Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Gli ultimi anni sono stati duri per tutti ma soprattutto per i nostri ragazzi, come confermano le molte ricerche sul rapido aumento della solitudine, dell'ansia e della depressione tra i più giovani.

20221201 alon 5

Secondo uno studio del Journal of Adolescence intitolato: "Aumento a livello mondiale della solitudine adolescenziale", i bisogni di salute mentale degli adolescenti di tutto il mondo hanno iniziato ad aumentare dopo il 2012, in gran parte a causa dell'aumento dell'accesso agli smartphone e della crescita dell'uso di Internet.

In tutto il mondo, quasi il doppio degli adolescenti nel 2018 ha avuto livelli elevati di solitudine rispetto al 2012. E sfortunatamente, dopo la pandemia, la solitudine dei ragazzi ha raggiunto livelli record. L’essere umano è un essere sociale e il suo cervello si è sviluppato nel corso dei millenni per interagire con altri esseri umani. Negli ultimi anni si è in certi periodi annullata o molto ridotta la possibilità vitale della connessione, soprattutto per gli adolescenti, in tanti modi.

Uno studio realizzato lo scorso anno ha mostrato che "i tassi di sintomi depressivi sono aumentati notevolmente tra adolescenti e giovani adulti negli ultimi due anni" con il 38% di tutti i giovani di età compresa tra 14 e 22 anni che riportano sintomi di depressione da moderata a grave, rispetto al 25% nel 2018.

L'età della scuola superiore è probabilmente la fase di sviluppo più dura per i ragazzi, con la socializzazione al primo posto. È un periodo pieno di cambiamenti e nuovi inizi, in cui i ragazzi si sentono più adulti di quanto non siano in realtà mentre si aggrappano ancora in modo forte al loro “bambino interiore”. Non solo stanno affrontando le pressioni di un aumento del carico di compiti e del dover tenere il passo con lo studio, ma ora devono superare le pressioni sociali, affrontare le delusioni di non essere invitati a ritrovi e feste, e probabilmente il più difficile di tutti: navigare nel mondo digitale dei social media.

Gli psicologi e gli esperti di sviluppo assicurano però che ci sono modi per individuare i problemi prima che diventino troppo seri.

Hanno attraversato grandi cambiamenti

I grandi cambiamenti sono difficili per chiunque, ma soprattutto per gli adolescenti che stanno già vivendo importanti cambiamenti evolutivi e neurologici.

 Se un giovane si è recentemente trasferito in una nuova città o scuola, sta affrontando un livello significativo di cambiamento nella sua vita. Potrebbe essere preoccupato di fare nuove amicizie, trovare difficile fare qualcosa di apparentemente semplice, come arredare e decorare la sua nuova stanza in modo che rifletta la sua personalità.

Durante queste transizioni, è importante che i genitori comprendano se un figlio si sente solo. Questo potrebbe significare che sia più introverso o evitante, più "appiccicoso" o persino regredire o comportarsi come un bambino piccolo. Invece di essere infastiditi o frustrati da questo cambiamento di comportamento, è importante che i genitori si rendano conto che esiste una causa di questo cambiamento e si attivino per aiutare il ragazzo.

Si sentono tagliati fuori o vogliono avere più amici

Gli amici sono di fondamentale importanza negli anni delle scuole superiori. Anche il ragazzo più socialmente indipendente desidera essere in relazione con gli altri. Se si sente il proprio figlio desiderare più amici o parlare di come è stato escluso da qualcosa, non bisogna sottovalutarlo. Bensì, chiedere, capire. Gran parte del suo cervello in via di sviluppo e del senso di sé è radicato in forti legami familiari e amicali. Gli adulti devono saper insegnare a interagire e crescere, infondendo fiducia nelle relazioni che un giovane sta cercando di formare al di fuori della famiglia.

20221201 alon 1a

Anche il ragazzo apparentemente più socievole che ha infiniti amici può ancora provare un senso di solitudine. Si può essere soli e non sentirsi soli, e si può invece sentirsi soli senza esserlo davvero. Le implicazioni negative della solitudine derivano dalla percezione di sentirsi isolati o ostracizzati e non semplicemente dall’essere soli.

È quindi importante considerare con attenzione anche quei giovani che sembrano avere una vita sociale attiva per assicurarsi che non si sentano soli, nonostante siano circondati da amici.

Sembrano essere in una "dimensione diversa" rispetto ai loro coetanei

Nel corso degli anni della scuola superiore lo sviluppo socio-emotivo dei ragazzi può variare ampiamente. Per molti questo potrebbe significare che non si relazionano più con i loro coetanei come una volta. Come genitori, ad esempio, conoscendo bene il proprio figlio, si sa che intellettualmente magari è più avanti degli altri ma la sua intelligenza emotiva potrebbe essere in ritardo. Questo potrebbe portare a difficoltà a socializzare con determinati gruppi di amici e alla conseguente solitudine.

Se non trovano compagni con cui entrare in contatto a scuola, si può spingerli a frequentare attività pomeridiane di gruppo, secondo i loro interessi. A volte, metterli in una situazione diversa con giovani al di fuori della loro situazione scolastica può rafforzarli e incoraggiarli a stabilire nuove relazioni.

Potrebbero essere vittime di bullismo

È difficile immaginare per quale motivo qualcuno possa essere cattivo con un figlio, ma questo succede più spesso di quanto ci si renda conto. In uno studio sul cyberbullismo i ricercatori hanno scoperto che l'80% degli adolescenti è stato vittima di bullismo in qualche forma, a scuola o online. Lo studio ha rilevato che il bullismo ha avuto un effetto negativo su molte aree della loro vita, dal sentirsi male con se stessi, al bullismo che colpisce le loro amicizie e persino la loro salute fisica e i compiti scolastici.

Se si nota tendenza verso l’isolamento nella vita di un figlio, questo potrebbe derivare dal bullismo a scuola o online, e occorre parlarne. Potrebbe inizialmente non voler aprirsi perché potrebbe sentirsi imbarazzato o vergognarsi. Potrebbe anche sentirsi colpevole o addirittura preoccupato che un genitore si immischi e peggiori la situazione. La cosa migliore che si può fare è far sentire un ragazzo ascoltato e al sicuro e fargli sapere che si risolverà insieme il problema.

Mostrano segni di tristezza o disconnessione sociale

È importante cercare segni di tristezza o di disconnessione sociale. Piuttosto che non avere amici, potrebbero non voler più stare con i loro amici o fare le cose che prima piacevano.

Se questo è il caso, potrebbe essere un segno di depressione o ansia che richiede un'ulteriore valutazione. Come genitori si è la risorsa più importante, ma a volte è bene rivolgersi a un esperto di salute mentale.

Essere nel mezzo dell’adolescenza, come studenti delle superiori, è difficile in questo momento ma insegnanti, educatori e genitori possono fare del loro meglio per identificare i segnali della solitudine. Solo dimostrando concretamente che si tiene a loro e che si vuole entrare in contatto, li si porta a rendersi conto che non sono così soli come pensano.

Ubiminor