Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

I giovani adulti nel nostro paese, come in molti altri paesi europei, stanno sostenendo grandi sfide e difficoltà in questo periodo per raggiungere la piena autonomia. Problemi economici, contratti precari o temporanei, reddito basso, difficoltà ad avere finanziamenti e mutui per una casa, carenza di alloggi, affitti alti, inflazione sempre incisiva.

20231107 econ 5

Tutto questo ha messo sotto pressione la posizione economica delle giovani generazioni. Questo porta necessariamente i giovani a rimandare i loro progetti di creare una famiglia?

Una recente ricerca olandese affronta e approfondisce la questione, individuando nelle difficoltà economiche la discriminante per la scelta della genitorialità. Un fattore apparentemente ovvio che, tuttavia, provato scientificamente, pone un’indicazione precisa alle scelte di politica economica e sociale.

Daniël van Wijk, ricercatore presso l'istituto demografico NIDI, ha esaminato questo problema utilizzando i dati del registro del sistema di dati statistici sociali.

Nei paesi ricchi l’età in cui le persone creano una famiglia continua ad aumentare. "Questo rinvio della genitorialità viene spesso spiegato con la cattiva situazione economica dei giovani adulti" spiega Van Wijk . “Ma sul rapporto tra fattori economici e nascita del primo figlio non si sapeva ancora molto. Nel mio studio ho indagato in che misura diversi fattori economici influenzano la probabilità di avere un primo figlio. Ho anche studiato quando questi fattori giocano un ruolo e chi influenzano. Oltre ai Paesi Bassi , ho esaminato altri sette paesi in tutto il mondo”.

Per la sua ricerca Van Wijk ha utilizzato i dati dei registri sull'intera popolazione olandese provenienti dal sistema di dati statistici sociali CBS. Ha selezionato tutte le persone che avevano tra i 15 ei 30 anni  al 1° gennaio 2006  e che hanno terminato gli studi o hanno abbandonato la scuola senza diploma nel 2006. Ha poi seguito questo gruppo fino al 2018.

“Sono rimasto molto soddisfatto della qualità dei dati del registro CBS. È una risorsa ideale: tutti sono  inclusi nel set di dati e puoi monitorare le persone per un periodo di tempo più lungo. Non ci si deve preoccupare che il proprio campione sia troppo piccolo”.

Permette inoltre di osservare gli sviluppi tra alcuni gruppi, come i migranti, a un livello dettagliato.

"La conclusione principale del mio studio è che esiste una forte correlazione tra la posizione economica delle persone e la probabilità di avere un primo figlio" spiega Van Wijk. «Sia gli uomini che le donne vogliono avere un lavoro prima di mettere su famiglia, preferibilmente un lavoro con un contratto a tempo indeterminato.

Vogliono anche avere un reddito sufficiente. Le persone senza lavoro stabile e con un reddito insufficiente rinviano la nascita dei figli o addirittura rinunciano ad averne. Lo stesso vale per gli uomini e le donne che in passato sono stati disoccupati e per gli individui il cui reddito era basso. Ciò significa che la difficile situazione economica dei giovani oggi potrebbe anche causare un ulteriore aumento dell'età in cui le persone diventeranno genitori in futuro”.

20231107 econ 3

La ricerca mostra inoltre che le donne con posti di lavoro a tempo indeterminato hanno maggiori probabilità di diventare madri. Per gli uomini, la probabilità di avere un primo figlio è più alta tra i lavoratori autonomi e tra quelli con contratto di lavoro a tempo indeterminato.

“Gli uomini e le donne disoccupati hanno meno probabilità di diventare genitori. All'interno di questa categoria di disoccupati, sono soprattutto gli uomini e le donne nelle posizioni economiche più vulnerabili – ad  esempio quelli che beneficiano di sussidi sociali –  che rimandano la genitorialità.

Anche il livello di reddito gioca un ruolo importante nella decisione di avere figli. Gli uomini ad alto reddito hanno maggiori probabilità di diventare padri rispetto ai loro coetanei a basso reddito. Tra le donne, la relazione tra reddito e probabilità di avere un primo figlio non è così chiara. Lo studio mostra anche che gli uomini e le donne che in passato sono stati disoccupati o con un reddito basso continuano ad avere meno probabilità di avere un primo figlio”.

Van Wijk conclude che, nei Paesi Bassi, fattori economici oggettivi favorevoli come l'occupazione, il reddito elevato e un contratto a tempo indeterminato portano ad una maggiore probabilità di diventare genitori. "Al contrario, le percezioni soggettive dell'insicurezza economica – come  l'ansia per la possibilità di una futura disoccupazione –  non sembrano influenzare la probabilità di avere un primo figlio."

Nei primi capitoli del suo lavoro, Van Wijk  discute principalmente della situazione nei Paesi Bassi. Nel capitolo finale, sposta l’attenzione su altri sette paesi ricchi, tra cui Stati Uniti, Australia e Germania. Anche in questi paesi sembra esserci un forte legame tra il livello di reddito delle persone e la probabilità di avere un primo figlio, soprattutto nell'ultimo decennio. "Ciò dimostra che poter contare su un reddito sufficiente è una condizione importante per gli aspiranti genitori non solo nei Paesi Bassi  ma anche in altri paesi".

Le preoccupazioni sulla natalità e sulla possibilità dei giovani adulti di raggiungere stabilità lavorativa e costruire una famiglia, così presenti anche nel nostro paese, possono dunque trovare una soluzione, anzitutto, affrontando la questione della dignità economica. Una evidenza quasi banale e, allo stesso tempo, poco considerata dalle politiche sociali e economiche in atto.