Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Spesso gli adulti, genitori o educatori, si trovano a dover affrontare il cattivo umore o la tristezza dei ragazzi di cui si occupano. Qual è il modo migliore per migliorare questo stato d’animo negativo?

20220127 mood 3

Potrebbe essere una qualsiasi abilità di coping in cui il giovane pensi di essere bravo, suggerisce un nuovo studio.

Pensa di potersela cavare con tecniche di mindfulness? Allora questo potrebbe funzionare meglio per lui. O crede che un approccio più cognitivo al malumore sia il suo punto di forza? Allora su dovrebbe consigliare e aiutare il ragazzo a usare quello, ovviamente dopo avergli spiegato e fatto apprendere questi strumenti.

I ricercatori hanno scoperto che le persone di umore triste miglioravano più rapidamente quando usavano un metodo di miglioramento dell'umore che era stato giudicato come una loro forte abilità. I partecipanti che hanno avuto questo supporto motivazionale hanno migliorato il loro stato d’animo più rapidamente rispetto a quelli che invece hanno utilizzato una strategia per la quale erano ritenuti solo relativamente abili

"Abbiamo scoperto che è di grande aiuto per le persone pensare di lavorare con i propri punti di forza piuttosto che con qualcosa che vedono come una debolezza" ha affermato Samuel Murphy, autore principale dello studio e studente di dottorato in psicologia presso la Ohio State University.

Ciò che può essere più sorprendente dello studio, tuttavia, è che ai partecipanti è stato detto in modo casuale che erano più bravi nell’utilizzare una strategia di miglioramento dell'umore piuttosto che un'altra.

"I nostri risultati suggeriscono che il fatto che i partecipanti fossero davvero bravi in una certa abilità non era rilevante. Era la loro convinzione di esserlo che rendeva ​​quell'abilità efficace".

Lo studio è stato pubblicato di recente online sul Journal of Clinical Psychology.

Una delle ragioni dell'importanza di questa scoperta è che per molti anni gli psicoterapeuti si sono concentrati sul tentativo di correggere ciò che non andava nei loro clienti. Negli ultimi anni, invece, è diventato più comune concentrarsi sui punti di forza di un paziente e usarli per aiutare ad affrontare i suoi problemi e sofferenze come la depressione.

"Il modo in cui i terapeuti inquadrano il trattamento per un paziente può svolgere un ruolo importante nel modo in cui questo poi funziona bene. Dire ai pazienti che si lavorerà sui loro punti di forza può migliorare ulteriormente l'efficacia del trattamento".

Lo studio ha coinvolto oltre seicento studenti universitari. I ricercatori hanno brevemente parlato ai partecipanti di due abilità terapeutiche - cognitiva e mindfulness - che secondo loro potevano essere utili nella loro vita quotidiana. Entrambe le tecniche vengono utilizzate dai terapeuti per aiutare i pazienti con problemi come la depressione.

Le abilità cognitive sono state definite come saper identificare e rivalutare pensieri e credenze negative. Le abilità di mindfulness, sono state definite come consapevolezza e accettazione dei propri pensieri e sentimenti.

20220127 mood 3a

Ai partecipanti è stata quindi data una situazione ipotetica in cui potevano usare queste abilità - sentirsi feriti per non essere stati invitati a un evento sociale da un amico – e sono stati indirizzati a mettere in pratica entrambe le abilità e descrivere i modi in cui le avrebbero usate.

A ogni partecipante è stato detto in modo casuale che una delle abilità - cognitiva o di mindfulness - era la loro abilità più forte o la loro abilità più debole e che avrebbero dovuto usare quell'abilità nella parte successiva dell'esperimento – la quale sarebbe stata un’attività di "induzione dell'umore triste".

I ricercatori hanno poi “reso tristi” i partecipanti facendo loro immaginare vividamente la morte di qualcuno a cui tenevano mentre ascoltavano una canzone triste, suonata a metà velocità per farla sembrare ancora più triste.

Come previsto, la maggior parte delle persone ha riportato un calo significativo dell'umore subito dopo l'induzione. Ai partecipanti è stato quindi chiesto di rispondere a cinque valutazioni dell'umore nei minuti successivi all'induzione dell'umore triste.

Tutti i partecipanti hanno visto il loro umore migliorare gradualmente al termine dell'induzione. I risultati hanno mostrato che il fatto che venisse chiesto loro di usare abilità cognitive o invece di consapevolezza, non ha avuto un effetto significativo sul recupero dell'umore. Tuttavia la “cornice” all’interno della quale è stata posta la scelta, che fosse la loro abilità più forte o più debole, ha avuto invece conseguenze molto significative.

I partecipanti a cui è stato detto che l'abilità che avrebbero usato era la loro più forte, indipendentemente dal fatto che fosse cognitiva o di consapevolezza, hanno visto un miglioramento dell'umore maggiore rispetto ai partecipanti che hanno lavorato con un'abilità che era stata attribuita loro come più debole.

"Può darsi che questo incoraggiamento iniziale sul fatto che siano davvero bravi in ​​una particolare strategia, possa ispirare maggiore fiducia e perseveranza nell'uso di questa abilità, portando a risultati migliori".

E sembra essere vera anche l’opposto. "Le persone potrebbero essere scoraggiate se viene detto loro che una particolare abilità è una loro debolezza e non si impegnano tanto o non sono sicure che funzionerà".

I ricercatori hanno affermato che i risultati potrebbero essere utili per i terapeuti e gli educatori che si concentrano sulla costruzione dei punti di forza. "È utile far sapere a un individuo che stai lavorando sui suoi punti di forza, se questo porta a un vantaggio, sarà importante provarci".

I ricercatori hanno aggiunto che i risultati potrebbero aiutare chiunque abbia a che fare con un problema come uno stato d'animo triste.

"Abbiamo studiato solo la consapevolezza e le abilità cognitive qui, ma ci sono una varietà di approcci e tecniche per migliorare la salute mentale. Quelli che si pensa funzionerebbero meglio per sé, probabilmente funzioneranno davvero meglio anche solo per questa fiducia nelle proprie capacità."

Sono suggerimenti che, da un certo punto di vista, rientrano nel buon senso e nelle strategie educative di chi lavora con i ragazzi e cerca di motivarli a raggiungere i loro obiettivi. L’evidenza scientifica di quanto la fiducia nelle proprie capacità sostenga i giovani, è un ulteriore sostegno al lavoro motivazionale che si fa con loro.


Riferimento bibliografico
Samuel T. Murphy, Jennifer S. Cheavens, Daniel R. Strunk. 
Framing an intervention as focused on one's strength: Does framing enhance therapeutic benefit? 
Journal of Clinical Psychology, 2022.