Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Secondo una recente ricerca solta dall'università americana UCLA, la gran parte degli adolescenti preferisce programmi televisivi e trame cinematografiche incentrati su amicizia e affetti piuttosto che su relazioni sentimentali e contenuti sessuali espliciti.

20231106 vicin 3

Gli adolescenti vorrebbero vedere vite come la loro rappresentate sugli schermi. Lo studio Teens & Screens quest'anno del Center for Scholars & Storytellers dell'UCLA, ha scoperto che gli adolescenti, oltre ai giovani della fascia demografica di età compresa tra i 18 e i 24 anni a cui si rivolgono tipicamente gli inserzionisti, pensano che il sesso e le relazioni sentimentali abbiano troppo spazio nei programmi TV e nei film. Preferirebbero vedere più amicizie e relazioni meno esplicite.

Quasi la metà degli adolescenti di età compresa tra 13 e 24 anni ritiene che le storie d’amore e sesso siano abusate nei media (44,3%) e che il sesso non sia necessario nella trama della maggior parte dei programmi TV e dei film (47,5%). La maggioranza (51,5%) desidera vedere più contenuti incentrati su amicizie e relazioni platoniche, con il 39% che cerca sullo schermo personaggi più “non romantici” e “asessuali”.

I ricercatori che hanno condotto lo studio hanno definito questa tendenza in evoluzione come "nomance" per contrapporla alla “romance”.

"Sebbene sia vero che gli adolescenti vogliono meno sesso in TV e nei film, ciò che l’indagine dice in realtà è che vogliono più e diversi tipi di relazioni riflesse nei media che guardano" ha affermato la dottoressa Yalda T. Uhls, del dipartimento di psicologia dell'UCLA.

In una lista degli stereotipi più detestati dagli adolescenti, i luoghi comuni romantici si sono classificati al quarto posto; includevano trame che mostrano come le relazioni affettive siano necessarie per la felicità, con protagonisti maschili e femminili che devono sempre finire insieme in una relazione, e su triangoli amorosi. Sebbene la popolarità di “Twilight” e “The Hunger Games” abbia potenziato il cliché del triangolo amoroso, quello che una volta era una novità è diventato un luogo comune, e gli adolescenti sembrano aver sviluppato un’avversione per quelle trame.

“Sappiamo che i giovani di questi tempi soffrono molto la solitudine e cercano modelli e realtà in cui identificarsi nella fiction che consumano. Mentre alcuni sceneggiatori usano il sesso e il romanticismo come scorciatoia per connettere i personaggi, è importante per Hollywood riconoscere che gli adolescenti vogliono storie che riflettano l'intero spettro delle relazioni" ha detto la professoressa Uhls, aggiungendo che studi recenti mostrano che i giovani fanno meno sesso rispetto di quanto lo abbiano fatto i loro genitori alla loro età, e molti preferiscono restare single.

20231106 vicin 6

Il rapporto, un ritratto realizzato annualmente sulla relazione tra adolescenza e media, ha intervistato 1.500 giovani di età compresa tra 10 e 24 anni (età che riflette il periodo dell’adolescenza definito dall’Accademia Nazionale delle Scienze) in agosto, con la partecipazione di 100 giovani per ciascuna fascia di età. Gli intervistati riflettevano da vicino il censimento degli Stati Uniti del 2020 in termini di etnia e genere.

Per quanto riguarda le abitudini di visione, il 50,5% degli adolescenti intervistati ha espresso una forte o leggera preferenza per il “binge-watching” di programmi tutti in una volta, mentre il 25,5% preferisce vedere episodi settimanalmente.

Gli adolescenti hanno anche mostrato una forte preferenza per i contenuti originali, con il 56% che sceglie film e programmi TV originali rispetto a remake, franchise o quelli basati su proprietà intellettuale preesistente come un libro, un fumetto o una graphic novel.

Le preferenze mediatiche degli adolescenti nel 2023 si orientavano verso contenuti familiari. Nel 2022, l'argomento che gli adolescenti volevano di più vedere sullo schermo era "vite diverse dalla mia", ma nel 2023 questo è sceso alla posizione al n. 9 mentre "vite come la mia" è salito al n. 2. Nonostante la loro passione per le storie originali, i supereroi sono ancora al quarto posto tra gli argomenti che desiderano maggiormente guardare.

"Gli adolescenti guardano ai media come a un 'terzo luogo' in cui possono connettersi e provare un senso di appartenenza - e con notizie allarmanti sul cambiamento climatico, le pandemie e la destabilizzazione globale, è logico che gravitino verso ciò che è più familiare e “tranquillo” in quegli spazi".