Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

L'abuso non dovrebbe mai essere considerato disciplina e una buona disciplina non dovrebbe mai essere offensiva. Tuttavia, nella foga di un “momento disciplinare”, in particolare in una situazione piena di stress, i genitori possono avvicinarsi rapidamente e anche superare il confine dell'abuso prima ancora che se ne rendano conto.

20210311 sgridare 3

La velocità con cui correggere un figlio può trasformarsi in un danno per il ragazzo rende difficile vedere quel confine e ancora più difficile essere abbastanza consapevoli per saper riconoscere questo pericolo.  

Se un adulto tendenzialmente non riesce a controllarsi, corre questo pericolo, quando è troppo arrabbiato o verbalmente troppo incontenibile. Un semplice segnale di avvertimento in cui un genitore potrebbe arrivare a un abuso può essere visto semplicemente nel modo in cui si approccia a un momento in cui vuole esercitare la disciplina.

La disciplina che è insegnabile, di fatto è calma, è dignitosa, avvertono gli esperti di genitorialità. L'abuso è l'opposto di queste tre cose.

Uno dei maggiori problemi per un genitore quando cerca di educare e insegnare una disciplina a un ragazzo, quando è arrabbiato e stressato, è che l'emozione smorza la sua capacità di adulto di assumere la prospettiva.

In quei momenti, annebbiato dalla rabbia, un genitore non può più vedere le cose dal punto di vista del figlio. Il risultato è che la comunicazione diventa immediatamente impossibile e, con essa, la capacità di insegnare.

Se si è calmi, un figlio sarà in grado di rimanere a sua volta calmo. Ed è così che i ragazzi ricevono meglio le informazioni e le indicazioni che si sta cercando di dare a loro.

Ecco perché è così importante che i genitori siano in grado di allontanarsi, di prendere distanza dall’emotività.

C'è un enorme potere nell'atto di fermarsi e prendere fiato, sottolineano gli esperti. È essenzialmente un time out dei genitori.

20210311 sgridare 3a

Viene consigliato alle famiglie di sviluppare un segno non verbale che consenta loro di indicare che è ora di allontanarsi finché le cose non si calmino un po'.

“Non fa alcuna differenza se sono cinque secondi o dieci minuti. Bisogna prendere fiato e fino a quando si diventa calmi, perché così un figlio risponderà e reagirà in un modo molto migliore”.

In realtà alcuni genitori vogliono lasciarsi alla loro rabbia nella speranza che questa spaventi il figlio. Questo perché pensano erroneamente che un ragazzo spaventato sia un ragazzo conforme.

La paura funziona solo qui e ora, osserva la psicologia. Il ragazzo risponde a causa del fattore paura. Arresta il suo comportamento, lo modificherà? No. In effetti la cosa più grande che fa la paura è ridurre l'empatia di un figlio.

Un ragazzo che ha paura di un genitore diventa stressato. Questo stress rende impossibile per lui ricevere le informazioni e le regole che un genitore sta tentando di impartire.

La cosa migliore è una relazione basata sul rispetto. La rabbia e la paura sono terreno fertile per gli abusi, la rabbia non deve portare a comportamenti estremi come insultare un ragazzo o addirittura schiaffeggiarlo.

L'abuso può essere estremamente sottile, ma è sempre fatto con un intento straordinariamente negativo che riduce la dignità e il rispetto di un ragazzo.

Alla fine, è solo un atto di bullismo: un intenzionale intento negativo che viene ripetuto, fatto in uno squilibrio di potere in cui un figlio non può reggere il confronto con il genitore.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca