono proteggere da queste conseguenze, come avere una relazione positiva con un altro adulto. Ad esempio, un genitore premuroso, un nonno o il supporto di un insegnante o di un allenatore possono attenuare alcuni degli effetti negativi dell'abuso emotivo.


Trattamento per l'abuso emotivo

Se un bambino subisce abusi emotivi, la prima cosa da fare è garantire la sicurezza del bambino. A questo punto, può iniziare un trattamento appropriato. L'autore dell’abuso potrebbe aver bisogno di cure, soprattutto se è un genitore. Esempi di trattamento possono includere terapia individuale, lezioni di genitorialità, counselling e così via.

Coloro che hanno subito abusi emotivi possono trarre vantaggio dalla terapia con un professionista della salute mentale. Una volta che abbiano elaborato ciò che hanno passato emotivamente, possono apprendere meccanismi di coping sani, abilità sociali e capacità di risoluzione dei conflitti.

In definitiva, gli adulti che siano testimoni di abusi e ne sospettino l’esistenza; i genitori che temano che un insegnante o altri eserciti violenza emotiva sul figlio, o anche che si rendano conto che un figlio viva una situazione difficile e abusante in casa, è importante che chiedano aiuto, per i ragazzi e anche per se stessi, al di fuori della famiglia.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca