Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

La vittimizzazione dei coetanei e i sintomi depressivi, che riflettono vulnerabilità sociali ed emotive, tendono a raggiungere il picco nella prima e media adolescenza. Gli amici svolgono un ruolo importante nel proteggere gli adolescenti dalla vittimizzazione e dai sintomi depressivi. Tuttavia, non è chiaro se avere un certo tipo di amici sia sempre vantaggioso, in particolare quando anche loro sperimentano vulnerabilità.

20230629 vlnr 6

Un nuovo studio pubblicato su Child Development ha analizzato se avere amici vulnerabili aiuta o ferisce gli adolescenti vittimizzati e depressi (ovvero vulnerabili) e se ciò possa dipendere dalle regole finalizzate al supporto stabilite in classe. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'Università di Groningen nei Paesi Bassi, dell'Università di Turku in Finlandia, dell'Università di Linköping in Svezia e della Beijing Normal University in Cina.

Quando abbiamo letto gli studi sul ruolo degli amici nello sviluppo degli adolescenti, spiegano i ricercatori, inizialmente eravamo un po' confusi. La maggior parte degli studi precedenti ha rilevato che gli amici sono utili per gli adolescenti, ma alcuni studi hanno indicato che gli amici vittimizzati aumenterebbero la vittimizzazione o gli amici depressi aumenterebbero i sintomi depressivi.

Altre ricerche indicano che gli adolescenti vittimizzati avevano sintomi depressivi più bassi quando avevano amici vittimizzati, ma avevano sintomi depressivi più elevati quando non avevano amici vittimizzati.

Gli autori della ricerca hanno fatto due ipotesi opposte sul ruolo degli amici vulnerabili sulla vulnerabilità degli adolescenti: l'ipotesi di incremento della vulnerabilità contro l'ipotesi della condivisione delle difficoltà.

L'ipotesi di potenziamento della vulnerabilità afferma che avere amici vulnerabili può esacerbare lo sviluppo della vulnerabilità degli adolescenti nel tempo: se gli adolescenti vittimizzati fanno amicizia con coetanei vittimizzati, possono aumentare la vittimizzazione e i sintomi depressivi nel tempo, e se gli adolescenti depressi fanno amicizia con coetanei depressi, possono aumentare la vittimizzazione e i sintomi depressivi nel tempo.

Al contrario, l'ipotesi della difficoltà condivisa afferma che fare amicizia con coetanei vulnerabili può giovare agli adolescenti vulnerabili diminuendo la vittimizzazione e i sintomi depressivi nel tempo.

Gli studiosi hanno anche fatto due ipotesi opposte sul ruolo delle regole in classe. Da un lato, hanno ipotizzato che le norme di sostegno in classe agiscano come un'azione di protezione contro la proliferazione dei sintomi depressivi e della vittimizzazione, o rafforzino il ruolo benefico degli amici vulnerabili. Dall'altro lato, hanno ipotizzato che le norme di sostegno in classe possano esagerare la proliferazione dei sintomi depressivi e della vittimizzazione, o ridurre il ruolo benefico degli amici vulnerabili.

Quando si parla di adolescenti e amici "vulnerabili" in generale in questo studio, spiegano gli autori, ci si riferisce a processi che possono verificarsi sia per gli adolescenti depressi che per quelli vittimizzati e per i loro amici.

La domanda di ricerca se avere amici vulnerabili aiuta o ferisce i giovani vulnerabili (cioè depressi o vittimizzati) è piuttosto complicata, può essere suddivisa in quattro condizioni specifiche, come è stato discusso nelle ipotesi. Potrebbe esserci anche una ragione metodologica per questo. Ad esempio, la ricerca precedente su questo argomento utilizzava tecniche di regressione tradizionali, che non riescono a tenere conto delle interdipendenze delle relazioni sociali e a controllare le tendenze generali della rete.

“Abbiamo utilizzato un'analisi multiplex dei social network per incorporare simultaneamente i sentimenti depressivi e la vittimizzazione di se stessi e dei propri amici. Abbiamo aumentato ulteriormente la complessità esaminando anche il ruolo delle norme di classe. La nostra ricerca è stata ispirata dalla ricerca sul ruolo delle norme in classe sulle relazioni e sulle emozioni degli adolescenti” spiegano gli autori.

Lo studio ha mostrato che gli adolescenti depressi con amici depressi aumentavano la vittimizzazione nel tempo, mentre anche gli adolescenti vittimizzati con amici vittimizzati aumentavano la vittimizzazione ma diminuivano i sintomi depressivi.

20230629 vlnr 4

Questo risultato può anche essere inteso come il fatto che gli amici vulnerabili possono danneggiare la posizione sociale egli adolescenti vulnerabili (ad esempio, aumentare il rischio di vittimizzazione), ma allo stesso tempo possono aiutare lo sviluppo emotivo degli adolescenti vulnerabili (ad esempio, proteggere da sintomi depressivi).

In primo luogo, gli adolescenti vulnerabili e i loro amici vulnerabili (adolescenti depressi con amici depressi o adolescenti vittimizzati con amici vittimizzati) sono probabilmente ai margini del gruppo dei pari, il che può avere conseguenze sociali negative: altri coetanei possono vederli come "strani". Sono facili bersagli di vittimizzazione perché è meno rischioso vittimizzare qualcuno che non è gradito o centrale nel gruppo dei pari. Inoltre, gli amici vulnerabili (p. es., depressi o vittimizzati) non hanno le abilità sociali per intervenire tatticamente in situazioni di bullismo, che possono provocare ancora più bullismo nel tempo.

In secondo luogo, le vittime traggono benefici emotivi dal raggrupparsi con altre vittime, che sanno meglio cosa stanno attraversando rispetto a coloro che non hanno subito maltrattamenti sociali. Essere amici di altre vittime stimola confronti sociali adattivi, il che probabilmente diminuisce la tendenza delle vittime a incolpare se stesse per la vittimizzazione e le fa sentire meglio con se stesse. Al contrario, le vittime con amici non vittime possono iniziare a impegnarsi in processi di confronto verso l'alto, che probabilmente aumentano il disagio emotivo.

“I nostri risultati sono importanti per gli interventi sociali relativi al bullismo scolastico e alla depressione. In primo luogo, raggruppare le persone vulnerabili e incoraggiarle a condividere le loro esperienze di maltrattamento e pensieri depressi può aiutare gli studenti vulnerabili e i loro amici ad alleviare il loro disagio. Ma per questi gruppi vulnerabili, gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli e riconoscere la loro posizione sociale in classe e quindi dovrebbero essere più proattivi per proteggerli dall'essere oggetto di bullismo.

In secondo luogo, per gli interventi sociali nelle scuole medie cinesi, potrebbe essere necessario sia l'approccio dell'intera classe per migliorare l'ambiente scolastico sia l'approccio mirato che si concentri sugli studenti più vulnerabili. Se gli interventi riescono a diminuire i sintomi depressivi, questi adolescenti, possono diventare più aperti a relazionarsi con altri compagni di classe e beneficiare dell'ambiente favorevole che li circonda.

Allo stesso tempo, la vittimizzazione legata alla norma di classe dovrebbe essere combattuta in tali aule: non tutti gli studenti potrebbero essere in grado di conformarsi a norme altamente prosociali e potrebbe essere necessario intervenire per rendere i compagni di classe più tolleranti nei confronti di tali studenti”.

Concludono i ricercatori: “Pensiamo che una strada per la ricerca futura sia esaminare l'impatto degli amici provenienti da vari contesti (ad esempio, amici all'interno della classe, compagni di classe o amici fuori dalla scuola), nonché potenziali differenze nell'influenza dell'amicizia a seconda della qualità delle amicizie. L'effetto protettivo dell'amicizia contro la depressione (correlata alla vittimizzazione) può dipendere dalla qualità e dalla stabilità dell'amicizia.

In secondo luogo, un'altra strada interessante per ulteriori ricerche consiste nell'esaminare la selezione dell'amicizia e i processi di influenza tra le reti cross-gender e omosessuali. Infine, è interessante per la ricerca futura esaminare se la posizione sociale degli studenti (ad es. un meccanismo mediante il quale le caratteristiche degli amici (ad esempio, la depressione) influenzano la vittimizzazione degli adolescenti.

Avere amici vulnerabili può aiutare o ferire adolescenti vulnerabili. I risultati presentano un interessante paradosso: quando le vittime sono amiche di altre vittime, si sentono meno depresse ma hanno maggiori probabilità di essere oggetto di continue vittimizzazioni”.


Riferimento bibliografico

Xingna Qin et alii.
Does having vulnerable friends help vulnerable youth? The co-evolution of friendships, victimization,
and depressive symptoms in Chinese adolescents' social networks
.
Child Development (2023).