Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Gli adolescenti che vedono filmati sulla natura riportano miglioramenti in termini di stress, affetti, umore, rilassamento, connessione con la natura e la sua "spiritualità". Questi esiti supportano gli interventi basati sugli ambienti naturali come misure preventive facilmente accessibili per salvaguardare le condizioni di salute mentale, una preoccupazione crescente oggi soprattutto in relazione ai più giovani.

20231102 biof 2 

In un recente studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, i ricercatori hanno analizzato gli effetti di brevi video naturalistici sulla salute mentale degli adolescenti.

Le malattie mentali rappresentano oggi una sofferenza diffusa e crescente in tutto il mondo. Depressione e ansia sono le manifestazioni più diffuse dei disturbi di salute mentale, con la depressione associata ad un alto grado di recidiva, superiore al 50%, nel corso della vita del paziente.

L’età dell’adolescenza è stimata dagli studiosi in modo diverso: l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce l’adolescenza tra i 10 e i 19 anni, mentre altri ricercatori sostengono che sia tra i 10 e i 24 anni. Tuttavia, l’adolescenza è un periodo critico di transizioni cognitive, fisiologiche, emotive e sociali, che, di conseguenza, aumentano il rischio di stress e disagio emotivo in questa fascia di età.

Le analisi attuali indicano che circa il 50% di tutti i disturbi di salute mentale hanno origine durante l’adolescenza, con una prevalenza che aumenta al 75% entro i 24 anni. Questi risultati hanno spinto gli scienziati a evidenziare l’età tra i 12 e i 24 anni come la finestra chiave per la prevenzione e l’intervento precoce contro la depressione.

Gli interventi clinici convenzionali si sono concentrati sulla "regola del salvataggio", secondo la quale al paziente affetto viene prescritto un trattamento farmacologico dopo l'insorgenza della condizione depressiva. Sfortunatamente, questo approccio ha una bassa efficacia; la maggior parte dei pazienti necessitano di interventi cui non hanno accesso e meno della metà dei pazienti che ricevono antidepressivi ne traggono beneficio.

Considerata la tendenza allarmante dell’aumento delle condizioni di salute mentale in tutto il mondo, esacerbata dalla pandemia del coronavirus, esiste un urgente bisogno di interventi che possano prevenire e curare la depressione essendo facilmente accessibili a tutti.

A proposito dello studio

Nel presente studio, i ricercatori esplorano gli interventi basati sulla natura come terapia alternativa che potrebbe alleviare i disturbi di salute mentale attraverso la riduzione dello stress e dell’affaticamento mentale e ripristinare il funzionamento emotivo e cognitivo.

Sebbene i meccanismi degli interventi basati sulla natura siano ancora poco compresi, l’attuale visione teorica è che gli esseri umani siano predisposti alla “biofilia”, che è la propensione psico-evolutiva verso la natura. Ricerche recenti hanno studiato le connessioni con la natura e la “spiritualità della natura”, raramente citata, come deterrenti contro la ruminazione depressiva, poiché questi approcci possono invocare un desiderio di significato e scopo nella vita, migliorando così i risultati sulla salute mentale.

Gli interventi basati sulla natura comprendono un ampio spettro di attività riferite alla natura e connessioni naturali, incluso lo "Shinrin Yoku", l'arte giapponese del bagno nella foresta. Questi interventi possono anche incorporare approcci psicologici come la mindfulness, la meditazione e la terapia cognitivo comportamentale (CBT).

Per raggiungere l’obiettivo di facilitare l’accessibilità a tali interventi, il presente studio ha utilizzato brevi video di sei minuti per valutare gli impatti dell’esposizione a passeggiate nella natura rispetto a un “controllo urbano” nel suscitare risultati positivi sulla salute mentale.

I partecipanti allo studio sono stati reclutati attraverso i social media, i bollettini dei campus universitari e il passaparola. La coorte campione finale comprendeva 75 adolescenti di età compresa tra 18 e 25 anni. Dopo lo screening di base, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1:1 alla coorte di video naturalistici o di video urbani.

Il gruppo in analisi ha visionato un video coinvolgente visivo e uditivo di ambientazione boschiva della durata di sei minuti, comprendente spazi blu e verdi, suoni dell'acqua e canto degli uccelli. Al gruppo di controllo è stata presentata una registrazione altrettanto lunga di un treno della metropolitana di Londra per emulare l'ambiente urbano. Il video di controllo comprendeva suoni urbani rumorosi, vagoni per pendolari densamente affollati e annunci di servizio pubblico ad alta voce.

I risultati dello studio sono stati misurati utilizzando la Short Warwickshire Edinburgh Mental Wellbeing Scale (SWEMWBS) per il benessere mentale a lungo termine. Per misurare l’umore attuale è stato utilizzato l’International Positive and Negative Affect Schedule Short Form (I-PANAS-SF). Il Brief State Rumination Index (BSRI) è stato utilizzato per valutare la concentrazione e il coinvolgimento dei partecipanti quando è stato loro chiesto di riflettere su elementi "del momento".

La scala analogica visiva (VAS) è stata utilizzata per valutare i livelli di stress percepiti dai partecipanti in seguito all'esposizione all'intervento. Per studiare gli effetti a lungo termine dei trattamenti, i partecipanti sono stati sottoposti al test Perceived Stress Scale (PSS-4), che misura lo stress psicologico percepito nel mese precedente. La connessione con la natura è stata misurata utilizzando il Nature Connection Index (NCI), una valutazione unidimensionale della connessione con la natura negli adulti e nei giovani.

Poiché la spiritualità della natura è raramente citata nella letteratura scientifica, questo studio ha utilizzato quattro item della scala Ecospirituality combinati con tre item personalizzati utilizzando la scala VAS. Le analisi di affidabilità di tutte le misure in questo studio hanno mostrato un'affidabilità buona o eccellente nelle fasi di base e di test dell'esperimento.

20231102 biof 7

Risultati dello studio

I livelli di stress nel gruppo in analisi sono migliorati significativamente rispetto a quelli del gruppo di controllo rispetto alle verifiche iniziali di base. Questi risultati erano a lungo termine e miglioravano con ogni sessione di follow-up.

I livelli di rilassamento sono migliorati in modo simile nei casi rispetto ai controlli immediatamente successivi all'esposizione video. Sebbene non vi sia stato alcun cambiamento statisticamente significativo dall’esposizione di base all’esposizione di controllo, sono stati notati miglioramenti significativi dell’umore nel gruppo dei video sulla natura immediatamente dopo l’esperimento.

La valutazione della ruminazione depressiva non è stata in grado di identificare differenze nei risultati dopo entrambi i trattamenti. Ciò potrebbe essere dovuto alla piccola dimensione del campione o potrebbe suggerire che l’esposizione alla natura virtuale non susciti una risposta così potente come gli interventi nel mondo reale. Quest’ultima ipotesi è più probabile, dato che precedenti ricerche nel mondo reale sulla ruminazione hanno chiarito i suoi risultati positivi in ​​seguito all’esposizione alla natura fisica.

L'attenzione è migliorata nel gruppo in analisi rispetto al gruppo di controllo. Risultati positivi sono coerenti con ricerche precedenti in cui gli interventi sulla natura virtuale spesso, ma non sempre, mostrano benefici, affermano i ricercatori.

I punteggi relativi alla spiritualità naturale auto-riferiti sono migliorati significativamente nel gruppo della natura, ma sono rimasti invariati nel gruppo dei video urbani.

Le valutazioni degli effetti non hanno rivelato alcun cambiamento nella condizione naturale rispetto ad una drastica diminuzione della condizione urbana. Pertanto, il video sulla natura ha agito come un cuscinetto contro gli effetti dannosi piuttosto che come un vero e proprio miglioramento.

Conclusioni

La ruminazione depressiva rappresenta un'eccezione fondamentale; l'esposizione di sei minuti a una passeggiata nei boschi ha mostrato miglioramenti immediati nell'attenzione, nell'umore e nei livelli di rilassamento e una riduzione a lungo termine dello stress percepito. Anche le connessioni con la natura e la spiritualità sono migliorate nei partecipanti a cui è stato somministrato il video sulla natura rispetto a quelli che hanno visionato con il video urbano.

Testare l’effetto dell’esposizione alla natura virtuale come parte di un pacchetto più ampio di interventi, compresa la terapia, dovrebbe essere una priorità al fine di affrontare il peso delle difficoltà di salute mentale nei giovani attraverso approcci sia di prevenzione che di intervento precoce, concludono i ricercatori.


Riferimento bibliografico

Owens, M., & Bunce, H.
The effect of brief exposure to virtual nature on mental wellbeing in adolescents.
Scientific Reports (2023).