Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Non più bambini ma non ancora adulti, gli adolescenti hanno bisogno di opportunità di apprendimento per prepararsi al loro ingresso nella società. Il prolungarsi rispetto al passato del tempo della formazione, allunga sempre più il periodo dell'adolescenza. Gli adolescenti, inoltre, vengono tenuti un po’ alla larga dai compiti di responsabilità, in quanto ritenuti spesso troppo "egoisti" e irresponsabili. La società sta forse dimenticando e trascurando l'importante bisogno di sviluppo dei suoi giovani?

20190227 contribuire 1

Come studioso dello sviluppo che si concentra sull'adolescenza, considera a riguardo il dottor Andrew Fuligni, psicologo dell’Università della California, in un suo recente intervento, ho esaminato decine di studi e scoperto che questa fascia d'età ha un fondamentale bisogno di dare un contributo alla vita degli altri - per fornire supporto, risorse o aiuto, partecipando a un obiettivo condiviso.

Contribuire aiuta a raggiungere l'autonomia, l'identità e la fiducia in sé - tappe importanti sulla via dell'età adulta.

Quando i ragazzi crescono, i loro cervelli si stanno sviluppando in modi che sembrano supportare i modi di pensare sempre più complessi e il comportamento che stanno alla base del dare una mano agli altri.

E la capacità di fornire contributi significativi predice una migliore salute psicologica e fisica nei giovani, tanto quanto negli adulti.

Credo che sia tempo di abbandonare gli stereotipi obsoleti sugli adolescenti, sottolinea il professore, che li dipingono come se fossero solo egoisti e pericolosi soggetti che amano prendersi rischi, considerandoli invece abbastanza maturi per imparare a dare un contributo agli altri e alla loro comunità.

Fa parte della natura umana dare, anche per gli adolescenti

Per decenni, gli economisti e altri scienziati hanno chiesto a migliaia di persone di fare giochi sperimentali che chiedevano loro di dare e condividere denaro, e altre risorse, l'uno con l'altro.

Questi studi hanno costantemente dimostrato che gli adulti in genere sono disponibili a concedere alcuni loro beni agli altri - alcune stime indicano fino a circa il 30% dei loro beni - anche se non conoscono i destinatari e non si aspettano nulla in cambio.

Anche gli adolescenti, da parte loro, sono generosi. Diversi laboratori di ricerca in tutto il mondo hanno segnalato la tendenza dei giovani a condividere almeno parte dei loro soldi o premi con gli altri in questi giochi, anche a proprie spese.

Gli studi nei Paesi Bassi hanno indicato che tra il 50 e il 75% degli adolescenti tra i 9 e i 18 anni, sono disponibili a effettuare un'ingente donazione agli amici. Disponibili al dono anche agli estranei, senza nulla in cambio, dal 30 fino anche al 50 per cento di quello che hanno.

Nella ricerca condotta dal nostro team, spiega il dottor Fuligni, due terzi degli adolescenti americani hanno accettato di dare soldi alla famiglia, privandosene.

Se si aggiunge il fatto che gli adolescenti indicano costantemente i loro amici come la loro fonte più frequente di supporto emotivo e sociale, emerge un quadro in cui gli adolescenti rappresentano un gruppo pronto a dare un contributo agli altri.

20190227 contribuire 1a


Sviluppi cerebrali volti al bene

Il cervello dell'adolescente viene ritenuto responsabile di molti cattivi comportamenti, come la delinquenza e l'uso di sostanze. Ma questa reputazione sta avendo una "riabilitazione".

La ricerca neuroscientifica mostra che le regioni del cervello correlate alla ricompensa, come lo striato ventrale e dorsale, diventano più sensibili durante l'adolescenza. Allo stesso tempo, si rafforzano le connessioni con le aree cerebrali rilevanti per il controllo cognitivo, come la corteccia prefrontale.

Entrambi questi sviluppi del cervello possono essere funzionali all'apprendimento esplorativo, alla creatività e alla flessibilità cognitiva, fattori essenziali per diventare adulti.

Queste regioni e reti cerebrali, così come quelle rilevanti per il pensare ad altre persone, sono implicate nei comportamenti prosociali e di donazione.

Gli studi del nostro gruppo, sottolinea lo psicologo, hanno dimostrato che diverse regioni - come lo striato ventrale e dorsale e la corteccia prefrontale dorsolaterale e dorsomediale - sono attive quando gli adolescenti fanno "preziose" donazioni alla loro famiglia.

Tra i giovani che danno molta importanza all'aiuto fornito alla famiglia, abbiamo rilevato un'attivazione ancora maggiore in altre regioni, legate alla cognizione sociale, e nelle loro connessioni. Anche altri ricercatori hanno ottenuto risultati simili.

Queste sono le stesse reti neurali che subiscono il maggior cambiamento durante gli anni dell'adolescenza. Le reti sembrano essere attive durante il complesso processo decisionale - a chi, quando, ne hanno veramente bisogno? - che può essere coinvolto nella condivisione di risorse, nel supporto e nell’impegno con gli altri.

È complicato esplorare e impegnarsi in queste difficili domande. Il cervello in via di sviluppo può consentire ai giovani di imparare come eseguire i calcoli necessari per rispondere loro.

20190227 contribuire 3


Dare benefici anche al donatore

Contribuire aiuta sia i destinatari, sia i donatori. Sempre più evidenze mettono in relazione il dare e il fare cose per gli altri con una migliore salute psicologica e fisica. Il volontariato e il fornire assistenza sono risultati correlati con una minore mortalità, minori problemi di salute e minore depressione .

E, naturalmente, anche gli adolescenti vivono tali benefici. In uno studio molto interessante, i ricercatori hanno inserito a caso un gruppo di giovani in un programma che fornisce supporto e compagnia agli anziani.

Rispetto ad un gruppo di controllo, composto sempre da adolescenti, i ragazzi del programma hanno in seguito manifestato livelli circolanti di infiammazione più bassi - un marcatore noto per essere associato a una varietà di problemi di salute cronici.

Un altro studio ha osservato che aiutare gli altri quotidianamente ha migliorato l'umore dei giovani, in particolare di coloro che soffrivano di livelli più elevati di sintomi depressivi. Il nostro team, continua Fuligni, ha anche osservato che gli adolescenti erano significativamente più felici nei giorni in cui aiutavano le loro famiglie, in parte per la sensazione di ricoprire un ruolo importante nella famiglia.


Aiutare a soddisfare la necessità di contribuire

Offrire ai giovani l'opportunità di dare un contributo agli altri sembrerebbe essere una soluzione vincente: i giovani acquisiscono competenze e mantengono il benessere, mentre le comunità traggono beneficio dal loro impegno. Ma viene offerta di fatto agli adolescenti questa opportunità, nella loro vita quotidiana?

Innanzitutto occorre prendere in considerazione l'impostazione dell’organizzazione domestica. Le famiglie offrono davvero agli adolescenti la possibilità di prendere parte alle decisioni che riguardano se stessi e i loro genitori? I giovani danno un contributo pratico alle loro famiglie, attraverso le faccende quotidiane o in modi ancora più decisivo, come ad esempio aiutando i fratelli a fare i compiti?

Nel contesto scolastico, gli studenti sentono che le loro opinioni e i loro suggerimenti vengono apprezzati e presi in considerazione? Ci sono abbastanza posti e occasioni nell’organizzazione scolastica per la leadership degli studenti e attività extrascolastiche per dare a tutti i ragazzi l'opportunità di partecipare?

Nella comunità più in generale, le persone dovrebbero devono essere disponibili ad accogliere con grande favore i contributi dati dagli adolescenti, anche quando possono differire da quelli degli adulti. I programmi condivisi di qualità - quelli che consentono ai giovani di esprimersi - sono equamente disponibili per i giovani etnicamente ed economicamente diversi della società odierna?

Capire in che modo si possa promuovere il contributo dei giovani può essere difficile. È necessario prendere decisioni adeguate in merito al tipo e del valore appropriati, e gli adulti a volte devono intervenire e limitare ciò che gli adolescenti possono e dovrebbero fare.

Ad esempio, la partecipazione all’“amministrazione” domestica dei ragazzi potrebbe essere positiva, ma assumere responsabilità lavorative eccessive che interferiscano con la scuola e con il sonno sarebbe dannoso. Queste decisioni possono variare in base alle norme e ai valori di ciascuna comunità. E le persone devono fare uno sforzo consapevole per affrontare il “parrocchialismo”, attraverso il quale adolescenti e adulti tendono a dare e fare di più per quelli che sono come loro.

Tuttavia, in un momento storico in cui molte economie non dipendono più dal lavoro minorile e adolescenziale, forse il desiderio comprensibile di proteggere i giovani ha portato molte persone a dimenticare un ingrediente importante in questo periodo della vita, chiamato in genere "apprendistato per l'età adulta".

I ragazzi adolescenti sembrano essere pronti a dare e contribuire agli altri. Loro e le nostre comunità potrebbero trarne grandi benefici se trovassimo più opportunità affinché possano farlo nel loro quotidiano, conclude il professor Fuligni.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca