Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Il disagio degli adolescenti con diagnosi da disturbi psichiatrici, soprattutto psicosi e autismo, sarebbe collegato anche a situazioni di lunga assenza da percorsi scolastici, lavorativi o di formazione (la condizione dei cosiddetti Neet - “Not in Education, Employment or Training”).

20220113 neet 4

È quanto risulta da un recente studio pubblicato sul British Journal of Psychiatry.

I ricercatori hanno analizzato i dati socioeconomici e la storia medica di uno studio longitudinale realizzato dall'Istituto finlandese per la salute e il benessere dei bambini nati in Finlandia nel 1987. Le persone analizzate nello studio, oltre cinquantacinquemila nello studio hanno vissuto nel paese per tutto il periodo di studio (dal 2008 al 2015) e avevano diagnosi di disabilità intellettiva.

Gli studiosi hanno scoperto che quasi millecinquecento erano al di fuori di programmi di lavoro, istruzione, formazione, e non erano in cerca di lavoro da almeno cinque anni. Di queste persone il 65,1% era di sesso maschile e il 65% non aveva completato la scuola secondaria superiore.

A un totale del 44% del gruppo in una situazione di NEET a lungo termine in giovane età adulta era stato diagnosticato un disturbo psichiatrico o del neurosviluppo da adolescente. I disturbi depressivi (20,1%) e i disturbi d'ansia (16,6%) erano i più comuni. In proporzione, gli individui con ASD – disturbo dello spettro autistico (44%) e psicosi (36,5%) avevano maggiori probabilità di sperimentare una condizione da Neet a lungo termine.

Non aver completato l'istruzione secondaria superiore è stato il fattore che ha avuto l’effetto più pesante: il 10% delle persone che non avevano completato la scuola secondaria superiore sono stati successivamente al di fuori di ogni attività per molto tempo.

La diagnosi psichiatrica o dello sviluppo neurologico nell'adolescenza ha aumentato le probabilità di diventare Neet a lungo termine nella giovane età adulta di 7,1 volte.

20220113 neet 4a

I pazienti che hanno ricevuto un trattamento ospedaliero quando avevano meno di dieci anni avevano una probabilità 7,3 volte maggiore di sperimentare una condizione da Neet a lungo termine. Coloro che hanno ricevuto un trattamento ospedaliero in età compresa tra i dieci e i venti anni avevano 11,5 volte superiori probabilità di restare inattivi a lungo termine.

La nostra scoperta di chiare associazioni tra le principali diagnosi psichiatriche nell'adolescenza e la condizione di Neet a lungo termine nella giovane età adulta suggerisce che efficaci servizi di salute mentale adolescenziale, compresi la prevenzione, l'intervento precoce, i servizi sociali e il reinserimento lavorativo, dovrebbero essere considerati elementi importanti in una strategia per affrontare l'emarginazione dei giovani” hanno spiegato i ricercatori.

“La combinazione di strategie inclusive e mirate potrebbe ridurre la sofferenza individuale e i costi per la società della situazione dei Neet a lungo termine. I risultati di questo studio possono fungere da base di riferimento se il numero di giovani emarginati o affetti da disturbi psichiatrici aumenterà dopo la pandemia di COVID-19”.

Importanti indicazioni in questa fase delicata di ripresa dopo i blocchi più severi delle attività dei giovani dovuti alla pandemia.

La sofferenza psicologica degli adolescenti è aumentata, costituisce oggi un fronte di criticità che deve essere affrontato tempestivamente per scongiurare la possibile marginalità a lungo termine di tanti ragazzi.


Riferimento bibliografico
Ringbom I, Ringbom I, Suvisaari J, Kääriälä A, et al.
Psychiatric disorders diagnosed in adolescence and subsequent long-term exclusion
from education, employment or training: longitudinal national birth cohort study
.
Br J Psychiatry, 2021.