Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

In questa intervista Göktan Koçyildirim (esperto di diritti dei minori dell'Unicef) descrive il sistema di protezione dei minori esistente e le risorse destinate alla loro cura e al loro sviluppo in Turchia. Ricorda i progressi compiuti su tali questioni ma sottolinea anche i principali difetti esistenti nel sistema della giustizia minorile in Turchia, così come le sfide ancora aperte. Parlando della situazione attuale in Siria, una questione di forte attualità che ha un impatto notevole sulla Turchia, spiega come il suo paese affronta il problema dei rifugiati siriani, in particolare dei bambini rifugiati. 

 20141030 turchia1

1. Che tipo di sistema di protezione nazionale dei minori esiste in Turchia e quali risorse sono dedicate alla cura e ai bisogni dei bambini?

La Turchia ha un forte background storico e istituzionale nella protezione dei minori, che affonda le sue radici agli inizi del 20 ° secolo, con la creazione della "Child Protection Organization" (Himaye-i Etfal Cemiyeti). Oltre a questo, la protezione dei minori e la cura dei bambini ha una notevole importanza culturale nella società. In questo contesto, fin dai primi anni della Repubblica, vari sistemi e le istituzioni sono state fondate in questo settore. Tuttavia, essi sono stati spesso criticati per essere lenti e non specializzati in termini di risposta alle esigenze dei minori.

Detto questo, dal 2005, quando un'ampia "Legge di tutela del minore " (CPL) è stata adottata come parte della serie di riforme legislative per l'adesione all'UE, ci sono stati grandi sviluppi strutturali e crescente quantità di attività nel campo dei diritti dei minori e della tutela dell'infanzia. In breve, la legge prevede un sistema di tutela dei minori globale, con una magistratura specializzata (con i pubblici ministeri per minori, tribunali appositi e assistenti sociali) in grado di adottare le necessarie misure di protezione / sostegno e una forte, ben coordinate amministrazione in grado di applicare queste misure sia per i minori autori di reato, sia per quelli che necessitano di tutela

Secondo il sistema turco, una misura di protezione e di sostegno per un minore deve essere assunta attraverso un ordine giudiziario (da un giudice minorile) e in linea di massima questo ordine dovrebbe essere basato su una indagine sociale (svolta da un'assistente sociale del tribunale minorile). In alcuni casi eccezionali ed urgenti, l'amministrazione del sistema del welfare è inoltre autorizzata ad adottare una misura di protezione che deve essere presentata al giudice minorile per l'approvazione entro cinque giorni. La ragione di questo è che, in teoria, quando 'una misura' è presa contro qualcuno, anche se è stata presa per l'interesse di quella persona, è tuttavia una privazione della libertà e, pertanto, dovrebbe essere presa da un organo giurisdizionale ai sensi del diritto di tutela della libertà.

Considerando la struttura multi-settoriale, e il fatto che la procedura è generalmente avviata da un ordine del tribunale, la legge ha individuato il Ministero della Giustizia (Moj) come lo stakeholder principale per l'attuazione della legge. Tuttavia, questa responsabilità è stato trasferito al Ministero della Famiglia e delle Politiche Sociali (MoFSP) dopo la creazione di questo Ministero nel 2011.

Pertanto, dal 2011 il MoFSP è l'amministrazione superiore responsabile del coordinamento dell'attuazione delle cinque principali misure di protezione e di sostegno - accoglienza, assistenza, consulenza, istruzione e sanità - previste dalla "Legge di tutela dei minori" (CPL). Alcuni di queste, vale a dire cura, accoglienza e consulenza, vengono realizzate dal MoFSP attraverso varie istituzioni e servizi.

Insieme a MoFSP, altre agenzie hanno vari servizi destinate ai minori. Per esempio, gli organismi preposti all'applicazione della legge, il Ministero del Lavoro, il Ministero della Pubblica Istruzione e il Ministero della Salute implementano diversi servizi di protezione dell'infanzia nelle loro peculiari aree di lavoro. 

Il MoFSP è anche responsabile della politica generale dei diritti dei bambini del paese. Il MoFSP ha destinato un totale di 625 milioni di lire turche (appx. USD 280 milioni) per i servizi per l'infanzia nel suo bilancio 2014.

2. Considerando il contesto politico attuale, come fa la Turchia affrontare il problema dei rifugiati siriani a livello regionale, in particolare i bambini?

Dall'inizio dei disordini in Siria, e più in particolare dall'inizio di un afflusso di siriani nel giugno 2011, il governo della Turchia ha formalmente dichiarato e mantenuto una politica di frontiere aperte. Come negli altri paesi vicini della Siria, gli arrivi di rifugiati sono aumentati in modo significativo nel 2012, nonostante alcuni ritorni, ed è cresciuto ulteriormente durante l'estate con l'intensificarsi del conflitto. 

I bambini stanno pagando un prezzo sempre più alto per questa crisi che va aggravandosi. Oltre ad esser morti a centinaia, i bambini sono stati sottoposti a torture, abusi sessuali, arresti arbitrari, rapimenti e sparizioni.

Poi, c'è l'impatto sull'ancora più grande numero di bambini che hanno assistito alla morte o al ferimento di parenti e amici, o che sono stati esposti a scene strazianti di violenza e distruzione. Questo ha un forte impatto sul loro benessere fisico e psicologico.

La risposta con interventi di emergenza da parte delle autorità turche, da quando è scoppiata la crisi, è stata costante e intensa, i nuovi arrivati ​​sono stati accolti velocemente in campi appositamente allestiti in collaborazione con la Mezzaluna Rossa turca (TRCS). Alla gente nei campi sono stati forniti con cibo, riparo e assistenza medica senza interruzioni. 

Nel 2013, l'UNICEF della Turchia è riuscita ad aumentare il suo contributo per il soccorso di siriani che vivono in Turchia a causa della violenza nel loro paese, impegnandosi a raffore la resilienza dei bambini e la difesa dei loro diritti all'istruzione e alla protezione attraverso la formazione speciale di insegnanti, coaching, allestimento di scuole, fornitura di abbigliamento e altri beni, così come i vaccini antipolio, corsi di lingua, spazi a misura di bambino e per le attività per i giovani. La cooperazione con il governo, che era inizialmente riluttante a coinvolgere le organizzazioni internazionali, è diventata via via più stretto.

20141030 turchia2

3. Considerando la sua esperienza nell'UNICEF in Turchia, quail second lei le principali carenze della giustizia minorile nel suo paese?

Nonostante gli sforzi compiuti a partire dal 2005, ci sono ancora alcuni problemi all'interno del sistema della giustizia minorile. Questi sono stati anche sottolineati dalla commissione per i diritti del fanciullo nelle sue osservazioni del luglio 2012.

Alla luce di queste osservazioni, alcune delle questioni in sospeso possono essere elencate come segue:

  • Numero insufficiente di professionisti che operano nel sistema della giustizia minorile,
  • Scarsa qualità dell'assistenza legale,
  • Lunga durata dei processi che coinvolgono i minori, con conseguente gran numero di minori in stato di detenzione, in attesa di giudizio, rispetto a quelli che scontano pene,
  • Sanzioni indebitamente pesanti nei confronti dei minori e la mancanza di misure alternative,
  • Lunghi periodi di detenzione e cattive condizioni in diverse carceri,
  • Accuse di maltrattamenti nei confronti dei minori detenuti.

Oltre a questi problemi, sottolineo lo scarso ricorso a misure di prevenzione e misure e mezzi diversivi per tenere i bambini lontani dal sistema giudiziario. Nel 2012, la Turchia ha raggiunto il più alto tasso di delinquenza giovanile della sua storia, con 160.000 procedimenti aperti nei tribunali. Inoltre, il fatto che più del 40% di questi casi fosse per reati contro il patrimonio, rimarca la situazione di privazione economica e le inadeguate condizioni sociali in cui versavano. 

Un altro problema è la percezione della giustizia minorile nel sistema giudiziario. Secondo la CPL, i tribunali bambino, insieme con le loro / funzioni di protezione orientate ai diritti di welfare, hanno il compito di gestire i procedimenti penali riguardanti i minori. Purtroppo, in pratica, il ruolo penale dei tribunali è dominante (a causa di percezioni tradizionali e del carico di lavoro). Questo a volte fa sì che il mandato riferito al welfare e alle procedure di protezione venga ignorato, mentre all'interno del sistema si alimenta l'approccio punitivo. 

Nonostante tutti gli sforzi di specializzazione, oltre il 50% dei minori deve presentarsi ancora dinanzi a un giudice non specializzato. Allo stesso modo, quasi il 60% dei bambini che vengono privati ​​della loro libertà alloggia in prigioni non specifiche per minori. Questo ha un impatto diretto sull'alto numero di minori in custodia cautelare e sul basso utilizzo delle misure alternative. A questo proposito, il ruolo delle assistenti sociali deve essere rafforzato in termini di status, di numeri e di formazione.

Per quanto riguarda le misure per i minori vittime e testimoni di reato, la legge apporta alcune misure (quali la registrazione delle dichiarazioni e la presenza di un esperto durante la testimonianza), ma è difficile parlare di una diffusa e standardizzata applicazione della procedura.

Inoltre, la mancanza di raccolta di dati disaggregati e le difficoltà di accesso ai dati sono i principali problemi che incidono negativamente su una migliore distribuzione e coordinamento dei servizi. Una maggiore raccolta dei dati analitici, la trasparenza, il controllo indipendente e la cooperazione con la società civile in tutti gli aspetti del sistema, in particolare per i penitenziari, sono essenziali al fine di comprendere e risolvere le carenze.

Non ultimo, con il tradizionale atteggiamento punitivo menzionato sopra, la natura dispersiva dell'amministrazione della giustizia minorile in Turchia sembra ostacolare la creazione di politiche concrete per l'intero sistema. Quindi vi è una forte necessità di un'agenzia per la giustizia minorile intersettoriale permanente.

qui l'intervista integrale

Logo arimo 1

Ubiminor è una pubblicazione online ad aggiornamento continuo, indicizzata nell'International Standard Serial Number Register ISSN 2283-348X

Iscriviti alla newsletter

Servizio Arimo news

Libellula 20160208 Casa del riuso logo orizzontale2

Servizio Volpi

immagine-cenni
  header-sportello-neo-maggiorenne-bo-ra
Centro Nisida 
 Riconoscere la violenza o negarla - copertina
 

annunci

Siti amici

nuovo fattore-famiglia Fratelli Colla ok

logosikeMillepiani logo AIA Metodo Terzi

20130919-geco

 

   

 

Seguici anche su Facebook