Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Se vogliamo che gli adolescenti abbiano una buona salute mentale ed emotiva, dobbiamo fare in modo di lasciare loro un certo controllo sulla loro vita.

20190528 freedom 4

Durante i ventiquattro anni in cui ho lavorato come psicologa con adolescenti, spiega la dottoressa Kirrilie Smout, psicologa clinica specializzata nel lavoro con bambini e adolescenti, ho visto costantemente che quelli che possono prendere almeno alcune decisioni su ciò che fanno, sulle persone con cui  trascorrere il loro tempo, su dove andare e su cosa è importante per loro, agiscono molto meglio di quelli che non hanno questa libertà.

Gli psicologi della ricerca a volte chiamano questo "autodeterminazione".


Per gli adolescenti, maggiore possibilità di controllo significa maggiore felicità

Molti studi mostrano che le persone con un maggiore senso di autodeterminazione sono emotivamente più stabili, hanno maggiori probabilità di avere una buona salute, sono più felici e hanno più probabilità di avere migliori relazioni sociali.

L'autodeterminazione è importante per tutta la vita, ma diventa fondamentale durante l'adolescenza.

A volte parlo con le famiglie delle "Tre P", spiega l’esperta, che arrivano con la pubertà: prospettiva, pari e posto.

In altre parole, da adolescente voglio la mia "prospettiva" (avere un'opinione su ciò che faccio e di cui mi preoccupo). Voglio i miei "pari" (prendere decisioni su chi sono e quando). E voglio il mio "posto" (che siano luoghi senza adulti intorno a me).

Questi desideri adolescenziali possono far paura ai genitori.

Abbiamo un forte (e evolutivamente guidato) istinto a mantenere la nostra prole vicino a noi, a far loro seguire i nostri consigli e a sapere sempre cosa stanno facendo.

Quando gli adolescenti vogliono fare il contrario di quello che desideriamo e vogliamo noi adulti, i nostri cervelli genitoriali subconsci segnalano "pericolo", e iniziamo a preoccuparci o a sentirci frustrati.

Questa sorta di terrore in molti casi è ben fondato.

Gli adolescenti non hanno la stessa capacità di prendere decisioni degli adulti. Sono meno propensi a notare e a prevenire il rischio. Mancano loro le capacità di autocontrollo di un adulto.

Sono più propensi a dare la priorità alle relazioni con i pari rispetto alla scuola, alla salute e talvolta anche alla loro sicurezza fisica.

Ciò significa che i genitori che limitano in modo pesante la possibilità dei loro figli adolescenti di fare scelte, potrebbero evitare alcuni problemi a breve termine. Tuttavia, ci sono due grossi svantaggi nel farlo.

20190528 freedom 4a


Lasciarli stare

Come accennato, prosegue la Smout, la ricerca mostra che gli adolescenti che hanno meno controllo sulle loro attività sono più infelici e hanno una bassa autostima.

A volte un adolescente cupo e arrabbiato sta effettivamente dicendo: "Ho un bisogno disperato di fare le cose da solo e prendere le mie decisioni".

E ancora: "Quando non posso fare una cosa, questo mi fa sentire che non sono abbastanza bravo, di non essere in grado di diventare adulto".

Ho visto molti adolescenti che sono scontrosi, irritabili e infelici, e che diventano molto più felici quando i loro genitori scelgono di fidarsi di loro, concedendo di scegliere e di avere un maggiore controllo sulla loro vita.


Prova futura

Il secondo problema che deriva dall’evitare che i ragazzi prendano le proprie decisioni, è che perdiamo l’occasione di aiutarli a lungo termine.

Un giorno i genitori non potranno più vivere accanto ai loro ragazzi, non avranno più molte possibilità di controllo sulla loro vita. Improvvisamente i ragazzi avranno il pieno controllo su quello che fanno, potranno decidere in libertà con chi trascorrere il loro tempo e come prendere le loro decisioni.

Se non avessimo progressivamente dato loro sempre più libertà mentre eravamo ancora lì vicini a loro per istruirli e sostenerli, allora i loro errori potrebbero avere conseguenze molto più grandi, spiega la psicologa.

Questo significa che come genitori abbiamo una strada difficile da percorrere.

Abbiamo bisogno di "frenare" i nostri ragazzi in alcune aree, sapendo che non sono pronti per essere adulti e tuttavia gradualmente fidarsi di loro dando più libertà e possibilità di controllo anno dopo anno.

Le famiglie con cui ho lavorato hanno capito bene che il loro ruolo di genitore di un adolescente è simile a quello di un allenatore.

20190528 freedom


Continuare a parlare

Come allenatori, si possono fare tre cose.

In primo luogo, i genitori-allenatori dovrebbero tenere sempre d'occhio le abilità che un adolescente ha bisogno di costruire. I problemi allora verrebbero visti come conseguenze delle lacune di competenze, non come difetti di personalità. Dovrebbero avere molte conversazioni e confronti con gli adolescenti per costruire abilità.

Cosa è andato storto in quel caso? Come sarebbe potuto essere diverso? Cosa avresti fatto se questa cosa fosse accaduta quando eri fuori di notte? Come potresti resistere alla tentazione di andare online quando devi studiare? Vorresti che ti dicessi come gestisco personalmente questa situazione?

In secondo luogo, questi genitori-allenatori dovrebbero permettere ai ragazzi di provare le conseguenze delle loro decisioni sbagliate.

Se non hai finito questo compito, dovrai discuterne tu stesso con il tuo insegnante. Se torni a casa così tardi, non riuscirai ad alzarti per quello che devi fare il giorno dopo, quindi dovrai passare il tempo a farlo più tardi, invece di uscire e goderti un po’ di tempo libero. E così via.


Fare il tifo come pazzi per i propri ragazzi

In terzo luogo, questi genitori allenatori dovrebbero cogliere ogni occasione per esultare “pazzamente” dai margini del campo.

"Ho amato come hai fatto quella cosa... Grazie mille per... L'ho apprezzato davvero tanto quando tu... Posso aiutarti in questo? ... C'è qualcosa che posso fare? ... Mi piace parlarti di..."

Allenare gli adolescenti può essere spaventoso, faticoso e frustrante.

È molto più facile subentrare. Ma il coaching porta a ragazzi più felici, meglio adattati, più preparati per l'età adulta, conclude la dottoressa Smout.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca