Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Gli adolescenti che tendono a prestare maggiore attenzione alle facce tristi hanno maggiori probabilità di sviluppare depressione, in particolare se vivono un contesto caratterizzato da stress, come quello che in questo periodo molti di loro hanno attorno a sé.

20200909 tristi 1 

È quanto si legge in una nuova ricerca della Binghamton University.

I ricercatori della Binghamton University, guidati da Cope Feurer e dal professore di psicologia Brandon Gibb, miravano a esaminare se la propensione al prestare attenzione agli stimoli emotivi, valutati attraverso il monitoraggio oculare, possa fungere da marcatore di rischio di depressione per gli adolescenti.

"Sebbene studi precedenti abbiano esaminato chi ha maggiori probabilità di mostrare un'attenzione distorta ai volti tristi e se l'attenzione ai volti tristi sia associata al rischio di depressione, il presente studio è il primo a esaminare se questa disposizione dell'attenzione influisca sul modo in cui gli adolescenti rispondono allo stress, sia in laboratorio che nel mondo reale " ha dichiarato Feurer.

L'attenzione specifica ai volti tristi è associata alla depressione negli adulti e si ipotizza che aumenti il ​​rischio di depressione in particolare in presenza, ma non in assenza di stress, modulando e condizionando la reattività dello stress.

Tuttavia, pochi studi hanno testato questa ipotesi e nessuno studio ha esaminato la relazione tra eccesso di attenzione e reattività allo stress durante l'adolescenza, nonostante l'evidenza che questa fase dello sviluppo sia caratterizzata da significativi aumenti del rischio di stress e depressione.

Cercando di affrontare questi limiti, il nuovo studio ha esaminato l'impatto di una costante attenzione degli adolescenti alle manifestazioni facciali delle emozioni sulle differenti risposte individuali sia nella reattività dell'umore allo stress del mondo reale, sia nella reattività fisiologica a uno stressatore di laboratorio.

Coerentemente con i modelli di attenzione allo stress di vulnerabilità, una maggiore attenzione sostenuta ai volti tristi è stata associata a maggiori reazioni depressive allo stress del mondo reale.

"Se un adolescente ha la tendenza a prestare maggiore attenzione agli stimoli negativi, allora quando sperimenta qualcosa di stressante è probabile che abbia una risposta meno adattativa a questo stress e mostri un ulteriore incremento dei sintomi depressivi.

Ad esempio, se due adolescenti litigano entrambi con un amico e un adolescente trascorre più tempo prestando attenzione agli stimoli negativi (cioè alle facce tristi) rispetto all'altro, allora quell'adolescente può mostrare un superiore aumento dei sintomi depressivi in ​​risposta allo stress, potenzialmente perché presta maggiore attenzione al fattore di stress e al modo in cui il fattore di stress lo fa sentire".

20200909 tristi 6

I ricercatori ritengono che il meccanismo biologico alla base di questa scoperta risieda nella capacità del cervello di controllare la reattività emotiva.

"Fondamentalmente, se il cervello ha difficoltà a controllare la forza con cui un adolescente risponde alle emozioni, ciò rende più difficile per lui distogliere lo sguardo dagli stimoli negativi e questa attenzione si blocca. Quindi, quando gli adolescenti che tendono a prestare maggiore attenzione alle facce tristi sperimentano stress, e possono rispondere più fortemente a questo stress, poiché hanno difficoltà a distogliere l’attenzione dalle emozioni negative, facendo sì che questi adolescenti abbiano un rischio maggiore di depressione".

"Questo è anche il motivo per cui crediamo che le evidenze siano state più forti per gli adolescenti più grandi rispetto a quelli più giovani. In particolare, il cervello diventa più efficace nel controllare la reattività emotiva man mano che gli adolescenti crescono, quindi essere in grado di distogliere lo sguardo dagli stimoli negativi forse non protegge dall'impatto dello stress almeno fino alla tarda adolescenza ".

Ricerche in costante aumento dimostrano che il modo in cui gli adolescenti prestano attenzione alle informazioni emotive può essere modificato attraverso un intervento e che il cambiamento di un eccesso di attenzione può ridurre il rischio di depressione. L'attuale studio evidenzia l'attenzione verso i volti tristi come potenziale obiettivo di intervento, in particolare tra gli adolescenti più grandi, ha affermato Feurer.

I ricercatori hanno intenzione di svolgere ricerche in futuro per vedere come questo eccesso di attenzione cambi durante l'infanzia e l'adolescenza.

"Questo ci aiuterà a capire meglio come si sviluppa questo fattore di rischio e come aumenta il rischio di depressione nel corso della giovinezza. Speriamo che questo ci aiuterà a sviluppare interventi per identificare il rischio, in modo tale che questo genere di predisposizione possa essere mitigato prima che porti alla depressione” concludono i ricercatori.

 

I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della Binghamton University
Journal Reference:
Cope Feurer et alii. Sustained Attention and Individual Differences
in Adolescents’ Mood and Physiological Reactivity to Stress
.

Journal of Abnormal Child Psychology, 2020

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca