Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Gli adolescenti obesi che seguono una dieta per perdere peso, possono avere più possibilità di farcela se si impegnano anche a dormire più a lungo e ad orari regolari.

20200305 sonno 1

È quello che emerge da un recente, piccolo studio sulla questione.

"La privazione del sonno può risultare associata a un aumento dell'apporto calorico e alla riduzione dell'attività fisica, portando come conseguenza l’obesità" ha affermato l'autore della ricerca, il dottor Malacara dell'Università di Guanajuato a Leon, in Messico.

Per vedere se una maggiore quantità di sonno possa rendere più facile il perdere peso, i ricercatori hanno chiesto a cinquantadue adolescenti obesi di mangiare 500 calorie in meno al giorno rispetto al solito. Quindi, hanno scelto venticinque ragazzi a caso, tra questi, per fare seguire un piano di sonno personalizzato progettato per aiutarli ad avere un'ora in più di riposo durante la notte, mentre gli altri 27 hanno continuato a seguire le loro solite routine di sonno.

Dopo quattro settimane, gli adolescenti che seguivano i programmi di sonno, avevano aumentato il loro tempo medio di riposo di circa 1,2 ore a notte e avevano perso in media 2,1 chilogrammi. Senza il piano per aumentare il sonno, gli altri adolescenti avevano aumentato il loro sonno di circa mezz'ora, in media, e avevano perso solo una media di 1,2 kg.

I risultati suggeriscono che la promozione del sonno aggiuntivo può aiutare le persone che sono a dieta ad avere un maggior successo nel loro tentativo di perdere peso.

"Il sonno può influenzare la secrezione di ormoni che regolano l'appetito, portando alla riduzione del desiderio di cibo e facendo sì che le persone abbiano più probabilità di successo nel ridurre la quantità di calorie assunte" spiega Tianyi Huang della Harvard Medical School di Boston.

"Più sonno fa sentire le persone meno assonnate o affaticate durante il giorno, quindi le persone hanno maggiori probabilità di allenarsi di più, di effettuare maggiore esercizio fisico, fattori che portano a un maggiore dispendio energetico, il che, ovviamente, è una cosa positiva per la perdita di peso. Un sonno sufficiente può anche ridurre lo stress che, come è noto, favorisce l'aumento di peso".

20200305 sonno 1a

I ricercatori non hanno però seguito i giovani più a lungo per determinare se il sonno potrebbe influire sulle loro probabilità di ottenere una perdita di peso più consistente e duratura. I ricercatori hanno anche fatto affidamento su quanto hanno riferito gli adolescenti in merito al loro tempo di sonno, in base al diario che hanno tenuto e non hanno misurato oggettivamente quanto dormivano.

“In teoria, tuttavia, gli adolescenti più riposati potrebbero essere più consapevoli dell’importanza di scegliere cibi più sani e meno propensi a soccombere alla tentazione di dolci e junk food, ricchi di calorie e di carboidrati” secondo quanto osserva Anna Rangan dell'Università di Sydney in Australia.

"Una più breve durata del sonno aumenta il tempo disponibile per mangiare, soprattutto la sera in cui sono molto comuni tra i giovani attività sedentarie, come guardare la televisione facendo spuntini con cibi molto appetibili e ad alta intensità energetica".

I genitori dovrebbero incoraggiare gli adolescenti a cambiare le loro routine serali.

"Un modo per migliorare il sonno degli adolescenti è evitare la luce intensa di notte, in particolare proprio prima di coricarsi. Questa include la luce proveniente da smartphone e tablet, anche se convincere gli adolescenti a metterli via di notte può essere una vera sfida.”.

Ne vale la pena, tuttavia, per evitare che il sonno scarso diventi un problema permanente, sottolineano gli studiosi.

"Le abitudini di salute apprese nell'adolescenza spesso proseguono fino all'età adulta, quindi l'apprendimento di buone abitudini di sonno e di salutari strategie alimentari durante l'adolescenza sono fondamentali".

Più a lungo i ragazzi fanno esperienza dell'obesità, maggiore è il rischio di futuri problemi di salute come malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2. Senza considerare poi l’impatto psicologico di una condizione che li limita in molti modi, dallo sport alle relazioni affettive, con inevitabili conseguenze sulla loro autostima.


Riferimento bibliografico
Journal of Adolescent Health, 2020.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca