Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Consuetudini e routine interrotte, preoccupazione per l’emergenza sanitaria e le sue conseguenze, hanno reso più difficile dormire in questo periodo. Ricerche svolte in diversi Paesi indicano che dall'inizio della pandemia c'è stato un aumento significativo del consumo di farmaci per il sonno.
20201222 buonsonno 2a

Chi si è occupato di questi studi sottolinea che, se ci si è sentiti di cattivo umore negli ultimi mesi, la mancanza di sonno potrebbe essere in parte la causa. Secondo una nuova ricerca condotta prima della pandemia, la privazione del sonno smorza l’entusiasmo per gli eventi positivi e rende più difficile trovare i lati positivi quando ci si trova sotto stress.

Nel documento, pubblicato all'inizio del 2020 su Health Psychology, i ricercatori hanno intervistato quasi duemila adulti negli Stati Uniti. Per otto giorni, i partecipanti hanno ricevuto una telefonata ogni sera in cui è stato chiesto loro di riferire quanto avevano dormito la notte prima, se avevano vissuto eventi stressanti o positivi e i loro livelli complessivi di emozioni positive e negative.

Quando i partecipanti dormivano di più, il giorno successivo avevano livelli più alti di emozioni positive e livelli più bassi di emozioni negative. Inoltre, il sonno ha condizionato il modo in cui gli eventi della giornata li avevano influenzati. Nei giorni in cui i partecipanti hanno avuto un evento stressante, le loro emozioni positive hanno avuto un impatto minore se avevano dormito bene la notte in anticipo. E, nei giorni in cui sono successe cose belle, i partecipanti hanno sperimentato una spinta ancora maggiore nelle emozioni positive se erano ben riposati. Questi benefici erano ancora più evidenti per le persone che avevano un maggior numero di problemi di salute cronici, come l'ipertensione o il diabete.

Il sonno ha molti effetti ad ampio raggio sulle nostre vite. Ad esempio, ricerche passate hanno scoperto che la privazione del sonno può essere un fattore di rischio per lo sviluppo di problemi di salute permanenti. E il suo impatto sulle emozioni positive potrebbe in parte aiutare a spiegarlo, poiché le emozioni positive sembrano ridurre le infiammazioni, che derivano spesso dallo stress, e proteggere la salute.

In altre parole, l'effetto del sonno sugli stati d'animo potrebbe persino tradursi in una salute migliore o peggiore nel tempo.

Oltre alla salute, la privazione del sonno può anche influenzare le relazioni con gli altri, in due modi, afferma Nancy Sin, assistente professore presso l'Università della British Columbia e autrice principale dell'articolo.

20201222 buonsonno 2

In primo luogo, l'irritabilità che si prova quando si è privati del sonno può danneggiare direttamente le relazioni (il che potrebbe essere un motivo per rimandare le conversazioni serie a un giorno in cui ci si sente più riposati). Inoltre, poiché le emozioni positive svolgono un ruolo cruciale nella costruzione di relazioni, non provare tante emozioni positive quando si è privati ​​del sonno potrebbe rendere più difficile coltivare un senso di vicinanza con gli altri.

Tuttavia, detto questo, l’aspetto positivo è che semplici modifiche alle proprie routine possono aiutare a migliorare il sonno. Cose come mantenere un programma di riposo regolare, fare esercizio fisico e limitare la luce e il rumore non necessari nella camera da letto, possono aiutare a favorire il sonno.

Una delle principali raccomandazioni offerte da Sin è di limitare il tempo davanti allo schermo prima di andare a letto. La ricerca suggerisce che gli apparecchi elettronici possono emettere una luce blu che interferisce con il sonno. Se ci si ritrova spesso a scorrere le pagine sui social media durante le ore notturne, è bene valutare la possibilità di impostare un orario per spegnere i dispositivi e passare a un'attività più rilassante (come leggere o ascoltare musica riposante).

Per coloro che vivono con la famiglia o con compagni di stanza, Sin sottolinea che dormire bene la notte non è solo uno sforzo individuale: i comportamenti di coloro con cui viviamo possono disturbare il nostro sonno. Quindi, ad esempio, si può prendere in considerazione la possibilità di fare un patto con i membri della famiglia per limitare il tempo davanti allo schermo e ritenersi reciprocamente responsabili del sonno altrui.

È importante riconoscere che tutti hanno subito enormi cambiamenti nelle loro routine dall’inizio dell’epidemia, dice Sin, poiché molte persone hanno affrontato l'incertezza economica, hanno dovuto adattarsi al lavoro da casa o prendersi cura dei figli durante la chiusura delle scuole. Alla luce di ciò, probabilmente non è troppo sorprendente che così tanti abbiano subito disturbi del sonno. Lo stress può rendere più difficile dormire, in particolare se l'evento stressante si verifica vicino al momento di coricarsi.

Il rovescio della medaglia è che migliorare il sonno ha il potenziale per aiutare a far fronte in modo più efficace agli stress che si stanno affrontando in questo momento. Come spiega Sin, "Mantenere un buon sonno è uno di questi aspetti critici del rimanere in buona salute emotivamente e psicologicamente durante questo complicato periodo".

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca