Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

integrazione

  • Erano tre sorelle e tutte e tre d’amor. Adolescenze difficili in due famiglie pakistane

    Erano tre sorelle e tutte e tre d’amor, canta una ballata popolare. Così erano loro, e tutte minorenni. Succede, in tante famiglie immigrate, che gli scontri generazionali dell’adolescenza si complichino con i conflitti culturali e questo era uno di quei casi.

    20190902 Pakistan 2a

  • Filastrocca del ragazzo tagliato a metà

    È scomodo vivere tra due culture che sono almeno altrettante vite possibili. Lo sanno gli adolescenti adottati o i giovani stranieri di seconda generazione. Lo sa questo ragazzo, nato da genitori rom. La mamma ha scelto una vita “regolare” per il bene proprio e dei figli, il padre si è perso nella droga, e questo ragazzo vive tagliato a metà.

    Urlo in faccia a mia madre
    ZINGARA DI MERDA
    perché ha mollato mio padre
    e ha lasciato che si perda.

    20150923 filastrocca bambino a metà

  • Home - A casa

    Quando ho visto il cartellone pubblicitario ho pensato fosse un cartone da guardare, quando ho visto il trailer me ne sono convinta! Ma perché questo titolo?

    20150416 Home

  • I numeri del Dossier sull'immigrazione: la vera emergenza restano le morti

    Quest'anno, più ancora degli anni precedenti, la pubblicazione del Dossier statistico immigrazione del Centro studi e ricerche Idos — presentato in contemporanea in tutte le regioni italiane il 16 ottobre scorso — era necessaria ed urgente è la sua lettura.

    20171106 statistiche 2

  • Il digiuno degli insegnanti della Daneo: uno squillo per una società migliore

    Alla fine, visti a stomaco vuoto e a ora di cena, gli italiani (quelli di sangue, nati già col privilegio della cittadinanza), non devono essere tutti così malvagi se si ritrovano, come estrema e disagevole forma di protesta, ad aderire ad uno sciopero della fame "a staffetta", pur di far definitivamente approvare una blandissima legge che regoli con maggior buon senso i criteri per ottenere la cittadinanza per quei bambini e ragazzi che, loro malgrado, non possono vantare un po' di sangue italiano nelle vene ma "solo" una perfetta integrazione.

    20171009 digiuno 2

  • La grande diversità nei percorsi scolastici dei giovani immigrati

    Parlare genericamente di giovani immigrati di “seconda generazione”, quando si prende in considerazione il loro inserimento nel sistema scolastico, e mettere l’accento sullo svantaggio sociale per valutare i loro percorsi di apprendimento e spiegarne gli esiti a volte difficili, può essere riduttivo.

    20181204 successo 1a 

  • Se anche solo un pezzo di carta perduto genera angoscia in chi chiede asilo

    Succede anche a noi. Ci disperiamo, rovistiamo ovunque: nei fondi delle tasche o dei cassetti, ci accusiamo reciprocamente di distrazione o poca cura, ci arrabattiamo per uffici, apparentemente pazienti in coda ma platealmente in fibrillazione allo sportello a pietire quel pezzo di carta, quel certificato, quell'attestato che abbiamo perduto e che qualche perverso puntiglioso burocrate ha stabilito, magari per legge o con qualche maligna circolare, essere essenziale per farci accedere a un concorso, ridurre una multa, ottenere benefici o semplicemente far valere diritti.

    20171121 certificati

  • Sembra mio figlio, di Costanza Quatriglio

    “Sembra mio figlio” narra la storia di Mohammad Jan Azad (Ismail nel film, interpretato dal poeta e giornalista Basir Ahang) che, con il fratello Hassan, è stato costretto dai talebani a fuggire dall’Afghanistan all’età di 9 anni ed è giunto in Italia dopo varie vicissitudini e traversie, dove ha svolto con molto impegno un percorso di regolarizzazione e inserimento.

    20180910 sembra 1

  • Una storia di fortuna drammi e ingiustizie

    Continua a ripeterlo: “sono proprio fortunato”. Io gli credo ma non posso trattenermi dallo scuotere la testa. Non ci vedevamo da alcuni anni. Ora lui vive in Piemonte in un piccolo comune con tanta neve e monti alti “mi piacciono le montagne, molto più del mare. Mi piace camminare, mi piace salire...”

    20210118 fortuna 2

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Link amici

Area riservata