Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

La combinazione di elevato consumo di alcol o cannabis e depressione è un problema significativo negli adolescenti e nei giovani adulti. Oltre agli esiti negativi associati all'uso di sostanze, sia personali che relazionali, i giovani che soffrono di entrambe le condizioni tendono ad avere episodi di depressione più lunghi, più problemi legati alle sostanze e, soprattutto, un aumento del rischio suicidario.

20220412 drug 3

È quanto dichiara il professore John Curry del Dipartimento di psichiatria e scienze comportamentali della Duke University, Durham, NC., autore principale di uno studio che rileva che, tra i giovani che vivono sia l’uso di sostanze che la depressione, una percentuale significativa mostra miglioramenti anticipati della depressione durante il trattamento per uso di sostanze.

I giovani che usavano cannabis meno frequentemente prima del trattamento e quelli senza disturbi della condotta hanno maggiori probabilità di sperimentare un miglioramento veloce della depressione.

 "Eppure non esiste un approccio standard per curarli e spesso vengono trattati in due distinti sistemi di cura" spiega il professor Curry.

Studi precedenti hanno dimostrato che alcuni di questi giovani mostreranno un miglioramento significativo della depressione durante il trattamento per il solo uso di sostanze, suggerendo che se tale miglioramento fosse duraturo, potrebbero non aver bisogno di un trattamento aggiuntivo per la depressione.

Sulla base di queste evidenze, i ricercatori hanno testato un approccio adattivo in cui tutti i giovani hanno ricevuto un trattamento per l'uso di sostanze. Tuttavia, se risultassero ancora depressi dopo un mese, riceverebbero un trattamento aggiuntivo per la depressione con lo stesso terapeuta o nella comunità.

"Questa impostazione ci ha permesso di esaminare due diversi approcci al trattamento della depressione per i giovani con problemi di sostanze. Volevamo anche scoprire quale percentuale di ragazzi avrebbe avuto una risposta precoce alla depressione durante il trattamento dell'uso di sostanze e quali fattori lo facevano prevedere".

In due luoghi distinti, un gruppo di 95 giovani di età compresa tra 14 e 21 anni con problemi di uso di alcol o cannabis e sintomi depressivi ha ricevuto fino a 12 sessioni di terapia cognitivo comportamentale (CBT) per l'uso di sostanze nell'arco di 14 settimane. Prima del trattamento, hanno completato le valutazioni di diagnosi psichiatriche, consumo di alcol o cannabis e gravità della depressione.

20220412 drug 3a

La risposta precoce alla depressione è stata definita come una riduzione del 50% dei sintomi entro la quarta settimana di trattamento. Quelli che non hanno manifestato una risposta precoce alla depressione sono stati divisi in modo casuale per aggiungere il trattamento CBT per la depressione con lo stesso terapeuta o il trattamento della depressione promosso all’interno della comunità.

Trentacinque partecipanti (37%) hanno dimostrato una risposta precoce alla depressione. I predittori della risposta precoce alla depressione erano una minore frequenza di consumo di cannabis e la mancanza di una diagnosi di disturbo della condotta. Nessun'altra variabile, comprese le caratteristiche demografiche, la gravità della depressione o altre diagnosi psichiatriche, è risultata predittiva.

La frequenza del consumo di alcolici, alcolici e cannabis è diminuita durante l'intero corso del trattamento per tutti i partecipanti. Tra coloro che non avevano una risposta precoce alla depressione, la depressione è migliorata in modo significativo con la CBT aggiuntiva o con un trattamento comunitario, senza differenze tra i trattamenti.

"Questo studio sul trattamento sottolinea l'importanza di riconoscere l'eterogeneità dei giovani con l'uso di sostanze e disturbi concomitanti come la depressione, comprese le diverse traiettorie delle loro risposte al trattamento.

Una scoperta importante è che il livello di consumo di cannabis influisce sulla traiettoria del cambiamento nella depressione durante il trattamento. Un ulteriore esame di potenziali marcatori biologici o altri predittori della risposta al trattamento sono di fondamentale importanza per lo sviluppo di interventi adeguati".

Ulteriori studi esamineranno il decorso della depressione e l'uso di sostanze dopo il trattamento e se i giovani la cui depressione ha risposto al trattamento per l'uso di sostanze continuano a rimanere meno depressi.

Riferimento bibliografico:
John F. Curry et alii. 
Adaptive Treatment for Youth With Substance Use and Depression:
Early Depression Response and Short-term Outcomes
. 
Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 2022.