Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Come aiutare un adolescente che tende al malumore o addirittura alla depressione, uno stato d’animo tanto diffuso tra i giovani in questo periodo?

20230119 kindn 3

Una nuova ricerca mostra che le persone che soffrono di sintomi di depressione o ansia possono aiutare a guarire se stesse facendo buone azioni per gli altri.

Lo studio ha rilevato che compiere atti di gentilezza ha portato a miglioramenti non osservati in altre due tecniche terapeutiche utilizzate per trattare la depressione o l'ansia.

Ancora più importante, la “tecnica” degli atti di gentilezza è stata l'unico intervento testato che ha aiutato le persone a sentirsi più in contatto con gli altri, ha affermato il coautore dello studio David Cregg, che ha guidato il lavoro come parte della sua tesi di dottorato in psicologia presso la Ohio State University.

"La connessione sociale è uno degli ingredienti della vita più fortemente associati al benessere. Compiere atti di gentilezza sembra essere uno dei modi migliori per promuovere tali connessioni" ha affermato Cregg.

Cregg ha condotto la ricerca con Jennifer Cheavens, professoressa di psicologia all'Ohio State. Il loro studio è stato pubblicato su The Journal of Positive Psychology.

La ricerca ha anche rivelato perché compiere atti di gentilezza ha funzionato così bene: ha aiutato le persone a distogliere la mente dai propri sintomi di depressione e ansia.

Questa scoperta suggerisce che un'intuizione che molti hanno sulle persone con depressione potrebbe essere sbagliata, ha detto la professoressa Cheavens.

"Spesso pensiamo che le persone depresse abbiano già abbastanza cose da affrontare, quindi non vogliamo caricarle chiedendo loro di aiutare gli altri. Ma questi risultati sono in contrasto con questa convinzione".

"Fare cose belle e positive per le persone e concentrarsi sui bisogni degli altri può effettivamente aiutare chi soffre di depressione e ansia a sentirsi meglio con se stesso".

Lo studio ha coinvolto 122 persone nell'Ohio centrale che presentavano sintomi da moderati a gravi di depressione, ansia e stress.

Dopo una sessione introduttiva, i partecipanti sono stati divisi in tre gruppi. Due dei gruppi sono stati assegnati a tecniche spesso utilizzate nella terapia cognitivo comportamentale (CBT) per la depressione: pianificazione di attività sociali o rivalutazione cognitiva.

Il gruppo delle attività sociali è stato incaricato di pianificare attività sociali per due giorni alla settimana. Un altro gruppo è stato istruito in uno dei capisaldi della CBT: la rivalutazione cognitiva. Questi partecipanti hanno tenuto diari per almeno due giorni alla settimana che li hanno aiutati a identificare schemi di pensiero negativi e rivedere i loro pensieri in modo da ridurre la depressione e l'ansia.

20230119 kindn 1

I membri del terzo gruppo sono stati istruiti a compiere tre atti di gentilezza al giorno per due giorni alla settimana. Gli atti di gentilezza sono stati definiti come "atti grandi o piccoli che avvantaggiano gli altri o rendono felici gli altri, in genere a un certo costo per te in termini di tempo o risorse".

Alcuni degli atti di gentilezza che i partecipanti hanno successivamente affermato di aver fatto includevano la cottura di biscotti per gli amici, l'offerta di dare un passaggio a un amico e il lasciare note adesive per i coinquilini con parole di incoraggiamento.

I partecipanti hanno seguito le loro istruzioni per cinque settimane, dopodiché sono stati nuovamente valutati. I ricercatori hanno quindi fatto un incontro di verifica con i partecipanti dopo altre cinque settimane per vedere se gli interventi erano ancora efficaci.

I risultati hanno mostrato che i partecipanti di tutti e tre i gruppi hanno mostrato un aumento della soddisfazione di vita e una riduzione dei sintomi di depressione e ansia dopo le dieci settimane dello studio.

"Questi risultati sono incoraggianti perché suggeriscono che tutti e tre gli interventi dello studio sono efficaci nel ridurre il disagio e migliorare la soddisfazione" ha detto Cregg.

"Ma gli atti di gentilezza hanno comunque mostrato un vantaggio sia rispetto alle attività sociali che alla rivalutazione cognitiva, facendo sentire le persone più connesse ad altre persone, il che è una parte importante del benessere".

Inoltre, il gruppo degli atti di gentilezza ha mostrato miglioramenti maggiori rispetto al gruppo di rivalutazione cognitiva per la soddisfazione della vita e i sintomi di depressione e ansia, come hanno evidenziato i risultati.

Cheavens ha notato che, in questo studio, la semplice partecipazione ad attività sociali non ha migliorato i sentimenti di connessione sociale.

"C'è qualcosa di specifico nell'eseguire atti di gentilezza che fa sentire le persone in contatto con gli altri. Non è sufficiente stare con altre persone, partecipare ad attività sociali per vincere depressione e ansia".

Cregg ha affermato che sebbene questo studio abbia utilizzato tecniche di CBT, non è la stessa esperienza che effettuare un percorso di CBT. Coloro che si sottopongono al trattamento completo possono avere risultati migliori rispetto a quelli di questo studio.

Ma i risultati mostrano anche che anche l'esposizione limitata alla CBT data in questo studio può essere utile, ha detto Cheavens.

"Non tutti coloro che potrebbero trarre beneficio dalla psicoterapia hanno l'opportunità di ottenere quel trattamento. Ma abbiamo scoperto che un allenamento una tantum relativamente semplice ha avuto effetti reali sulla riduzione dei sintomi di depressione e ansia".

E oltre alla CBT tradizionale, gli atti di gentilezza possono avere ulteriori vantaggi nella creazione di connessioni sociali, ha sottolineato Cregg.

"Qualcosa di semplice come aiutare altre persone può andare ben oltre altri trattamenti nell'aiutare a guarire le persone con depressione e ansia" concludono i ricercatori.


Riferimento bibliografico

David R. Cregg, Jennifer S. Cheavens.
Healing through helping: an experimental investigation of kindness,
social activities, and reappraisal as well-being interventions
.
The Journal of Positive Psychology, 2022.