Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

A tutti capita ogni tanto di vivere dei conflitti. Il conflitto è una componente normale della vita. E imparare a gestirlo in modo sano aiuta i ragazzi a padroneggiare le abilità sociali di cui hanno bisogno. A differenza dei conflitti, però, il  bullismo non è una parte normale della vita. Non è un "rito di passaggio" e non rende i ragazzi più forti.

20190129 differenza 7a

Alla questione delle differenze tra conflitti e bullismo ha dedicato un recente intervento Sherri Gordon, esperta del tema e autrice di numerosi testi sull’adolescenza.

Il bullismo, afferma la Gordon, è un abuso di potere e ha conseguenze significative. Non c'è niente di sano nel bullismo. Di fatto, ci sono alcune differenze ben distinte e facilmente evidenziabili tra bullismo e conflitto. Essere in grado di identificare queste differenze è importante per sapere come rispondere e intervenire, nel caso di abusi.


Caratteristiche del conflitto tra pari

Esistono diversi modi per identificare un conflitto. In primo luogo, quando si verifica un conflitto, entrambe le persone coinvolte hanno pari potere nella relazione. E sebbene entrambe le persone possano essere agitate e arrabbiate, nessuno cerca controllo sull’altro o attenzione esterna. In un conflitto, gli individui coinvolti di solito sono anche rispettosi l'uno verso l'altro anche se si trovano in disaccordo.

Inoltre, quando le persone sperimentano conflitti, spesso provano rimorso e si assumono la responsabilità delle loro azioni.

Vogliono risolvere il problema in modo che possano ricominciare a star bene. Sono intenzionate a trovare un qualche tipo di accordo in modo che la relazione con l’”avversario” si riproponga in termini positivi.

Infine, il conflitto si verifica occasionalmente e di solito non è grave o emotivamente dannoso per nessuna delle due persone. Sebbene fare esperienza di un conflitto non sia mai divertente per nessuna delle parti, questo non porta le persone a sentirsi male per quello che sono.


Caratteristiche del bullismo

Il modo migliore per identificare il bullismo è riconoscere che si tratta di un atto deliberato. L'obiettivo è ferire, insultare o minacciare un'altra persona. Esiste anche uno squilibrio di potere in questa situazione. I bulli esercitano il controllo su altre persone intimidendole, molestandole, minacciandole o umiliandole.

Il bullismo inoltre è ripetuto e intenzionale. In altre parole, è un evento che continua e si ripropone. Sebbene la “tattica” possa variare da episodio a episodio, il bullo prende di mira le stesse persone più e più volte con lo scopo di ferirle in qualche modo. Il bullismo rappresenta inoltre una minaccia di gravi danni emotivi o fisici.

In genere, un bullo sente pochissimo rimorso e l'obiettivo dei suoi attacchi di solito è visibilmente turbato. Inoltre, i bulli provano soddisfazione nel ferire le persone. E non si verifica alcun tentativo di risolvere nulla. I bulli non sono interessati ad avere una relazione con la vittima che hanno scelto.

Occorre tuttavia ricordare che non tutte le azioni dolose sono prepotenze. A volte è semplicemente un comportamento scortese. Occorre quindi assicurarsi di conoscere bene ciò che costituisce il bullismo .

20190129 differenza 7


Differenze nell'affrontare il conflitto e il bullismo

Il conflitto è una parte importante della crescita ma il bullismo non lo è.

Il conflitto insegna ai ragazzi come dare e prendere. Imparano anche come raggiungere un accordo e come risolvere i problemi. Il bullismo invece li ferisce solamente.

Quando si tratta di conflitto, è bene che i giovani imparino le abilità di risoluzione dei conflitti. Queste abilità promuovono l'ascolto e il “lavorare insieme”. Entrambe le parti puntano ad arrivare a un accordo. Ma le modalità e le “tecniche” per la risoluzione dei conflitti non sono appropriate per le situazioni di bullismo. Di fatto, utilizzarle può essere molto pericoloso per le vittime del bullismo.

La risoluzione dei conflitti funziona sulla base del presupposto che entrambe le persone sono responsabili del problema che hanno e devono risolverlo. In questa situazione, entrambi i ragazzi fanno compromessi e il conflitto viene risolto. Di solito, quando i ragazzi hanno un conflitto, è meglio lasciare loro l'opportunità di risolverli da soli.

Il bullismo è ben diverso. È proprio del bullo fare una scelta per ferire intenzionalmente un'altra persona. Non c'è niente da “elaborare”.

Inoltre, i  bulli di solito non negoziano con gli altri. Vogliono potere e incolpano gli altri per le loro azioni. Anche se un adulto può convincerli a scusarsi, i bulli spesso si vendicheranno quando nessun adulto è in giro. Di conseguenza, è fondamentale riconoscere la differenza tra conflitto e bullismo.

Occorre sempre ricordare che il bullo è pienamente responsabile per la situazione che ha creato. Tutte le responsabilità affinché le cose cambino sono sue. Costringere una sua vittima a partecipare alla risoluzione del conflitto o alla mediazione non è mai una buona idea. Invece lo è sviluppare un processo di intervento che garantisca la sicurezza dello studente vittima di bullismo.

Nel frattempo, il bullo dovrebbe essere punito. I bulli devono subire conseguenze per il loro comportamento. Devono anche sentirsi dire che le loro scelte sono inaccettabili e non saranno tollerate.

Allo stesso modo, le vittime del bullismo devono essere rassicurate sul fatto che non hanno causato loro il bullismo subito e che non sono da biasimare. Bisogna lavorare con i ragazzi bullizzati per aiutarli a superare l'impatto negativo di quello che hanno subito. L'obiettivo per loro è di riguadagnare l'autostima, conclude l'esperta.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca