Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Il consumo di bevande energetiche ad alto tasso di caffeina come Amp, Red Bull o Rockstar, potrebbe essere un segno rivelatore di altri problemi per gli studenti delle scuole superiori, secondo uno studio canadese.

Gli studenti che hanno riferito di bere bevande energetiche, sono stati anche quelli che hanno poi ammesso di sentirsi depressi, di ricercare esperienze rischiose, di essere bevitori di alcoolici e fumatori.

20140310 energy

"I giovani tendono a mescolare alcool e bevande energetiche - e questo è anche un problema", ha detto l'autore principale della ricerca, S. Azagba.
Azagba è uno scienziato presso il "Propel Centre for Population Health Impact" dell'Università di Waterloo in Canada.

In una ricerca effettuata tra 8.210 studenti delle scuole superiori pubbliche della regione del Canada Atlantico, il 62% ha riferito di aver bevuto almeno una bevanda energetica nel corso dell'anno precedente. Circa uno su cinque ha riferito di consumare le bevande almeno una volta al mese.
"Vogliamo sensibilizzare l'opinione pubblica intorno a questo problema: il consumo di energy drink è elevato tra gli studenti delle scuole superiori", ha detto Azagba. "I ricercatori ne sanno di più del consusmo di energy drink tra gli adulti e gli studenti universitari, ma gli adolescenti possono essere più sensibili a un prodotto commercializzato come audace, emozionante e ribelle".

La gente in America del Nord spende miliardi di dollari in bevande energetiche ogni anno, fanno rilevare i ricercatori. Hanno chiesto agli studenti di riferire il loro vissuto a proposito di depressione e uso di droga. La ricerca di sensazioni è stata valutata attraverso le risposte ad affermazioni quali: "Mi piace esplorare luoghi sconosciuti e strani" o "Mi piace fare cose spaventose". Gli studenti hanno inoltre indicato i loro voti medi a scuola. Per eliminare le risposte inaffidabili, i ricercatori non hanno incluso gli studenti che hanno dichiarato di far uso di un farmaco fittizio presente tra le opzioni di rispota a un quesito.

Il consumo di energy drink è risultato più comune tra i ragazzi che hanno riferito di ricercare sensazioni forti e che hanno avuto punteggi più alti sui quesiti che rilevavano la depressione, così come tra i consumatori di sigarette, marijuana e alcol.
Gli studenti con genitori aventi un livello di istruzione, medio-superiore hanno fatto segnalato un più basso consumo di energy drink, così come coloro che hanno una media scolastica buona. Al contrario, gli adolescenti che vivono con un solo genitore sono più propensi a bere bevande energetiche.
Infine, Azagba e il suo team hanno scoperto che gli studenti più giovani hanno riferito di bere bevande contenenti caffeina più spesso di quelli più anziani, e che i maschi fanno un consumo più elevato rispetto alle ragazze.

20140310 energy2

"L'opinione pubblica - in particolare i genitori - deve essere consapevole dell'eccessivo utilizzo di questo genere di bevande tra i ragazzi più giovani", dicono gli studiosi. "Probabilmente molti genitori non conoscono la differenza tra un Monster drink e una Coca". 20 once di Coca-Cola o di Pepsi hanno circa 60 milligrammi di caffeina. La maggior parte delle bevande energetiche ha l'equivalente di almeno 160 milligrammi per 16 once.
Un consumo eccessivo di caffeina è stato collegato a problemi di salute fisici quali problemi di cuore, irritabilità, disturbi del sonno e nervosismo, scrivono gli autori sulla rivista "Preventive Medicine".

Le bevande energetiche non sono solo un'alternativa a una lattina di Coca Cola, perché hanno livelli estremamente elevati di stimolanti - tra cui caffeina, guaranà e taurina. Gli adolescenti più piccoli subiscono una forte pressione sociale per consumare questo tipo di bevande. 

Un comunicato inviato via email da Red Bull ha osservato che lo studio "non dice nulla di nuovo". "Non ci sono prove - qui o altrove - per indicare che il consumo di bevande energetiche in alcun modo ha portato all'abuso di sostanze o al tipo di comportamento che sono associati all'abuso di sostanze" si dice nel comunicato.

Gli studiosi affermano tuttavia che i numeri suggeriscono grande cautela, in quanto bere bevande energetiche si lega a comportamenti a rischio. L'American Academy of Pediatrics ha detto che i bambini e gli adolescenti non dovrebbero bere bevande energetiche.
"Non stiamo affermando che le bevande energetiche dovrebbero bandite completamente", ha detto Azagba, aggiungendo che ulteriori ricerche devono essere fatte. «Forse però andrebbe quanto meno limitato l'accesso alle bevande energetiche da parte dei giovani".