Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Molti genitori odiano l'idea di turbare o addirittura sconvolgere il loro ragazzo. Non vogliono scatenare un conflitto - e certamente non vogliono che il loro "bambino" sia arrabbiato con loro.

20161221 fai genitore 2a

I genitori non vogliono fare i genitori - vogliono essere degli amici. Questo è più facile. Più divertente. Ma è anche una tattica di genitorialità che di sicuro si ritorcerà contro di loro.

Quando i genitori non fissano dei i limiti, i ragazzi non sviluppano la capacità di tollerare la frustrazione o di saper gestire se stessi, spesso crescendo diventano adolescenti piagnucolosi - e, peggio ancora, adulti che di certo avranno grossi problemi ad affrontare compiti e situazioni difficili, afferma il dottor Thomas Phelan, uno psicologo clinico autore di un testo da poco pubblicato sui temi della genitorialità e della guida dei ragazzi all’età adulta.


limiti e regole sono una parte della vita.
In un certo senso, sono anche una prescrizione per come vivere una buona vita


"Limiti e regole sono una parte della vita. In un certo senso, sono anche una prescrizione per come vivere una buona vita. Essere in grado di tollerare restrizioni e regole di vita ragionevoli è parte di ciò che è conosciuto come capacità di reggere alla frustrazione - una competenza decisiva per il successo degli adulti, al di là di quello che ognuno sceglie di fare nella propria vita professionale".

Per non parlare di quei limiti, basati sul buon senso, che consentono agli adolescenti di adottare comportanti più prudenti e sicuri - in particolare, quando si ha a che fare  con i quattro grandi rischi adolescenziali: la guida di moto o auto, droga e alcol, sesso e relazioni affettive, la tecnologia, sostiene il dottor Phelan.

Tuttavia, non è facile. Esiste una linea sottile di separazione tra il fissare limiti e l’incoraggiare il processo decisionale indipendente.

20161221 fai genitore 2

"Essere genitori di adolescenti può essere duro. Come madri o padri, ci si può spesso sentire come suddivisi in tanti pezzi ... Garantire il rispetto e il mantenimento delle regole della casa, mentre si sta concedendo un’indipendenza sempre maggiore agli adolescenti. Si desidera che divengano adulti competenti e finanziariamente indipendenti, che abbiano i loro propri amici, che riescano un giorno a metter su famiglia e sappiano come godersi la vita giorno per giorno.

In altre parole, dove da un lato occorre fissare e tenere salde le regole della casa, e dall’altro mantenere un buon rapporto con i ragazzi -. E alla fine farsi da parte e lasciarli liberi di prendere la loro strada".

Il dottor Phelan ha recentemente riposto ad alcune domande, a riguardo:

Domanda:  Che cosa significa fissare dei limiti a un adolescente?


l'adolescenza, e la diffidenza / avversione
degli adulti che spesso la accompagna,
è un fenomeno relativamente recente


Risposta: Significa avere quelle che si chiamano “Le regole della casa". Queste sono concordate (e talvolta messe per iscritto) norme che riguardano questioni come gli orari, l'uso della macchina, alcol e droghe , lo studio e i voti. I genitori possono anche chiedere un confronto ai loro ragazzi riguardo a lavoretti da svolgere, gestione del denaro, gite in famiglia, e anche relazioni affettive e amicizie. Mettere dei limiti può anche voler dire accordarsi su come gestire eventuali violazioni delle regole contrattate, stabilire sanzioni ecc.

D: Cosa è successo agli adolescenti, perché non possono avere semplicemente rispetto per i più grandi?

R: Parte della risposta risiede nella storia umana. L'adolescenza, e la diffidenza / avversione degli adulti che spesso la accompagna, è un fenomeno relativamente recente. Solo poche centinaia di anni fa, l'adolescenza probabilmente non esisteva. Tu eri un bambino, e poi - bam! - ti trovavi ad essere un adulto. Non c'era niente in mezzo. L'adolescenza è in gran parte una funzione dei paesi industrializzati in cui l'istruzione è diventata sempre più importante per poi avere successo nel lavoro.

L’istruzione, a sua volta, ha ritardato la crescita, perché i ragazzi dovevano rimanere a scuola. Oggigiorno, negli Stati Uniti, il ritardo può anche essere di più di 10 anni tra l’inizio della pubertà e l’andarsene di casa.

20161221 fai genitore 1

Gli adolescenti hanno davvero molta voglia di essere adulti, ma oggi devono starsene buoni e aspettare perché questo si realizzi. Non si può biasimarli per il fatto che non gradiscano un intervallo tanto lungo e nebuloso. Nella nostra cultura, non credo che facciamo un buon lavoro quando cerchiamo di rendere eccessivamente significativa questa età intermedia.

D: In che modo i genitori possono prendere le decisioni difficili che dovrebbero adottare, facendole rispettare dagli adolescenti di oggi?

R: In primo luogo, rendere inviolabili le regole della casa. Mantenendole minime, ferme, e giuste. In secondo luogo, rimanere in contatto con i ragazzi. Discutere di social media, sesso, di cultura lassista, di politica e droga con loro. Questo non significa dar loro lezioni. Occorre permettere che vi siano delle differenze di opinione e dimostrarsi rispettosi.


un’importante abilità genitoriale è sapere
quando smettere di parlare. In molte situazioni,
tanto più si parla, meno sicuri di sé si appare


D: Come possono i genitori rimanere aperti al dialogo con gli adolescenti?

R: Qualunque cosa esca dalla bocca di un genitore nel corso di un attacco di collera, automaticamente diventa stupida e inutile - anche se le stesse parole potrebbero apparire ragionevoli se fossero scritte su un foglio di carta.

I genitori spesso si sentono ansiosi, e qualche volta anche in colpa, quando spiegano una regola o la conseguenza di una sua violazione a un adolescente scontento e contrariato. Un’importante abilità genitoriale è sapere quando smettere di parlare. In molte situazioni, tanto più si parla, meno sicuri di sé si appare.

D: Che cosa accade ai ragazzi ai quali non siano stati imposti limiti?

R : Gli adolescenti e gli adulti che non amano le regole e limiti fanno molta più fatica ad avere a che fare con insegnanti, datori di lavoro, amici e partner. Inoltre si fanno male più spesso a causa di incidenti stradali, per l'uso di droghe, con gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili, e con quello che può avvenire su internet.

20161221 fai genitore 4

Alcuni suggerimenti per crescere un adolescente autonomo

Quando sono preoccupati per un possibile problema, i genitori di adolescenti dovrebbero pensare un po’ prima di intervenire, consiglia il professor Phelan.

Ci sono quattro possibili modalità di intervento che madri e padri possono prendere in considerazione. La scelta del ruolo e della modalità migliori dipende da molte cose: la sicurezza del ragazzo, il rapporto padre / figlio, e l'obiettivo di aumentare il grado di indipendenza di un adolescente.

Questi sono i quattro diversi ruoli che i genitori  possono avere, secondo il professor Phelan:

1.) Osservatore. In questo ruolo, un genitore non fa altro che guardare cosa sta accadendo per un po'. Forse il figlio ha un nuovo amico di cui non si fida, ad esempio. Deve tener duro per un po’ e vedere come il nuovo rapporto di amicizia si sviluppa.

2.) Consigliere. Vostra figlia, che mantiene normalmente una media del 7, sta prendendo insufficienze in scienze durante l’ultimo quadrimestre. Si potrebbe chiederle cosa sta succedendo, ascoltando con attenzione, poi suggerle di provare a parlarne con la sua insegnante. Occorre tenere a mente, però, che quando si è nel ruolo di consigliere, i ragazzi non devono accettare per forza il vostro consiglio. Dite loro che vi fidate della loro capacità di risolvere le cose. Questo significa rispettare la loro indipendenza.


esprimete il vostro suggerimento, ma non sarà negoziabile.
Alcune cose, infatti, non possono essere negoziabili


3.) Negoziatore . Qualcosa vi infastidisce e sentite che vostro figlio adolescente non si sta comportando bene. Il vostro possibile intervento è quello di mettere in atto una negoziazione.

Per prima cosa fissate un appuntamento – le discussioni di un problema fatte in modo spontaneo e improvvisato sono pericolose e “volatili”. Potreste dire al ragazzo qualcosa come: "Quando potrebbe essere un buon momento perché noi due si parli del cibo avanzato e abbandonato nella vostra camera? Sta cominciando a puzzare!"

4.) Direttore. Esempio: vostro figlio diciassettenne ha rotto con la sua ragazza due mesi fa. I suoi voti sono scesi di molto, ha perso peso, e lui sembra sempre scorbutico e intrattabile.

Pensate che sia depresso, così state delicatamente ma con fermezza insistendo perché vada a parlare con uno psicologo. Ascoltate empaticamente , dapprima, poi esprimete il vostro suggerimento e invitatelo a pensarci. Ma tenendo presente che questa indicazione non sarà negoziabile. Alcune cose, infatti, non possono essere negoziabili.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca