Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Con l'aumentare del tempo libero di un individuo aumenta anche il suo senso di benessere, ma solo fino a un certo punto, in quanto avere troppo tempo libero può provocare conseguenze negative sullo stato d’animo e sulla condizione psicologica.

20210923 troppo 3

È quanto sostiene una ricerca pubblicata dall'American Psychological Association.

"Le persone spesso si lamentano di essere troppo occupate ed esprimono il desiderio di avere più tempo per se stesse. Ma una maggiore quantità di tempo a disposizione è effettivamente legata a una maggiore felicità? Abbiamo scoperto che avere una poco ore a propria disposizione, da utilizzare come si vuole, nella giornata si traduce sì in un maggiore stress e un minore benessere soggettivo" ha detto Marissa Sharif, professoressa della Wharton School e autrice principale dell'articolo.

 "Tuttavia, mentre avere troppo poco tempo è un male, avere molto più tempo non è sempre meglio."

I ricercatori hanno analizzato i dati di quasi ventiduemila americani che hanno partecipato all'American Time Use Survey tra il 2012 e il 2013. I partecipanti hanno fornito un resoconto dettagliato di ciò che hanno fatto durante le 24 ore precedenti, indicando l'ora del giorno e la durata di ciascuna attività, e hanno indicato il loro senso di benessere.

I ricercatori hanno scoperto che con l'aumentare del tempo libero, aumentava anche il benessere, ma questo si  stabilizzava dopo circa due ore e iniziava a diminuire dopo le cinque. Le correlazioni in entrambe le direzioni erano statisticamente significative.

I ricercatori hanno anche analizzato i dati di oltre tredicimila lavoratori americani che hanno partecipato al National Study of the Changing Workforce tra il 1992 e il 2008. Tra le molte domande del sondaggio, ai partecipanti era stato chiesto di specificare il loro tempo a loro disposizione (ad esempio, "In media, nei giorni in cui si sta lavorando, quante ore dedichi alle tue attività del tempo libero?") e il loro benessere soggettivo, che è stato misurato come soddisfazione per la vita (ad es. "Tutto considerato, come ti senti riguardo alla tua vita in questi giorni? Diresti che ti senti 1=molto soddisfatto, 2=abbastanza soddisfatto, 3=abbastanza insoddisfatto o 4=molto insoddisfatto?")

Ancora una volta, i ricercatori hanno scoperto che livelli più elevati di tempo libero erano associati in modo significativo a livelli più elevati di benessere, ma solo fino a un certo punto. Oltre quella soglia, il tempo libero in eccesso non è stato associato a un maggiore benessere.

Per indagare ulteriormente sul fenomeno, i ricercatori hanno condotto due esperimenti online che hanno coinvolto più di seimila partecipanti. Nel primo esperimento, ai partecipanti è stato chiesto di immaginare di avere una determinata quantità di tempo a propria disposizione ogni giorno per almeno sei mesi. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a una quantità di tempo a disposizione bassa (15 minuti al giorno), moderata (3,5 ore al giorno) o alta (7 ore al giorno). Ai partecipanti è stato chiesto di riferire in che misura avrebbero sperimentato divertimento, felicità e soddisfazione.

20210923 troppo 3a

I partecipanti a entrambi i gruppi, bassi e alti per tempo a disposizione, hanno riportato un benessere inferiore rispetto al gruppo che disponeva di una quantità di tempo nel mezzo delle estremità.

I ricercatori hanno scoperto che quelli con poco tempo a disposizione si sentivano più stressati di quelli con una quantità moderata di tempo libero, contribuendo a un minor benessere, ma quelli con alti livelli di tempo libero si sentivano meno produttivi di quelli del gruppo di mezzo, fattore che li portava anche ad avere minore benessere.

Nel secondo esperimento, i ricercatori hanno esaminato il ruolo potenziale della produttività. Ai partecipanti è stato chiesto di immaginare di avere una quantità moderata (3,5 ore) o alta (7 ore) di tempo libero al giorno, ma è stato anche chiesto di immaginare di trascorrere quel tempo in attività produttive (ad esempio, allenamento, hobby o corsa) o improduttive attività (es. guardare la televisione o usare passivamente il computer).

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con più tempo libero hanno riportato livelli di benessere inferiori quando si impegnavano in attività improduttive. Tuttavia, quando si impegnano in attività produttive, quelli con più tempo libero si sentivano, in termini di benessere, come quelli con una quantità moderata di tempo libero a disposizione.

"Sebbene la nostra indagine fosse incentrata sulla relazione tra quantità di tempo a disposizione e benessere soggettivo, la nostra ulteriore esplorazione su come gli individui trascorrono il loro tempo a disposizione si è dimostrata rivelatrice.

I nostri risultati suggeriscono che avere interi giorni liberi da riempire a propria discrezione può lasciare una persona altrettanto infelice. Le persone dovrebbero invece sforzarsi di avere una moderata quantità di tempo libero da trascorrere come vogliono.

Nei casi in cui le persone si trovano con quantità eccessive di tempo a disposizione, come durante la pensione o l'abbandono del lavoro, i nostri risultati suggeriscono che queste persone trarrebbero vantaggio dal trascorrere il tempo ritrovato con uno scopo, ponendosi obiettivi precisi".

Come gli adulti vivano il proprio tempo libero, il fatto che ne possano avere a sufficienza per la relazione con partner e figli, e l’evidenza che si dovrebbe sempre dare una concretezza e obiettivi al proprio tempo non lavorativo, sono indicazioni preziose per trarre il meglio in termini di benessere dal tempo a propria disposizione, a favore della qualità della propria genitorialità.


Riferimento bibliografico:
Marissa A. Sharif, Cassie Mogilner, Hal E. Hershfield.
Having too little or too much time is linked to lower subjective well-being.
Journal of Personality and Social Psychology, 2021.