Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Se la domanda:  “Mi fido del mio ragazzo?” è importante, la domanda: “Il mio ragazzo si fida di me?” è cruciale. Sono due domande essenziali per la qualità della relazione con un giovane adolescente.

20180206 fiducia7a

Per un genitore è già piuttosto difficile "controllare" un ragazzo quando è seduto di fianco a lui, durante un momento di "normalità" familiare. Quando è chiuso nella sua stanza o è fuori con i suoi amici, diventa impossibile controllarne il comportamento o le scelte.

L'unica leva che si può avere per influenzare il suo comportamento è la forza della relazione con lui.

E sebbene la percezione che ha un genitore della forza della relazione conta, quella che conta davvero è la percezione che ne ha il ragazzo. Se la percepisce come forte e sente un contatto vero con i genitori, è molto più probabile che si comporti come si vorrebbe quando sarà da solo. Non vorrà deluderli.

Che cosa ha a che fare questo con la fiducia? Tutto.

Una relazione fondata sulla fiducia è una relazione forte. Questo è il motivo per cui la fiducia nei genitori è della massima importanza.

Se la fiducia di un ragazzo nella relazione è “danneggiata” e il contatto con i genitori si è indebolito, un genitore dovrebbe subito porsi alcune domande.

20180206 fiducia7


Il mio ragazzo ha fiducia nel fatto che mi comporterò correttamente con lui?
Anche se non sempre riconoscono la differenza tra giusto e sbagliato, la maggior parte dei ragazzi ha ancora un senso profondo di ciò che è giusto, e molta della fiducia che si può riporre in loro si basa su di esso.

Anche se non sempre è d'accordo con le regole e le impostazioni educative dei genitori, se sono corrette e giuste, quella voce della ragione uscirà dal fondo della sua coscienza ed emergerà senza troppe difficoltà.
Tuttavia, se le regole date e le loro conseguenze sono eccessive, arbitrarie o incoerenti, giudicherà i genitori come ingiusti e creerà una distanza nella relazione. Si fiderà meno di loro.


Il mio ragazzo ha fiducia nel fatto che lo ascolterò piuttosto che impartirgli una lezione?

Questo è molto importante. Se si riesce a far parlare un figlio con noi, non si deve schiacciarlo con consigli non richiesti.

Questa è una delle cose per cui gli adolescenti più si infastidiscono con i genitori. Le "lezioni" sono come una sostanza repellente per gli adolescenti. Se si vuole che scappino nella direzione opposta, basta “sommergerli” con una conferenza educativa, e voilà, se ne sono andati!

20180206 fiducia 10

Quindi, se stanno parlando, bisogna ascoltare – ascoltare davvero, prestando attenzione. Proprio come un genitore si rende conto, mentre li sta guardando negli occhi, che loro non sono davvero lì con lui, anche loro sanno quando un genitore è davvero presente.


Il mio ragazzo ha fiducia nel fatto che riesco a vederlo per quello che è, piuttosto che per quello che vorrei che fosse?
Ogni persona ha un sogno riferito a quello che dovrebbe essere la sua vita.

Questo sogno inizia fin da piccoli, si passa poi gran parte della vita a lavorare per realizzarlo. Il sogno include proiezioni su quello che saranno la carriera professionale, l’amore, la vita familiare e lo stile di vita.
Per molti include anche una componente spirituale che dà alla vita un significato più profondo.

Ma esiste anche un sogno riferito ai propri figli: chi saranno, quali saranno i loro punti di forza e quello che realizzeranno.
Questo è naturale e normale. Ma, a un certo punto, il sogno di un genitore per la vita dei figli deve lasciare il posto al loro proprio sogno.

Da adolescenti i ragazzi hanno sempre più bisogno di sapere che i genitori stanno sostenendo i loro sogni per il loro futuro. E, soprattutto se sono diversi da quelli che i genitori hanno per loro, sentono il bisogno di sentirsi riconosciuti, rispettati e amati per il percorso che stanno facendo.

Se sentono questo in un genitore, con tutto il cuore, allora la fiducia che si vuole da loro (e che loro vogliono anche avere in in genitore) sarà assicurata. È questo il modo in cui un genitore può davvero accompagnare un figlio verso la maturità e favorire il suo bisogno di trovare un propria strada nel mondo. 

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca