Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

profughi

  • …a noi che sogniamo un mondo senza CIE

    Questo articolo, uscito nell’2013 con il titolo “Nei CIE, in punta di dita” sul Corriere delle Migrazioni (www.corrieredellemigrazioni. it). Allora era lecito aspettarsi una definitiva rottura con un sistema di detenzione amministrativa che aveva portato solo lutti, desolazione e sofferenze, oltre che rivelarsi inutile. A maggior ragione, oggi che lo si intende riportare in voga ci pare utile rimetterlo in circolazione, perché la memoria aiuta a difendersi.

    20170118 CIE

  • Contro le ingiustizie e le repressioni servono voci e mani coraggiose

    «Abbiamo bisogno di voci coraggiose di eroi comuni che si oppongano all’ingiustizia e alla repressione», questo è l’invito di Salil Shetty, Segretario Generale di Amnesty International in apertura dell’ultimo numero della rivista trimestrale della nota organizzazione umanitaria.

    20170530 amnesty 1

  • Filastrocca della tentazione del mare

    per Jatta
    (Gambia 1999 – Italia 2016)

    Non era parte del prezzo
    insegnarti a nuotare.
    Eppure quello era un mezzo
    da doverci pensare

    20161202 Jatta 1

  • Filastrocca per Dao

    Nell’arco di pochi giorni due ragazzi sono morti in Emilia Romagna. Entrambi minori stranieri non accompagnati arrivati in Italia attraversando pericoli e devastazioni, entrambi affogati in acque imprevedibili proprio quando sembrava che per loro il peggio fosse passato.
    Non li ho conosciuti personalmente, amici che li hanno incontrati mi hanno trasmesso qualcosa di loro.

    20161202 Dao 2

  • I piccoli profughi in Mozambico vorrebbero tanto tornare a casa

    Appartiene forse soltanto alla fantasia l’idea di un mondo nel quale i bambini contano davvero e orientano le decisioni dei potenti. Film e romanzi si avventurano in questi scenari che restano miraggi o timori lontani, ma che cosa direbbero i bambini in guerra se li stessimo ad ascoltare?

    20210729 Mozambico 1

  • Il lupetto genovese venuto dall'Africa che ora l'Italia ha deciso di mandare via

    La sua voce è spaesata. Non è solo paura è anche confusione. La sua voce non me la ricordavo più a dire la verità. Sono passati troppi anni e di quelli, almeno per lui, cruciali.

    20161206 Orsetto a

  • Il pellegrinaggio dei profughi accolti nella parrocchia di don Rito

    Vede la videocamera ed esplode di frenetica gioia ed infantile narcisismo. Letteralmente la insegue, ci si piazza davanti offrendo il suo sorriso sdentato eppure perfetto e regala la sua intervista al mio amico giornalista.

    20170710 pellegrinaggio 2

  • L'infinita odissea dei migranti per forza. Un'intervista vale lo status di rifugiato

    Il dato più impressionante, e non è che ne manchino nel Dossier statistico immigrazione per il 2016 da poco presentato da Idos nelle principali città italiane, è rappresentato dal numero dei migranti forzati, ovvero da tutte quelle persone che, non avendo altra scelta, sono state costrette a lasciare la loro casa e il loro paese. 

    20161124 odissea 1

  • L'umanità a Ventimiglia

    Manca all’appello ancora l’ultimo treno, quello delle 23, e i profughi in stazione a Ventimiglia sono già almeno 400. Sudanesi, etiopi, eritrei, ghanesi, profughi del Togo, del Mali e della Guinea, tutti approdati sulle nostre coste nei giorni scorsi. La nostra piccola Africa ligure.
    Tra loro, numerose donne anche giovanissime, stremate, stese per terra con occhi e corpi quasi inermi. Bellissime, nonostante tutto.

    20150619 ventimiglia

  • La battaglia infinita dei tanti ‘Prince’ per veder riconosciuti i loro diritti

    Principe di nome. Un nome avuto in sorte insieme ad un’esistenza in salita. Nato nel posto sbagliato, come molti altri. In un continente di una bellezza cosi struggente da fare ammalare di nostalgia persino gli occasionali visitatori e di una ricchezza invidiabile, depredata senza sosta dal cinismo e dall’arroganza di governi e multinazionali.

    20190204 prince jerry

  • La lezione umana dei richiedenti asilo: “Grazie a chi ci ha salvato la vita in mare”

    “Volevo ringraziare gli italiani che mi hanno salvato la vita in mare. Chi ti salva ti ama”. “Volevo ringraziare perché quando ero in mare avevo dubbio che qualcuno mi potesse salvare. Io non posso dimenticare e devo ringraziare”.

    20170905 ringraziamento 2a

  • Lamin e Mary, il sorriso della speranza i piccoli profughi che ci fanno crescere

    Un'amica di vecchia data, incontrata casualmente un po' di mesi fa, in un momento di rara contentezza, quasi di grazia, mi aveva ironicamente apostrofata con questa frase: "meno male che hai le orecchie!" e poi davanti al mio sguardo perplesso aveva aggiunto come spiegazione: "Ti servono a fermare il sorriso".

    20160607 lamin 1

  • Migranti, quella rete di persone solidali che sa sempre da che parte schierarsi

    Se fossi un sudanese fuggito dal mio Paese, scappato dalla dittatura militare, se avessi attraversato deserti e prigioni e mare, se fossi miracolosamente scampato ad ogni invito di morte, se fossi approdato in qualche costa del sud Italia, se mi avessero intinto i polpastrelli

    20160901 Sudan 2

  • Minorenni, migranti e soli. Numeri e volti per l’accoglienza

    Non mi piace lo strapotere delle emozioni.
    Senza sottovalutare nulla, la passione con cui i miei connazionali a ogni livello, dai decisori della politica all’opinione pubblica, stanno rispondendo ai bisogni dei profughi afghani (con i luoghi di accoglienza che non sanno più dove mettere la roba) mi piacerebbe di più se venisse offerta anche a chi fugge da altre guerre, da altre torture, da altre oppressioni.

    20210901 rifugiati 1

  • Nei racconti dei migranti l’eco dei tanti affogati in mare

    Li ricevo tutti nella stessa mattina, l’ultima dell’anno. Non si conoscono tra di loro e si incrociano solo nella sala d’attesa. Ognuno mi racconta la sua storia. È una pena non solo di memoria, ma psicologica, però è necessaria per tentare di ricostruire i motivi per i quali sono scappati dal loro paese e non possono più farvi ritorno e presentare ricorso contro il diniego della protezione internazionale.

    20180107 Mare Ballerini 1a

  • Noi spettatori passivi di ingiustizie e il senso di colpa diventa inevitabile

    Un mio lontano cugino alcuni anni fa, dopo aver sperimentato qualche improbabile tecnica di rilassamento ha provato ad insegnarmela.
    Consapevole della deprimente impotenza che si accumula dopo giornate in studio, avendolo per qualche tempo lui stesso frequentato come mio praticante, mi suggerì di ripetere ad alta voce, prima di dormire, un numero di volte che non riesco a ricordare ma certamente dispari, la frase assolutoria: non è colpa mia.

    20170912 colpa 1a

  • Profughi, un'odissea senza fine la resistenza diventa atto di fede

    Ora come allora. Stessi luoghi, almeno in parte, stessa indecente sofferenza, stessa insensata burocrazia (con alcune varianti peggiorative), stessa, sperimentata ottusità dei poteri, stessa tenacia delle vittime e di chi le assiste.

     20160504 ballerini ventimiglia 5a

  • Prostitute per forza. Chi difende quei corpi da espellere

    Alcune vengono da sole, grazie al passaparola, col mio nome e l’indirizzo dello studio scritti confusamente, in una sorta di anagramma, su un lembo di carta. Alcune sono state indirizzate alla mia porta dalla mitica Comunità di don Gallo che non si volta mai dall’altra parte quando si imbatte in una richiesta di aiuto, altre dallo sportello degli avvocati di strada, altre ancora dalla Caritas di Ventimiglia o dalle varie quanto preziose associazioni di volontariato.

    20170111 prostituzione sfruttamento 3

  • Si ammalano di viaggio e di speranza in attesa di un asilo

    Sarà, credo, capitato a tutti di sentirsi fuori posto, non solo e non tanto inadatti o inadeguati, ma proprio fuori luogo, o meglio, nel luogo sbagliato. In incontri, convegni o semplici cene, quando tutti sembrano legati da interessi comuni, o almeno fingono in maniera sublime, e noi vorremmo scomparire, essere ovunque ma non lì,

    20150928 Ballerini profughi 1

  • Sotto il ponte non sopravvive alcuna forma di razzismo

    È un gioco, anzi meglio, un esperimento che facciamo quando andiamo nelle scuole insieme con il mio amico illustratore Lorenzo Terranera. Prima diciamo ai pargoli di disegnare le loro paure e dargli un colore.

    20181022 ponte 4

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Link amici

Area riservata