Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

I giovani che vivono in una condizione di maggiore solitudine durante la prima adolescenza, intorno ai dodici anni, corrono un rischio maggiore di concludere la scuola con voti più bassi e risultati complessivamente meno positivi rispetto ai loro compagni più socievoli, anche se in seguito riescono a superare le difficoltà della solitudine.

20220208 lonely 2

È quanto risulta da una nuova ricerca dell'Institute of Psychiatry, Psychology, & Neuroscience del King's College di Londra.

Lo studio, pubblicato su Development and Psychopathology, rileva che la solitudine (temporanea o continua) durante l'adolescenza di un giovane aumenta il rischio di una serie di esiti negativi, tra cui cattiva salute mentale, autolesionismo, uso compulsivo del telefono cellulare e scelte di vita malsane come il fumo.

I risultati suggeriscono che, senza il giusto supporto, gli effetti negativi della solitudine potrebbero agire come una forza negativa che spinge verso una mobilità sociale verso il basso, un cambiamento negativo nella posizione sociale rispetto a dove i giovani si trovavano all’inizio.

Oltre duemiladuecento giovani dall'Inghilterra e dal Galles sono stati individuati e inclusi nello studio e valutati per una varietà di risultati all'età di 18 anni; compresi i livelli di solitudine percepita, i risultati scolastici e il benessere mentale.

Lo studio ha stabilito che i partecipanti che hanno sperimentato la solitudine erano maggiormente a rischio di esiti negativi rispetto a quelli che non l'hanno mai sperimentata. Entro i 18 anni, coloro che avevano subito periodi di solitudine negli ultimi sei anni avevano maggiori probabilità di sperimentare problemi come depressione e ansia, nonché livelli più bassi di soddisfazione di vita e qualità del sonno.

I ricercatori hanno anche fatto una distinzione tra le fasi in cui un ragazzo sperimenta la solitudine. Sebbene i partecipanti che si sentivano soli all'età di 12 anni ma successivamente avevano superato questa difficoltà fossero generalmente considerati a minor rischio di problemi di salute mentale in seguito, erano comunque più propensi a completare la scuola con votazioni basse.

20220208 lonely 2a

I ricercatori suggeriscono che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che la solitudine precoce causa una perturbazione significativa, con conseguente perdita di terreno nello studio, che non può essere riguadagnato senza un adeguato supporto.

Il dottor Timothy Matthews, primo autore principale della ricerca, ha affermato: “Il nostro studio dimostra che la solitudine durante l'adolescenza di una persona può avere un grave impatto sulla sua vita successiva. Nel 2018, quasi la metà dei ragazzi di età compresa tra i dieci e i dodici anni hanno riferito di sentirsi soli almeno alcune volte, con ben il 15% che ha affermato di sentirsi spesso in questo modo.

"La solitudine, per quanto temporanea, può essere un'esperienza estremamente dolorosa e dovremmo fare ogni sforzo per sostenere coloro che ne hanno bisogno in modo che possano superarla".

Sebbene lo studio abbia scoperto che c'erano alcuni fattori genetici che potrebbero mettere alcuni giovani più a rischio di altri di vivere la solitudine in modo persistente, è stato riscontrato che fattori ambientali come una condizione familiare calorosa e genitori empatici hanno un'influenza maggiore sul fatto che una persona si trasferisse dentro o fuori.

"Questo studio attesta l'importanza degli interventi precoci per garantire che i giovani soli, in particolare quelli che frequentano i primi due anni di scuola superiore, vengano identificati e abbiano il sostegno che di cui necessitano per non iniziare la scuola nel modo sbagliato, “restando indietro” dai compagni", concludono i ricercatori.


Riferimento bibliografico
Timothy Matthews et alii,
The developmental course of loneliness in adolescence:
Implications for mental health, educational attainment and psychosocial functioning
,
Development and Psychopathology.