Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Lo specchio diventa un oggetto senza il quale non potrebbero vivere. Si innamorano della propria immagine e credono di meritare un trattamento speciale, diventando aggressivi se non lo ricevono. L'esposizione alla violenza domestica, la mancanza di una comunicazione affettuosa e positiva tra genitori e figli, e un'educazione permissiva, sono fattori che concorrono a sviluppare adolescenti narcisisti che aggrediscono fisicamente o verbalmente i loro genitori.

 20151221 narcisismo 2

Lo dimostra per la prima volta uno studio spagnolo condotto su 591 adolescenti e sui loro genitori. 

Si tratta di un argomento tabù di cui poco si parla perché non è ammesso di frequente dai genitori e dai figli, ma che per  molte famiglie è la realtà: esistono bambini e adolescenti che aggrediscono i loro genitori e adottano con frequenza comportamenti o atteggiamenti violenti nei loro confronti. Fino ad ora ci sono stati pochi studi che hanno cercato di spiegare le ragioni di questo comportamento, tuttavia recentemente e in modo inedito un nuovo studio ha analizzato gli elementi che determinano il sorgere di questa violenza dei bambini verso i genitori.

"A volte gli adolescenti aggrediscono i loro genitori perché i genitori stessi sono stati violenti verso i figli o fra di loro. L'esposizione alla violenza in famiglia porta i bambini ad imparare ad essere violenti. Altre volte, è l'assenza di una comunicazione affettuosa e positiva tra genitori e figli, la mancanza di tempo dedicato loro in modo esclusivo, o stili genitoriali permissivi che non impongono limiti" afferma Esther Calvete, l'autrice principale dello studio e ricercatrice presso l'Università di Deusto.

Il lavoro, pubblicato su Developmental Psychology, si è basato su interviste fatte a 591 adolescenti provenienti da nove scuole secondarie pubbliche e undici private di Vizcaya, realizzate nel corso di tre anni, le quali hanno permesso di analizzare il rapporto tra il narcisismo e l'aggressività rivolta ai genitori dai loro stessi figli.


il narcisismo riguarda adolescenti che sentono di dover ottenere
tutto quello che vogliono, proprio qui e ora


"In alcuni casi abbiamo potuto osservare questa caratteristica del narcisismo: esso riguarda adolescenti che sentono di dover ottenere tutto quello che vogliono, proprio qui e ora. Loro non accettano un “no” come risposta. Quando i loro genitori cercano di stabilire dei limiti, questi ragazzi reagiscono aggressivamente" sottolinea la dottoressa Calvete.

I risultati dimostrano che l'esposizione alla violenza durante il primo anno dello studio, ha portato ad aggressioni dirette verso i genitori durante il terzo anno. Allo stesso modo, un rapporto distaccato e freddo tra genitori e figli nel primo anno dello studio è risultato collegato ad un'immagine di sé sovradimensionata e narcisistica nei ragazzi durante il secondo anno, la quale ha comportato aggressività verso i padri e verso le madri durante l'ultimo anno.

Per questo motivo, secondo gli scienziati, le pratiche e le impostazioni educative e di crescita sono fondamentali. "Se i genitori non crescono i propri figli con senso di responsabilità e rispetto, è facile per questi ragazzi sviluppare problemi di comportamento aggressivo. Se i genitori sono violenti quando i figli sono ancora piccoli, aumenta il rischio di un successivo comportamento aggressivo nei ragazzi " afferma l'esperta.

Ma il comportamento adottato da padri e madri non è l'unico elemento decisivo. Il temperamento è un altro fattore importante, alcuni ragazzi e ragazze sono più impulsivi e acquisiscono più facilmente l'abitudine a comportamenti violenti " aggiunge.

20151221 narcisismo 2a


Rabbia non controllata

Questi giovani tendono più facilmente a sentirsi frustrati e respinti... In questo caso, prima vengono le grida e gli insulti, seguiti poi da aggressioni fisiche. "Per questo motivo, quando un padre o una madre percepiscono che il loro figlio o la loro figlia mancano loro sempre di rispetto, li minacciano e spaventano, devono leggere questi come chiari segnali di allarme, e devono agire e chiedere aiuto" spiega la studiosa dell'università basca.

A titolo di esempio, nello studio gli autori raccontano di una e-mail che una donna ha inviato a Brad J. Bushman dell’University of Amsterdam, co-autore dello studio. "Nostro figlio si vede superiore a tutto. L'altra sera gli ho detto che avrebbe dovuto smettere di guardarsi nello specchio, perché aveva un bell’aspetto e non c'era bisogno che continuasse a controllarlo. E lui ha dato di matto. Suo padre più tardi gli ha detto che non aveva il diritto di parlarmi in quel modo. Ma mio figlio è diventato sempre più verbalmente aggressivo, e la situazione è degenerata in violenza fisica. Ha colpito ripetutamente mio marito. Adesso si sta riprendendo ma ha riportato dallo scontro costole ammaccate e una mascella rotta. Il problema è che mio figlio continua a pensare di essere nel giusto. A suo dire, è lui a sentirsi minacciato " ha spiegato la madre.


il trattamento deve essere diretto verso la riduzione
della visione narcisistica che hanno di loro se stessi


Secondo la professoressa Calvete, l’aggressività - soprattutto tra i 13 e i 15 anni, un'età particolarmente critica - si manifesta con rabbia e comportamenti incontrollati, e viene diretta verso i genitori con l’obiettivo di danneggiarli fisicamente o psicologicamente. "Gli adolescenti possono anche arrivare a rubare o a rompere effetti personali dei genitori" aggiunge la dottoressa Calvete, la quale sottolinea che non ci sono differenze tra ragazzi e ragazze. "Anche se le statistiche dimostrano che il problema sta diventando sempre più diffuso tra le ragazze."

Una volta che il comportamento aggressivo degli adolescenti si sia manifestato, il trattamento deve essere diretto verso la riduzione della visione narcisistica che hanno di loro se stessi. Per questo motivo, il team di studiosi suggerisce "l'educazione al rispetto e alla tolleranza della frustrazione, e di evitare in ogni modo l'esposizione di ragazzi e ragazze a manifestazioni di violenza . "

"Pensate a tutti i casi di violenza contro le donne. I ragazzi e le ragazze sono spesso testimoni di questa violenza. Questo insegnamento è qualcosa che deve essere oggetto di intervento e di attività di prevenzione da parte delle istituzioni" conclude la studiosa.

 

Riferimenti bibliografici dello studio:
Calvete, Esther; Orue, Izaskun; Gamez-Guadix, Manuel; Bushman, Brad J. Predictors of Child-to-Parent Aggression: A 3-Year Longitudinal Study. Developmental Psychology, Dicembre 2015.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca