Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

I piani per la realizzazione del più grande carcere minorile in Europa sono stati criticati nei giorni scorsi in Inghilterra, a seguito di un nuovo rapporto che sostiene che per i ragazzi incarcerati aumenta la probabilità che divengano autori di reati sessuali in età adulta.

20170217 carcere Inghilterra

Incarcerare i minori in questo loro momento formativo è controproducente e può aggravarne i comportamenti problematici, aumentando il rischio che divengano sex offenders

 

Gli attivisti per la riforma carceraria sostengono che centinaia di giovani sono a rischio di diventare adulti autori di reati a sfondo sessuale in quanto i loro tentativi di costruire relazioni affettive spontanee vengono danneggiati dal tempo trascorso nei centri di detenzione insieme a compagni dello stesso sesso.

Alti livelli di violenza, l'uso della forza da parte delle guardie e lunghi periodi di permanenza rinchiusi rendono difficile per i giovani in stato di detenzione "sviluppare un'identità sessuale sana", secondo quando afferma la commissione istituita dal Howard League per la riforma penale, nella sua quarta relazione sulla questione del sesso in carcere.

Oltre 1.000 minori sono tenuti in custodia cautelare in Inghilterra e Galles, il 95 per cento di loro sono maschi, e i più hanno 16 o 17 anni.

"La commissione ha appreso che i ragazzi hanno imparato a mantenere segreto la loro vita sessuale sessuale in prigione", afferma il rapporto. "La punizione per comportamenti sessuali che a quell'età sarebbero del tutto naturali, potrebbe evocare sentimenti di colpa o di vergogna per i ragazzi in carcere e aumentare il rischio che divengano autori di reati sessuali."

La conclusione del rapporto è la seguente: "Incarcerare i minori in questo loro momento formativo è controproducente e può aggravarne i comportamenti problematici, aumentando il rischio che divengano sex offenders".

 

Più facile la violenza nelle grandi strutture

I giovani sono più a rischio di abusi fisici e sessuali nei centri di detenzione di grandi dimensioni, con più di 100 detenuti, sulla base delle statistiche carcerarie realizzate negli Stati Uniti. Della Commissione facevano parte accademici, avvocati, attivisti e rappresentanti del parlamento.

I rapporti di ispezione effettuati in Inghilterra e Galles hanno rilevato che un terzo dei ragazzi a un certo punto della loro permanenza in carcere si sono sentiti minacciati e che un quinto di loro è stato vittima di abusi.

A Feltham gli ispettori hanno riscontrato che vi erano, in media, due scontri o aggressioni al giorno, tra cui agguati pre-meditati.

Le prigioni per minori in Inghilterra detengono almeno 130 giovani e entro la fine dell'anno dovrebbero iniziare i lavori di costruzione di un centro di detenzione con 320 posti letto, accanto alla prigione di Glen Parva nel Leicestershire, per detenere i ragazzi e ragazze di età compresa tra i 12 e i 17 anni. L'attuale più grande istituzione detentiva, la Wetherby nel West Yorkshire, detiene 288 ragazzi.

La relazione degli attivisti afferma che piccole unità con personale altamente qualificato sono la soluzione migliore per garantire un supporto intensivo per minori, i quali possono avere esigenze e bisogni anche molto complessi. Questa è una critica implicita al progetto di Glen Parva del governo.

20140217 carcere Inghilterra 1

"Questi primi risultati sollevano gravi questioni che richiedono ulteriori ricerche e attività di studio. È questione di grande preoccupazione che vi possa essere un incremento della possibilità che si verifichino reati sessuali, come alcuni studi hanno indicato", ha detto Chris Sheffield, il presidente della Commission on Sex in Prison.

La questione resta tuttora controversa. A molti non sembra sufficientemente provato che l'ambiente carcerario sia determinante perché i ragazzi da adulti divengano necessariamente autori di reati sessuali. Alcuni criminologi, come Elena Martellozzo, docente presso la Middlesex University, sostengono che mandare i minori in carcere li rende più vulnerabili e forse più inclini a commettere reati una volta fuori di prigione, ma che non si possa sostenere con certezza che questi saranno a sfondo sessuale".

 

Solo una scuola "fortificata" con approccio educativo

Il governo sostiene che la progettata grande "scuola fortificata" nel Leicestershire fa parte di un tentativo di porre fine alla recidiva da parte dei giovani.

Il "collegio di sicurezza", una volta aperto nel 2017, cercherà di raddoppiare le 12 ore di formazione che i giovani detenuti dovrebbero ricevere ogni settimana. La nuova unità, insieme al carcere di Glen Parva, è stata progettata per essere la prima di una serie di unità più grandi.

Gli ultimi dati di novembre 2014, indicano che 1.055 giovani al di sotto dei 18 anni sono stati incarcerati in Inghilterra e Galles. Il costo è di circa 65.000 sterline l'anno per ciascun minore detenuto in una struttura carceraria minorile. Questi dati associano le criticità economiche a quelle educative, sollevando ulteriori dubbi sul senso delle scelte governative contrastate dalla Howard League per la riforma penale.

 

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca