Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Il ricorso alla consulenza e all’assistenza sanitaria, sembra ancora oggi una prerogativa esclusivamente femminile, la cultura e le abitudini dei maschi risultano ancora molto lontani da questa realtà. È una situazione recentemente indagata da uno studio statunitense.

20170124 ostacolo 2a

I ricercatori della Johns Hopkins, che hanno condotto una dozzina di focus group con 70 eterosessuali e omosessuali / bisessuali ispanici e afro-americani maschi di età dai 15 ai 24 anni, riferiscono che una migliore comprensione del contesto in cui i giovani crescono permetterà ai servizi di di assistenza sanitaria di migliorare, per questa parte della popolazione, l'uso delle cure e dei servizi sanitari per la salute sessuale e riproduttiva.

Nella ricerca, pubblicata il 6 gennaio scorso nel Journal of Adolescent Health, i ricercatori dicono che le sessioni di indagine hanno rivelato le importanti influenze del contesto sociale su questi giovani uomini, in riferimento al loro utilizzo di tali cure, compreso il ruolo delle esperienze personali e le interazioni sociali con familiari, compagni e servizi di assistenza sanitaria.

Ad esempio, i timori in merito ai test sulle possibili infezioni a trasmissione sessuale, e la mancanza di chiari messaggi sul perché sia importante ricorrere ai servizi per la cura della salute sessuale e riproduttiva che ricevono le giovani donne, sono stati identificati, tra questi giovani adulti, come le più comuni barriere comuni all’accesso di tali cure.

I focus group sono stati facilitati da personale maschile esperto nella materia e scelto in coerenza all’etnia dei giovani.

"Questo studio racconta la storia di come il sistema sanitario non è ben impostato per erogare in modo efficace la cura della salute sessuale e riproduttiva ai giovani uomini, perché viene spesso visto come dominio esclusivo delle donne" afferma Arik Marcell,  professore associato di pediatria presso la Johns Hopkins University School of Medicine e primo autore del documento.

Un numero limitato di  uomini, aggiunge il professore, riceve assistenza sessuale e riproduttiva, perché poche linee guida al servizio illustrano cosa dovrebbe garantire a questa parte della popolazione, e troppo pochi sono stati gli sforzi della sanità pubblica che si sono concentrati sul coinvolgimento questi giovani.

Nel tentativo di documentare le percezioni dirette dei giovani maschi circa l'uso del servizio, il dottor Marcell e il suo team ha realizzato focus group di 60-90 minuti con 70 maschi. il 66 per cento (46 su 70) dei partecipanti era afro-americano, e il restante 34 per cento di origine ispanica. In base a quanto riferito, 84 per cento (59 su 70) erano eterosessuali, e il restante 16 per cento erano gay o bisessuali.

20170124 ostacolo 2

Il team di ricerca ha reclutato partecipanti provenienti da otto contesti di comunità, come i centri ricreativi, le organizzazioni religiose e le organizzazioni LGBT, in tutta Baltimora. Otto focus group sono stati condotti in lingua inglese, e quattro sono stati condotti in spagnolo.

Il team di ricerca afferma che i risultati dei questionari preliminari somministrati ai partecipanti prima dei focus group, indicano che solo poco più della metà dei partecipanti (38 su 70) ha avuto un regolare accesso all’assistenza sanitaria (36 di 70). Nell'ultimo anno, la maggior parte dei partecipanti - 47 su 70 - hanno riferito di aver fatto un esame, 35 hanno fatto il test HIV e 27 hanno il test per le infezioni trasmesse sessualmente.

Nelle sessioni di focus group, alcuni giovani hanno condiviso la convinzione che l'uso del preservativo li proteggeva da HIV e dalle altre malattie sessualmente trasmissibili, e non hanno visto il vantaggio di fare test di controllo, mentre altri giovani avevano deciso di farlo dopo aver valutato da soli di aver avuto comportamenti sessuali a rischio.

Molti hanno detto che, in assenza di sintomi fisici, non vedevano alcuna ragione per cercare cure o che temevano i risultati di un test positivo per le infezioni.

Questi giovani hanno anche riferito di aver avuto persone nella loro vita con cui parlare di salute sessuale e riproduttiva, e hanno citato le loro madri e anche degli operatori sanitari che sono stati molto utili quali fonte di informazioni.

Tuttavia, alcuni giovani, in particolare gli adolescenti, non sanno sempre a chi rivolgersi per avere aiuto su questi argomenti e si sono basati sulla "consulenza" dei loro amici. Alcuni partecipanti hanno anche riferito di sentire il bisogno di una maggiore fiducia in se stessi, per rispondere a domande riguardo alla loro salute in generale, in particolare per la loro salute sessuale.

I focus group hanno anche rivelato che i partecipanti eterosessuali adolescenti maschi preferiscono avere a che fare con operatori femminili, quando la scelta è possibile, i partecipanti ispanici preferiscono operatori di lingua spagnola e quelli gay / bisessuali, non voglio sanitari che li giudichino in base al loro orientamento sessuale.

I lunghi tempi di attesa presso le cliniche, i costi e le preoccupazioni sulla privacy sono altri fattori che hanno fatto da deterrente nel cercare assistenza salute sessuale, in aggiunta allo stigma di essere visti in certi tipi di cliniche specialistiche.

"Questo studio aggiunge un piccolo corpo di prove all'evidenza che non un fattore in particolare è responsabile del disinteresse dei giovani uomini per questo tipo di assistenza. Abbiamo bisogno di pensare a lavorare a più livelli per ottenere un cambiamento piuttosto che concentrarci esclusivamente sul livello individuale, impostazione cosa che può caricare di un’eccessiva responsabilità il singolo” conclude il professor Marcell.

“Occorre spostare l’asse dell’informazione all’interno delle comunità, piuttosto che relegarlo ai solo servizi specialistici e alle cliniche”.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca