Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

La pornografia è un argomento delicato, soprattutto quando si tratta di giovani. Si è scritto molto in merito, anche in toni allarmistici e con esagerazione, definendo quella della pornografia come una vera e propria dipendenza. Ma qual è la verità? E in che modo la pornografia influisce sul cervello degli adolescenti?

20200721 dipendenza 2

A fronte dei problemi etici implicati dalla conduzione di uno studio sulla dipendenza da pornografia nei minori, in realtà non ci sono dati chiari sull'argomento. Tuttavia, se si guarda alla ricerca sull'uso della pornografia da parte degli adulti e se si considera ciò che sappiamo sul cervello degli adolescenti, si può avere un'idea di come la pornografia digitale possa influenzare i giovani che si trovano ancora nel mezzo dello sviluppo sessuale.


Dipendenza dal porno - La ricerca

Il Dott. Donald J. Hilton dell'Università del Texas, ha condotto ricerche approfondite sull'impatto neurologico della pornografia. Trova divisivo un termine come "dipendenza" quando si tratta di comportamento sessuale, ricordando che il comportamento umano riguardo al cibo e al sesso fa parte della sopravvivenza di base.

Quindi è naturale che gli umani siano interessati al sesso - ed è normale anche per gli adolescenti.

I discorsi popolari sulla "dipendenza da pornografia" si concentrano sulla desensibilizzazione e sulle "esplosioni di dopamina", ma queste teorie non sono fondate. Anche tra gli adulti che si sono autodescritti come "tossicodipendenti sessuali", diversi studi hanno dimostrato che il cervello umano non risponde agli stimoli sessuali in modo da averne qualcosa di simile all’assuefazione.

I consumatori regolari di pornografia possono avere elevati di libido, ma i contenuti sessuali non hanno modificato i loro "percorsi di ricompensa" come si pensa comunemente.

Tuttavia, il professor Hilton osserva che l'uso ossessivo della pornografia può essere paragonato al gioco d'azzardo e alle dipendenze alimentari, poiché la dipendenza è un processo, non una sostanza chimica.

"Un'abitudine può diventare una dipendenza: sviluppiamo percorsi neurali nel nostro cervello quando facciamo qualcosa costantemente", afferma Michelle Maliniak, consulente dell’Università di Phoenix.

L'esposizione precoce alla pornografia è stressante per il cervello di un giovane. Se un cervello è stressato durante lo sviluppo dal contenuto sessuale o subisce qualcosa di assimilabile a una violenza, possono derivarne disturbi come PTSD, ansia, depressione e deficit di attenzione.


Dipendenza da pornografia - Il problema

Quando si tratta di adolescenti, il problema risiede meno nella possibilità di assuefazione e più nella dipendenza dalla pornografia per l'esplorazione e lo sviluppo sessuale. In breve, Internet non è il posto migliore per imparare comportamenti sessuali sani.

L'industria del porno è proprio questo: un'industria. È intrattenimento, a scopo di lucro, come film e TV. E, inutile dirlo, quello che propone non è realistico. La pornografia può distorcere la visione del sesso di un giovane, stabilendo aspettative non realistiche per i futuri partner – e per se stessi.

"Ho visto un netto aumento dei problemi di autostima a causa del porno" ammette Maliniak.

Secondo l'American Psychological Association, l'età media di esposizione alla pornografia su Internet è di circa 13 anni e molti articoli sostengono che spesso è l’inizio di questo consumo è ancora più precoce.

A questa età impressionabile, un'esposizione continua ai contenuti sessuali può distorcere l'opinione di un adolescente sul consenso e sul rispetto, in particolare data la quantità di materiale violento e dispregiativo disponibile.

Per la salute di un figlio e le sue relazioni future, è importante iniziare conversazioni sulla sessualità prima che sia consentito l'uso libero di Internet.

"Se i ragazzi fanno domande sul sesso o hanno accesso a un telefono cellulare o computer, è tempo di iniziare a parlarne con loro" consiglia Maliniak. "È importante parlare con loro non appena sono in grado di comprendere i loro corpi e cosa sia un contatto buono o uno sbagliato.

20200721 dipendenza 3


Cosa fare

  1. Non giudicare

L'esplorazione sessuale è una parte naturale e salutare dello sviluppo. Se un genitore lo chiarisce a un figlio, sarà più probabile che questi si fidi di lui e si rivolga al genitore se vede qualcosa che lo mette a disagio.

"È una scommessa già vinta che un ragazzo sarà esposto ad un certo punto a contenuti pornografici" ammette Maliniak. “Occorre educarlo in modo che sia pronto a proteggersi. Non deve mai vergognarsi di fare domande o confidare cosa ha fatto o vissuto. “

  1. Restare in relazione

L’adolescente sta scoprendo se stesso in molti modi. Restare empatici e comunicativi in altre aree e interessi della loro vita lo incoraggerà a rivolgersi ai genitori su argomenti più difficili.

  1. Discutere le realtà

Come accennato sopra, la pornografia non è realistica - come i film e la TV, non riflette la vita reale o un comportamento sessuale sano. Occorre discutere con lui in merito al consenso e fare riferimento ad altri media, come i videogiochi, per esplorare le sue opinioni sulle rappresentazioni del sesso e della violenza.

"I ragazzi sono naturalmente curiosi di conoscere il sesso" afferma Maliniak. "Vorranno saperne ed è importante che ottengano le informazioni corrette dai genitori. Se ci si sente a disagio a parlare di sesso, un figlio sarà a disagio nel chiedere".

  1. Limitare l'uso di Internet.

La pornografia viene di solito vista di notte quando gli adolescenti passano lunghi periodi di tempo con i dispositivi tecnologici senza controllo. Si può provare a limitare l'uso della tecnologia durante il giorno e offrire alternative alla curiosità sessuale, come i libri educativi sulla pubertà.


"Una corretta istruzione, onestà e apertura sono le soluzioni giuste" conferma il professor Maliniak. "Un genitore deve trovare il tempo nella sua vita per garantirli - per la salute e la sicurezza dei suoi figli".

estate 2

Le pubblicazioni su Ubiminor riprenderanno a settembre.
A tutti i lettori, auguriamo buone vacanze!

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca