Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Tommie Mabry aveva 12 anni quando un proiettile lo sfiorò mentre stava svaligiando una casa che pensava fosse vuota. Quel colpo sarebbe potuto essere fatale per quel preadolescente ribelle, deciso a emulare i peggiori esempi della gente che abitava nella zona di Midtown a Jackson, dove è cresciuto.

20190523 dare 1a

"Prendevamo per modello quello che vedevamo. A miei occhi erano fantastici quei ragazzi che stavano ricevendo l'attenzione di tutti. Erano rapper, atleti o spacciatori di droga. Volevo essere quello che erano loro" racconta Mabry, oggi autore e speaker motivazionale, impegnato in un dottorato alla Jackson State University .

Il problema, spiega, in un contesto caratterizzato da un crescente tasso di violenza armata e di incarcerazione tra i minori, è la loro continua esposizione a influenze negative.

"Non ci sono molti interventi di cambiamento nei nostri quartieri, rivolti ad arginare quello cui sono sottoposti i nostri ragazzi. Questi giovani stanno solo 'giocando le carte' che vengono date loro.

I ragazzi che crescono in un quartiere modello probabilmente non vedranno mai il carcere. Tuttavia, se si prendono in considerazione i giovani di un ambiente in cui la povertà è elevata, i quali durante una semplice camminata verso la scuola, ogni giorno incontrano influenze negative, questi diventeranno quasi sicuramente un prodotto di quell'ambiente".

Mabry stava diventando rapidamente proprio quella cosa, da ragazzo. Gli hanno sparato due volte, arrestato una volta, espulso da sette scuole elementari e tre scuole medie, ha ripetuto la terza media prima di cambiare rotta.

Nel 2013, ha pubblicato il libro " Un viaggio oscuro verso un futuro leggero", raccontando la sua esperienza. Descrive il suo libro come la storia vera di un bambino afro-americano che combatte contro il suo ambiente violento e scoraggiante per indirizzarsi sulla via della grandezza. 

Il suo secondo libro "Se Tommie può farlo, noi possiamo farlo " del 2015, è il racconto della sua vita nel periodo della sua scuola media. "Volevo arrivare ai ragazzi più piccoli, ma il primo libro era troppo complesso", ha detto Mabry, che quest'anno ne ha pubblicato una versione adatta ai bambini delle elementari. 

Nel 2015 ha fondato una piattaforma di comunicazione pedagogica e motivazionale, e nel 2016 la direzione del programma di formazione John Maxwell lo ha riconosciuto come uno dei migliori trenta coach di leadership del paese.

20190523 dare 2


"Se hai superato i 18 anni, sei stato benedetto"

Primo di sei fratelli - cinque maschi e una femmina - Mabry, a 31 anni, è il primo della sua famiglia ad avere un diploma di liceo e università, successi che per poco non gli sfuggivano.

"Prenderei quello che ho imparato nel quartiere e lo porterei nelle scuole. Pensavo davvero che non avrei potuto imparare a leggere e scrivere crescendo, quindi in classe disturbavo le lezioni come meccanismo di difesa. Chi si prende a cuore lo studente che interrompe sempre le lezioni?"

Calvin Lockett, vice direttore della Jackson Public Schools, un tempo era il preside di Mabry alla Bailey Magnet School. Cresciuto nel centro della città, Lockett ha spiegato che il comportamento del suo ex studente era semplice sopravvivenza. "Dovevi essere forte per sopravvivere nella zona da cui lui proveniva". 

L'aspetto fisico di Mabry emana ancora oggi forza. I tatuaggi spuntano da sotto la sua camicia. Ha fatto il primo a 11 anni e ora più di 70 coprono la sua pelle. L'oro che incoronava i suoi due denti anteriori dall'età di 13 anni, un simbolo di appartenenza criminale, è stato rimosso nel 2011 grazie al pastore e alla chiesa di Mabry, la New Jerusalem a Jackson, che hanno pagato per farlo rimuovere.

Il pastore Dwayne Pickett racconta: "L'ho visto prendere la decisione di volere qualcosa di diverso. Voleva essere qualcosa di diverso".

Era tempo di lasciar andare il vecchio Tommie, racconta Mabry. Quel “vecchio” era un ragazzino di quinta elementare arrestato per aver fatto irruzione nel lunapark. Ricorda ancora il giudice che gli ha detto che sarebbe morto o sarebbe stato imprigionato entro cinque anni. Ci sono voluti diversi anni prima che che lui potesse apportare cambiamenti positivi nella sua vita

"Quando ho ripetuto la terza media, questo è stato il mio punto di svolta". 

Alla fine, la luce che il preside Lockett diceva di aver visto sempre in Mabry stava iniziando a brillare.

Mabry attribuisce a Dio il merito di aver portato persone importanti nella sua vita, come il sindaco Jackson che lo ha inserito nella squadra locale di basket. "Ha visto qualcosa che non ero ancora prima che lo vedessi io. Ha visto in me qualcosa che potevo essere. Ha detto che voleva farmi conoscere alcune cose che non avevo mai incontrato prima. Questa è la chiave: far fare ai ragazzi esperienza della positività. Dare ai giovani speranza".

Interagire con i giocatori di baseball, studenti che parlavano della loro ambizione di andare all’università, hanno motivato Mabry a guardare al di là di quello che lo circondava.

"Nel mio quartiere, se ne hai compiuto i 18 anni, sei stato benedetto" afferma Mabry, che ha iniziato a capire che aveva bisogno di evolvere.

Alla Bailey Magnet School, è diventato un giocatore di pallacanestro delle scuole superiori a livello nazionale, e ha avuto offerte da vari college e università. Poi, un giorno che aveva saltato la scuola all’ultimo anno delle superiori, è stato accidentalmente ferito al piede. Un suo amico stava ballando con una pistola in tasca ed è partito un colpo che lo ha ferito. Incapace ormai di giocare, Mabry ha perso l’occasione delle borse di studio.

20190523 dare 7


Ho rotto il circolo vizioso

Mabry crede che l'incidente sia stato il modo in cui Dio ha attirato la sua attenzione.

Si è imbattuto nella Scrittura: "Colui che è dentro di te è più grande di Colui che è nel mondo."

Mabry spiega che questo gli ha insegnato che per ottenere qualcosa che non aveva mai avuto, doveva fare qualcosa che non aveva mai fatto e diventare quella persona che non era mai stato

La sua fede, il suo sogno venne esaudito quando il Missouri State ha offerto una borsa di studio a Mabry, che nel frattempo frequentava la scuola estiva per alzare i suoi voti. Nel 2007 si è iscritto all’università e ha insegnato a se stesso come studiare.

"Mi hanno detto che se non avessi mantenuto un punteggio alto, sarei stato rimandato a casa".

Alla fine, Mabry si è trasferito al Tougaloo College, un istituto privato e storicamente nero, nel sobborgo di Jackson. Ha conseguito una laurea in scienze dell’educazione con lode nel 2011 ed è tornato come educatore nello stesso distretto scolastico che un tempo lo aveva cacciato.

"Mi sono sentito di essere l'esempio perfetto per tornare indietro e mostrare ai ragazzi che avevo rotto il circolo vizioso che mi imprigionava”.

Mentre lavorava alla Whitten Middle School di Jackson, ha incontrato sua moglie Jerrika, una logopedista. Insieme hanno avuto tre bambini. Mabry afferma che la moglie è la sua più grande sostenitrice.

Jerrika, da parte sua, afferma che è importante che lei gli dia un riscontro sincero e lo incoraggi a "non smettere mai di condividere il suo messaggio, perché così tanti hanno bisogno di sentirlo".

Jerrika ha visto l'effetto di Mabry sui suoi bambini. 

"Si aprono a lui e parlano di cose personali, non solo quando sono soli con lui, ma anche di fronte ai loro coetanei. Tommie rende l'ambiente caldo e invitante. Sentono di poter essere se stessi e gli dicono perché si stanno addormentando in classe o perché si sono arresi di fronte a una sfida impegnativa. Lui ispira tanta speranza". 

Il preside Pickett racconta che sono molte le persone che portano ad esempio la capacità di Mabry di elevarsi al di sopra della sua condizione e di creare i presupposti per una nuova strada. 

Nel 2017 Mabry ha ricevuto il diploma di dottorato in educazione. 

Ora visita il paese incoraggiando educatori e studenti ad analizzare i fattori che limitano i risultati scolastici dei ragazzi delle minoranze, mentre sono costretti ad affrontare le esperienze e le sfide che si trovano di fronte, dentro e fuori la classe.

"Voglio mostrare loro che non c'è una data di scadenza per farcela" afferma Mabry, concludendo il racconto della sua esperienza.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca