Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Delinquente una volta, delinquente per sempre. Questo è quello che pensano in molti anche nel nostro paese. Si tratta infatti di un luogo comune piuttosto diffuso, quello per cui la maggior parte di coloro che commettono un crimine entreranno presto, e per sempre, nel circolo vizioso della delinquenza e della recidiva.

20161103 luoghi comuni a

Tuttavia un vasto studio effettuato sugli autori di reato in Australia ha smentito questa credenza popolare, scoprendo che la maggior parte degli autori di reati violenti non torna a commettere altri crimini dopo la prima condanna.

È un’analisi illuminante e piena di suggerimenti che potrebbero essere fruttuosamente applicati anche nella nostra situazione.


Solo uno su quattro
ha commesso di nuovo un altro reato violento


Secondo uno dei riscontri della ricerca, che ha sorpreso gli stessi i ricercatori del Bureau of Crime, i tre quarti degli autori di un reato violento non sono stati condannati per un altro reato violento nei 20 anni successivi.

Lo studio longitudinale ha tracciato la situazione penale di 26,472 autori di reato nati tra il 1986 e il 1990, che avevano avuto almeno una condanna per un crimine violento. Solo uno su quattro ha commesso di nuovo un altro reato violento.

Il direttore dell'Ufficio, Don Weatherburn, afferma che lo studio mette in evidenza i pericoli di creare uno stereotipo secondo il quale tutti i trasgressori che hanno commesso atti violenti, diventeranno pericolosi recidivi.

20161103 luoghi comuni

"Esiste un piccolo gruppo di criminali violenti che continuano a commettere reati dello stesso genere, ma la maggior parte desiste dopo un solo reato" ha affermato.

Lo stato australiano è stato alle prese con il doppio smacco di avere alti tassi di recidiva e una popolazione carceraria a livelli record.

Tuttavia, lo studio sembra dimostrare che, per i reati violenti, i peggiori recidivi vengono da un gruppo abbastanza ristretto di autori di reato.

I più alti tassi di reati violenti sono stati riscontrati tra i giovani delinquenti maschi, la gran parte dei quali ha commesso reati prima dei 17 anni.


i risultati possono aiutare a restringere
il focus delle attività e degli sforzi per ridurre la recidiva


Quelli che hanno commesso di nuovo reati, si sono per lo più  resi responsabili di reati non violenti, come la guida in stato di ebbrezza, guida in condizione di sospensione della patente, possesso di droghe, violazione e danni alla proprietà, molto più bassa l’incidenza statistica di reati violenti.

Un altro riscontro che ha sorpreso i ricercatori, è riferito ai trasgressori condannati per reati di violenza domestica, i quali non hanno fatto rilevare una maggiore probabilità di essere di nuovo condannati per un altro reato violento rispetto a coloro che avevano commesso una violenza fuori di casa.

I risultati possono aiutare a restringere il focus delle attività e degli sforzi per ridurre la recidiva e possono rafforzare la convinzione ampiamente condivisa che il carcere non aiuta a ridurre il crimine, ha affermato il criminologo Michael Salter.

20161103 luoghi comuni 4

"Se tre quarti delle persone che finisce dinanzi ai giudici per reati violenti non sono ad alto rischio di recidiva, questo indica che le sentenze pesanti a lunghe pene detentive non avranno un grande impatto sui tassi di criminalità nella comunità" ha spiegato Salter.

Ha continuato sottolineando che i risultati evidenziano le "gravi questioni inerenti  i bisogni insoddisfatti dei giovani provenienti da ambienti difficili che stanno iniziando ad avere comportamenti devianti".

"La domanda allora è: Questi giovani che sono a maggior rischio di recidiva, hanno bisogno di una punizione più dura? O abbiamo bisogno di rispondere meglio alle loro esigenze non soddisfatte le quali promuovono la recidiva?

"Chiaramente abbiamo l'opportunità di porre fine alla loro carriera criminale se l'intervento è appropriato e solidale e se soddisfa le loro esigenze".


occorre essere necessariamente più focalizzati
su come affrontare le problematiche di welfare
più concrete per questa area sociale di persone a rischio


Mindy Sotiri, direttore del programma presso il Community Restorative Centre, un'organizzazione che sostiene coloro che si trovano all’interno del sistema di giustizia penale, ha detto che gli appartenenti al gruppo ad alto rischio di recidiva, spesso hanno una lunga e complessa storia di svantaggio sociale.

"Sviluppare percorsi al di fuori del sistema di giustizia penale per questo gruppo tende, per noi, a significare di essere necessariamente più focalizzati su come affrontare le problematiche di welfare più concrete per questa area sociale di persone a rischio - alloggio, occupazione, istruzione, salute mentale, relazioni sociali - di quanto non lo sia concentrarsi sulla loro categoria di reato" ha concluso.

Si tratta di risultati riferiti a una realtà geograficamente e socialmente lontana dalla nostra, ma che offrono spunti e considerazioni utili per affrontare il problema della recidiva e della sua prevenzione anche nel nostro paese.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca