Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Esistono momenti in cui i giovani non riescono a resistere all’impulso di bere in modo esagerato, spesso accade al fine settimana, durante una festa, per celebrare un traguardo raggiunto o semplicemente per abbandonarsi a quanto stanno facendo tutti gli altri nel loro gruppo.

20231127 spaz 1

Cedono a un’aspettativa di benessere, a un impulso difficile da ignorare, nonostante le sue conseguenze sulla loro salute.

Una nuova ricerca del Communication Neuroscience Lab presso la Annenberg School for Communication presso l'Università della Pennsylvania, in collaborazione con ricercatori di altre università, ha scoperto che incoraggiare i giovani a creare una distanza psicologica tra loro e i fattori che li spingono a bere alcolici può ridurre la frequenza con cui bevono. Un risultato verificato con ragazzi universitari ma che potrebbe essere esteso alla popolazione più generale dei giovani che non frequentano l’università.

Una prospettiva diversa

Ricerche precedenti hanno scoperto che le persone con disturbo da consumo di alcol possono essere motivate a fare scelte più sane riguardo al bere utilizzando la mindfulness o il pensiero prospettico, chiamato anche distanziamento psicologico.

"Nel distanziamento psicologico, una persona è addestrata a creare spazio mentale come risposta alle sue reazioni immediate ai fattori scatenanti che spingono ad assumere comportamenti malsani, come mangiare o bere in modo incontrollato" afferma l'autrice principale della ricerca. "Possibilmente reindirizzando l'attenzione lontano dagli schemi di pensiero reattivi e de-automatizzando le risposte ai fattori scatenanti".

Poiché gli studenti universitari si trovano spesso di fronte a fattori scatenanti che li spingono a bere alcolici, i ricercatori si sono chiesti se le tecniche di distanziamento psicologico potrebbero incoraggiarli a fare scelte migliori riguardo all'alcol prima che inizino i problemi con il bere.

Il gruppo di ricerca ha testato due strategie per creare una distanza psicologica dalle reazioni ai fattori scatenanti dell’alcol: mindfulness e assunzione di prospettiva.

Attraverso la mindfulness, quando una persona si sente indotta a bere, osserva la situazione con una mentalità imparziale, non giudicante o curiosa. Quando utilizza l'assunzione di prospettiva, una persona considera come qualcun altro reagirebbe alla situazione.

In due esperimenti, condotti nel 2019 e nel 2020, i ricercatori hanno testato se queste due tecniche potessero incoraggiare gli studenti universitari a cambiare il loro comportamento nel bere nella vita reale, utilizzando promemoria tramite messaggi di testo.

Nel 2019, 108 studenti universitari sono stati assegnati in modo casuale a tre gruppi – un gruppo di mindfulness, un gruppo di assunzione di prospettiva e un gruppo di controllo – e hanno insegnato a utilizzare le rispettive tecniche di distanza psicologica.

Ai membri del gruppo di assunzione della prospettiva è stato chiesto di reagire ai segnali dell'alcol (vedere o pensare all'alcol) come se fossero nei panni di amici che bevono meno di loro.

Ai membri del gruppo di mindfulness è stato insegnato a prendere le distanze mentalmente da questi segnali "osservando la situazione e la loro risposta ad essa, con una mentalità imparziale, non giudicante o curiosa".

Al gruppo di controllo è stato detto di agire in modo naturale quando incontravano i fattori scatenanti dell'alcol.

Per 28 giorni i partecipanti hanno descritto il loro consumo di alcol al mattino e alla sera e hanno ricevuto promemoria via SMS relativi allo studio. Per i membri dei gruppi sperimentali, nel corso della prima settimana questi promemoria sono stati messaggi di controllo neutri, mentre durante la settimana successiva veniva loro ricordato di praticare l’allenamento specifico loro assegnato – mindfulness o assunzione di prospettiva – quando venivano a contatto con l’alcol:

- Messaggio di testo sulla mindfulness: se oggi ti trovi vicino al bere, REAGIRE CON MINDFULNESS, notare, riconoscere e accettare i pensieri e i sentimenti che provi;

- Messaggio di testo per la presa di prospettiva: se oggi ti trovi vicino al bere, immagina come reagirebbe [NOME], prova a immaginare i sentimenti e i pensieri che [NOME] avrebbe;

- SMS di controllo: se oggi sei vicino al bere, REAGIRE NATURALMENTE: prova tutti i pensieri e i sentimenti che avresti normalmente.

"Il nostro punto di verifica principale chiedeva se gli individui fossero meno propensi a bere nelle settimane in cui ricevevano i suggerimenti di intervento con la distanza psicologica rispetto a quelli di controllo" spiega la studiosa.

20231127 spaz 9

I ricercatori hanno scoperto che sia i promemoria di mindfulness che quelli sulla prospettiva riducono la frequenza del consumo di alcol (il numero di occasioni di consumo a settimana) ma non influenzano la quantità di alcol consumata durante le occasioni di consumo.

Bere fuori dal campus

Dopo la diffusione del Covid, i ricercatori hanno replicato fedelmente lo studio, rendendo virtuali tutti gli elementi del loro allenamento sul distanziamento psicologico.

Lo studio del 2020 comprendeva 218 partecipanti, che hanno dovuto lasciare fisicamente il campus a causa della pandemia e hanno completato lo studio completamente da remoto.

I risultati di questo secondo studio più ampio corrispondevano allo studio precedente, nonostante il contesto mutato in correlazione al Covid. I partecipanti ai gruppi di mindfulness e di assunzione di prospettiva hanno bevuto meno frequentemente nelle settimane in cui hanno ricevuto il promemoria sull’intervento.

Questi studi mostrano che attività semplici come i promemoria via SMS, che si basano sul distanziamento psicologico, hanno il potenziale per apportare cambiamenti positivi nella frequenza del consumo di alcol tra giovani che sono bevitori sociali, affermano i ricercatori.

Prossimi passi

"Mi piace pensare a questo come a una prova di fattibilità" dice la Jovanova. "Un passo successivo sarebbe testare quale tipo di promemoria di distanziamento psicologico mira direttamente alla quantità specifica consumata quando si beve e ottimizzare il momento giusto per inviare promemoria a diversi individui".

La studiosa spera anche che questo tipo di intervento, utilizzando qualcosa di così onnipresente come uno smartphone, possa anche promuovere altri comportamenti positivi, come l’esercizio fisico e un’alimentazione più sana.

"Questi esperimenti mostrano il potenziale della combinazione di strategie di distanza psicologica e smartphone da un punto di vista preventivo. Forse per aprire la strada a promemoria più personalizzati prima che si sviluppino abitudini malsane."

"Ci vuole molto lavoro per comprendere la psicologia del cambiamento comportamentale e le conseguenze reali sulla salute dei giovani adulti. È un enorme lavoro di squadra, abbiamo lavorato a stretto contatto con esperti di molteplici discipline per comprendere l'intersezione tra reti cerebrali, social network e benessere negli studenti universitari, risultato che si potrà in futuro allargare anche ai giovani adulti impegnati in altri percorsi."


Riferimento bibliografico

Mia Jovanova et alii-
Psychological distance intervention reminders reduce alcohol consumption frequency in daily life.
Scientific Reports (2023).