Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Un'indagine sulla pandemia ha rilevato che gli adolescenti che hanno risposto correttamente a più domande del test COVID-19 hanno anche riportato meno stress, ansia e depressione, nonché una minore solitudine e paura di perdersi, nota come Fomo (fear of missing out).

20221118 conoscere 3

Per lo studio, pubblicato sul Journal of Child and Family Studies, i ricercatori della Washington State University hanno intervistato 215 adolescenti di età compresa tra 14 e 17 anni negli Stati Uniti nel luglio 2020 durante i primi mesi della pandemia.

"La conoscenza è stata una buona cosa. Gli adolescenti che hanno fatto meglio nel nostro test tendevano a riferire depressione, ansia e stress più bassi" ha detto Chris Barry, professore di psicologia della WSU. "Questa è un'istantanea una tantum, quindi non conosciamo davvero causa ed effetto, ma una presunzione è che avere informazioni accurate fosse collegato al sentirsi un po' più a proprio agio durante quel periodo".

Barry e i coautori Zeinab Mousavi e Brianna Halter hanno chiesto ai partecipanti di rispondere prima a domande vere o false su COVID-19, come il modo in cui il virus si diffonde e i suoi rischi per la salute. Sebbene ci fossero alcuni punteggi bassi nel test, la maggior parte dei partecipanti ha ottenuto un punteggio medio di 15 su 18 corretti e il 21,9% ha risposto a tutte le domande in modo corretto. I partecipanti hanno quindi risposto a una serie di domande sul loro benessere e sul loro utilizzo dei social media.

Mentre quasi tutti gli adolescenti (il 98,1%, ha utilizzato i social media in qualche modo), coloro che avevano una buona conoscenza del virus e controllavano i social media meno frequentemente hanno riportato anche i livelli di ansia più bassi.

Sebbene sia difficile conoscere il motivo alla base di questa connessione, i ricercatori hanno affermato che una possibilità era che gli adolescenti con una conoscenza meno accurata del virus e dei suoi effetti avrebbero potuto utilizzare di più i social media per trovare risposte e, nel processo, avrebbero assorbito più disinformazione che ha contribuito alla loro ansia.

I social media probabilmente hanno un effetto misto sul benessere degli adolescenti, ha affermato Mousavi, assistente ricercatore nel laboratorio di Barry e primo autore dello studio.

20221118 conoscere 3a

"Ci sono così tanti fattori in gioco con i social media. Ad esempio, è positivo che un ragazzo rimanga in contatto con i suoi amici e ottenga alcune informazioni, ma forse a un certo punto questo peggiora alcune cose, provocando più ansia, piuttosto che aiutare a far fronte alla situazione".

I ricercatori hanno anche intervistato i genitori degli adolescenti per valutare il livello di misure di isolamento in cui si trovavano gli adolescenti.

Hanno scoperto che le misure di quarantena più restrittive erano associate a un minore benessere per gli adolescenti, ma che la percezione e la conoscenza da parte degli adolescenti delle motivazioni delle restrizioni era particolarmente importante per il benessere. Ciò indica forse che più gli adolescenti comprendevano il motivo di tali misure, o percepivano l'esistenza di alcuni vantaggi, più si sentivano meglio e positivi in ​​generale, ha affermato Barry.

I risultati sottolineano la necessità per i genitori e gli educatori di fornire informazioni accurate agli adolescenti soprattutto in tempi di crisi, sottolinea lo studioso.

"Pensando allo sviluppo adolescenziale in generale, una delle cose che raccomandiamo dal punto di vista della psicologia dello sviluppo è una comunicazione aperta, quindi per quanto riguarda la pandemia, ciò significa informazioni oneste e accurate".

Il professore ha anche suggerito che i genitori non solo riconoscano lo stress e i sentimenti di isolamento che possono derivare da qualcosa come la quarantena, ma aiutino anche gli adolescenti a sfruttare al meglio la situazione.

Ad esempio, se i figli stanno perdendo eventi che sono stati cancellati, i genitori potrebbero aiutarli a trovare altri modi per socializzare con gli amici o impegnarsi in attività ricreative. Dovrebbero anche cercare di enfatizzare tutti i potenziali lati positivi dell'esperienza.

"In una situazione insolita e delicata, come quella dei blocchi per limitare il contagio, il punto di visione della situazione che può avere un giovane è molto importante per come reagirà".


Riferimento bibliografico
S. Zeinab Mousavi, Christopher T. Barry, Brianna M. Halter.
Relations of Adolescent Knowledge of COVID-19, Social Media Engagement,
and Experiences During Quarantine/Lockdown with Well-Being
.
Journal of Child and Family Studies, 2022.
Ubiminor