Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Tra le cinque città analizzate, i ricercatori hanno riscontrato le peggiori condizioni di salute a Johannesburg e Baltimora, quelle migliori nella città nigeriana di Ibadan.
I giovani che crescono nei quartieri poveri, percependo però le loro comunità in una luce positiva, manifestano una migliore salute e un più alto livello di benessere rispetto a quelli che hanno percezioni peggiori dell'ambiente in cui vivono, come indica una nuova ricerca guidata dal Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

20141127 giovani quartieri poveri

I giovani che crescono in comunità economicamente povere vivono con una paura continua, un maggiore senso di vulnerabilità e maggiore disagio ambientale. Questi fattori, a loro volta, preparano il terreno a problemi di salute cronici per tutta la vita. La nostra ricerca ci mostra che luogo in cui si risiede e salute, sia fisica che psicologica, sono inesorabilmente intrecciati.

 

Come parte di uno studio sul benessere degli adolescenti in ambienti difficili (WAVE), i ricercatori hanno esaminato quasi 2.400 adolescenti di età compresa tra i 15 e i 19 nei quartieri poveri di cinque città in tutto il mondo: Baltimora; Nuova Delhi, India; Ibadan, Nigeria; Johannesburg, Sud Africa; e Shanghai, in Cina. L'indagine è stata condotta nel 2013.

In ogni quartiere, i ricercatori hanno scoperto che gli adolescenti sono esposti a potenziali problemi di salute derivanti da ambienti fisici sporchi e affollati, poche opportunità di formazione o di lavoro, frequenti episodi di violenza, la criminalità e la droga, e servizi sanitari insufficienti. Tuttavia i ricercatori hanno trovato forti differenze nel modo in cui gli adolescenti percepiscono l'ambiente circostante, riscontrando - per la maggior parte - che quelli con una percezione più positiva hanno un migliore stato di salute.

I risultati sono descritti in cinque relazioni che costituiscono un supplemento speciale al numero di dicembre del Journal of Adolescent Health.

"Essere poveri non è la stessa in tutto il mondo, e questo fattore ha soprattutto a che fare con il modo in cui gli adolescenti percepiscono le loro comunità", dice uno dei responsabili dello studio, Kristin Mmari, un professore associato della Bloomberg School. "Per i giovani che vivono in povertà, risiedere in un paese ad alto reddito sembra incidere molto meno sulla loro salute che non il loro immediato circondario, l'ambiente effettivo in cui si sviluppano e crescono."

Mmari dice che ai ragazzi in ogni città è stato detto di fotografare l'ambiente circostante. Adolescenti di Ibadan hanno fotografato cumuli di immondizia per le strade dei loro quartieri e tuttavia valutato le loro comunità in modo molto alto, mentre i ragazzi di Baltimora hanno prodotto immagini simili ma hanno valutato le loro comunità in modo molto basso.

Le differenze sono state sorprendenti per molti motivi. Nonostante risiedano in una delle più ricche nazioni del mondo per reddito pro capite, i ricercatori hanno scoperto che i ragazzi di Baltimora soffrono dei più alti livelli di incidenza rispetto a problemi di salute mentale, abuso di sostanze, età della prima esperienza sessuale e della gravidanza, violenza sessuale. In forte contrasto con gli adolescenti a Nuova Delhi, in India, città di una nazione molto meno prospera, dove i ragazzi riferiscono solo, e in minura minore di problemi di depressione, fumo di sigaretta, gravidanza o violenza sessuale.

Tra le cinque situazioni, i peggiori risultati riguardano alla salute sono stati riscontrati a Baltimora e a Johannesburg, dove i ragazzi hanno assegnato alle loro comunità punteggi molto bassi in termini di ambiente fisico e in riferimento alla violenza. In queste due situazioni, i giovani hanno parlato della mancanza di un adeguato sistema di sostegno e assitenza, e di genitori assenti. Un numero significativo di giovani ha anche detto ai ricercatori che non esiste nessun posto in cui si sentano al sicuro, sia a casa che fuori.

giovani quartieri poveri1

Baltimora e Johannesburg sembrano essere gli ambienti più tossici, gli adolescenti nelle altre città hanno segnalato anche livelli elevati di problemi di salute mentale e di uso di sostanze, in rapporto alle media della popolazione.

La preoccupazione è che gli ambienti tossici - non importa dove si trovino - compromettano la salute degli adolescenti e il benessere nel breve termine, e possano predisporre i giovani a condizioni che fanno prevedono problemi di salute a lungo termine e aspettative di vita più brevi.

"I giovani che crescono in comunità economicamente povere vivono con una paura continua, un maggiore senso di vulnerabilità e maggiore disagio ambientale", spiega Robert Blum, uno studioso esperto di questi temi. "Questi fattori, a loro volta, preparano il terreno a problemi di salute cronici per tutta la vita. La nostra ricerca ci mostra che luogo in cui si risiede e salute, sia fisica che psicologica, sono inesorabilmente intrecciati."

Trasversalmente alle diverse situazioni, i giovani hanno riferito che consumo di tabacco, droga e alcol rappresenta il loro principale problema di salute, mentre le ragazze hanno parlato della vulnerabilità sessuale.

La gravidanza non sembra essere un problema di Ibadan, Nuova Delhi e Shanghai, dove gli incontri sessuali sarebbero relativamente rari. Ma tra le ragazze che hanno avuto esperienze sessuali, a Baltimora oltre il 50% sono rimaste incinte come il 29% delle ragazze a Johannesburg.

Questi risultati sono importanti, conclude Blum, perché non sono più malattie infettive le principali cause di morte dei giovani. Oggi, sei delle prime 10 cause di morte tra i giovani dai 10 ai 24 sono incidenti stradali, autolesionismo, violenza interpersonale, annegamento, colpi d'arma da fuoco e guerra, con il settimo, l'HIV, fortemente influenzato da comportamenti e contesti sociali. Inoltre, la metà delle malattie degli adulti ha i suoi precursori nell'infanzia e nell'adolescenza: fumo e consumo di altre sostanze, obesità, mancanza di esercizio fisico, lo stress e marginalità sociale.

Logo arimo 1

Ubiminor è una pubblicazione online ad aggiornamento continuo, indicizzata nell'International Standard Serial Number Register ISSN 2283-348X

Iscriviti alla newsletter

Arimo news

Libellula 20160208 Casa del riuso logo orizzontale2

Servizio Volpi

immagine-cenni
  header-sportello-neo-maggiorenne-bo-ra
Centro Nisida 
 Riconoscere la violenza o negarla - copertina
 

annunci

Siti amici

nuovo fattore-famiglia Fratelli Colla ok

logosikeMillepiani logo AIA Metodo Terzi

20130919-geco

 

   

 

Seguici anche su Facebook