Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Dove vaga la nostra mente quando abbiamo del tempo libero? Uno studio condotto dall'Università dell'Arizona pubblicato su Scientific Reports può offrire alcune indicazioni, e i risultati dicono molto anche della salute mentale.

20211021 vagante 2

A un’ottantina di partecipanti sono state indicazioni su come esprimere i loro pensieri ad alta voce per dieci minuti mentre erano seduti da soli in una stanza senza accesso a dispositivi elettronici. I ricercatori hanno utilizzato apparecchiature audio per registrare i pensieri, quindi hanno trascritto le registrazioni e ne hanno analizzato il contenuto. In totale, sono stati analizzati più di duemila pensieri.

"Volevamo riprodurre le piccole pause che abbiamo durante il giorno, come quando si fa la fila in un bar, si fa la doccia, si sta a letto la sera e così via. Questi sono tutti momenti durante i quali le richieste esterne sono minime e i pensieri interni tendono a presentarsi e svilupparsi" ha spiegato il primo autore dello studio Quentin Raffaelli, uno studente laureato presso il Dipartimento di Psicologia dell'Arizona.

Secondo gli autori, la maggior parte delle ricerche sulla psicologia che affrontano il pensiero umano indicano alle persone cosa pensare, chiedono ai partecipanti di ricordare a cosa stavano pensando pochi minuti prima o utilizzano questionari di autovalutazione per catturare istantanee di pensieri in diversi momenti nel tempo.

“Anche se perspicace di per sé, questo approccio istantaneo non ci dice molto su come i pensieri si sviluppano e passano nel tempo - caratteristiche del pensiero che riteniamo importanti per la nostra salute mentale. Per catturare queste proprietà dinamiche del pensiero, abbiamo bisogno un metodo che registri i pensieri in tempo reale e per lunghi periodi".

Una finestra sulla mente

I ricercatori hanno cercato di misurare gli schemi di pensiero. Erano particolarmente interessati a catturare il pensiero “rimuginativo”, il pensare continuamente agli stessi pensieri negativi, che è un sintomo comune della depressione.

"Mentre la maggior parte dei partecipanti ha trascorso i dieci minuti a pensare al presente o al futuro in modo emotivamente neutro, i partecipanti che hanno ottenuto un punteggio alto in un questionario sulla rimuginazione hanno espresso pensieri più focalizzati sul passato e negativi. Gli individui rimuginanti erano anche più propensi a pensare a se stessi".

Gli autori hanno seguito determinati pensieri nel tempo, misurando quanto tempo sono durati e quanto fossero ristretti o ampi. Gli individui rimuginanti avevano pensieri negativi che duravano più a lungo dei pensieri positivi e questi pensieri negativi diventavano progressivamente più incentrati su un certo argomento nel tempo.

"Siamo stati in grado di testimoniare come alcune persone siano rimaste intrappolate in cicli di pensiero perseveranti" spiegano i ricercatori.

"Abbiamo reclutato un gruppo casuale di persone senza sapere se è stata loro diagnosticata una condizione clinica per questo studio, ma è sorprendente che in soli dieci minuti di inattività si possano catturare processi di pensiero che parlano di molte diverse condizioni di salute mentale".

Alcune persone, d'altra parte, hanno trovato i dieci minuti produttivi e stimolanti.

"Alcuni partecipanti hanno pensato ad argomenti o obiettivi positivi che volevano raggiungere. I pensieri di altri erano piuttosto creativi. Molti partecipanti hanno scoperto che l'esercizio offriva una pausa rigenerante dal mondo frenetico che li circondava".

L'esercizio non è stato progettato per un qualche suo potenziale terapeutico, tuttavia molte persone lo hanno vissuto come una sessione di terapia con se stessi.

"Esiste un filone di ricerca sul potere di esternare i nostri pensieri interiori tramite la trascrizione in un diario o la condivisione con altri cui pensiamo che questo studio indirettamente attinga".

20211021 vagante 2a

Il pensiero ozioso come abilità

Lo studio è stato concluso prima della pandemia ma i risultati sembrano oggi più rilevanti che mai, poiché molte persone hanno sperimentato più tempo di inattività solitario nell'ultimo anno e mezzo che in qualsiasi altro momento della loro vita.

Gli autori hanno anche condotto una nuova versione di questo studio durante le limitazioni della pandemia e ora ne stanno analizzando i risultati.

"Dover stare a casa per così tanto tempo ha influito considerevolmente sul benessere mentale delle persone" ha detto Raffaelli. "Lo abbiamo visto con l'aumento dell'ansia e della depressione durante la pandemia e con l'aumento dell'abuso di sostanze".

Quando non si è in isolamento, i tempi di inattività possono essere rari.

"Prendersi delle pause mentali sembra essere sempre più sottovalutato nella società frenetica e distratta di oggi. Le società occidentali sembrano rafforzare uno stile di vita in cui siamo sempre in movimento, portando il nostro lavoro anche a casa con noi o distraendoci con e-mail o social media".

Sebbene lo studio non lo abbia valutato, gli autori ipotizzano che insegnare alle persone fin dall'infanzia a sentirsi a proprio agio durante il tempo libero può aiutare a mantenere il benessere mentale.

"Frenando il nostro riflesso quasi istintivo di prendere il telefono ogni volta che c'è un momento di silenzio, possiamo estendere più pienamente i benefici delle pause sulla nostra salute mentale e sulla nostra creatività".

Il prossimo passo della ricerca

Il team di ricerca è ora interessato a indagare la cosiddetta “rete cerebrale in modalità predefinita”, una rete cerebrale che svolge un ruolo importante nei pensieri interni.

Hanno studiato le sue funzioni e hanno analizzato come potrebbe andare nel verso sbagliato nelle persone con stili di pensiero disfunzionali, come rimuginazione o pensieri intrusivi.

Il loro lavoro ha potenziali legami con la risonanza magnetica funzionale, o fMRI in stato di riposo, un metodo ben conosciuto di imaging cerebrale utilizzato dai neuroscienziati per l'imaging cerebrale. La tecnica prevede il posizionamento di una persona in uno scanner cerebrale per circa dieci minuti e la registrazione dei schemi di attività cerebrale e connettività man mano che emergono pensieri spontanei.

"Alla fine, speriamo di riuscire a collegare le caratteristiche psicologiche del pensiero ozioso ai modelli biologici di attività e connettività che cambiano nel tempo per fornire un quadro più completo della coscienza e della salute mentale" concludono i ricercatori. "Speriamo che un giorno le nostre vite mentali interiori non siano più un mistero".

I risultati della ricerca sono valorizzabili all’interno della sfera relazionale della genitorialità Gli adulti da un lato possono avere cura delle proprie pause di pensiero libero, delle proprie anise, dei pensieri ricorrenti e negative; dall’altro possono insegnare ai figli il modo di considerare ed esplorare questa delicate area della loro attività mentale.


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della University of Arizona
Riferimento bibliografico
Quentin Raffaelli et alii.
The think aloud paradigm reveals differences in the content,
dynamics and conceptual scope of resting state thought in trait brooding
.
Scientific Reports, 2021.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca