Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

"Penso che sia importante che le persone prendano molto sul serio le interazioni sui social media e non pensino ad esse come a un’esperienza in qualche modo meno d’impatto in quanto virtuale, rispetto a un’esperienza fatta di persona, nella realtà".

20161018 facebook 1a

Lo sottolinea la dottoressa Samantha Rosenthal, una ricercatrice di epidemiologia della School of Public Health della Brown University, autricxe di una recente ricerca sul tema.

"È un altro piano di relazione che però ha conseguenze emotive reali".

Nel primo studio di questo genere, ricercatori che si occupano di questioni inerenti la salute pubblica, hanno mostrato che i giovani adulti che hanno raccontato di avere avuto esperienze negative su Facebook - tra le quali fatti di cyberbullismo, offese, episodi di incomprensione o di contatti indesiderati – accusavano un rischio depressivo significativamente più alto, anche tenendo conto di altri possibili fattori concorrenti .

Lo studio, in corso di stampa nel Journal of Adolescent Health , è innovativo  in almeno due modi importanti. Uno è la misura della prevalenza, della frequenza, della gravità e della natura delle esperienze interpersonali negative, come riferito dai 264 partecipanti.

Altri studi hanno utilizzato criteri di misurazione quali la quantità di tempo speso utilizzando i social media o il tono generale dei post scambiati su Facebook.

L'altra è che, poiché i giovani adulti partecipanti erano anche appartenenti  al gruppo di adolescenti del New England Family Study, i ricercatori sapevano come i partecipanti “stavano” e venivano giudicati nel 2002, prima dell'avvento di Facebook.

Lo studio, dunque, suggerisce che le loro esperienze negative fatte più tardi su Facebook, probabilmente ha comportato l’aumento dei livelli di gravità dei loro sintomi depressivi, piuttosto che semplicemente riconfermarli, ha detto Stephen Buka, professore di epidemiologia presso la Brown e coautore dello studio.

"Quanto questo arriva davvero a rispondere alla domanda: eventi ed esperienze avverse e negative (su Facebook) causano la depressione?" si è chiesto Buka.

"Sapevamo quello che i partecipanti facevano quando erano ragazzini, prima che iniziasse il loro utilizzo di Facebook, poi abbiamo valutato quello che cosa è successo su Facebook, e infine abbiamo visto come se la passavano da giovani adulti.

Questo ci consente di rispondere al problema del genere “uovo-gallina”: chi viene prima – le esperienze negative su Facebook o la depressione, la bassa autostima e simili"?

20161018 facebook 1


Le esperienze negative e la depressione

Uno dei maggior riscontri “di base” dello studio è che l'82 per cento dei 264 partecipanti ha riferito di avere avuto almeno un’esperienza negativa su Facebook (ENF) da quando ha iniziato a utilizzare questo social, e il 55 per cento ne ha avuto uno l'anno precedente quello in cui sono stati intervistati, il 2013 o il 2014. Tra i partecipanti, il 63 per cento ha dichiarato di avere avuto quattro o più esprerienze negative durante la loro giovane vita.

Contestualmente, il 24 per cento del campione ha riportato livelli da moderati a gravi di sintomi depressivi in base alla scala di valutazione del Center for Epidemiological Studies Depression.

Per determinare il rischio di sintomi depressivi non attribuibili all’utilizzo di Facebook, i ricercatori nella loro analisi statistica hanno valutato anche parametri come la salute mentale dei genitori, il sesso, la razza o l'origine etnica, la presenza di sostegno sociale, l'uso quotidiano di Facebook, il reddito medio mensile, il livello di istruzione e l'occupazione .

Dopo tutti questi aggiustamenti, hanno scoperto che tra le persone le quali hanno fatto esperienza di eventi negativi su Facebook, il rischio complessivo di accusare sintomi depressivi era di circa 3,2 volte maggiore rispetto a quelli che non ne avevano avute.

Il rischio varia in molti modi, ad esempio in base al tipo di esperienza negativa fatta. Bullismo o offese dirette sono associati ad un rischio maggiore di 3,5 volte, mentre il contatto indesiderato ha un’incidenza più bassa, pari a circa 2,5 volte.

Anche la frequenza è molto importante. Rischi significativamente elevati sono stati associati a contatti indesiderati o a incomprensioni solo nel caso di una frequenza pari a quattro o più volte, ma anche solo da uno a tre casi di bullismo o di offese pesanti sono risultati collegati a un più alto rischio di sintomi depressivi.

Allo stesso modo, tanto più grave è la percezione di un’esperienza da parte di qualcuno, tanto più è probabile che questa persona presenti sintomi depressivi, ha spiegato la professoressa Rosenthal.

20161018 facebook 4


Essere consapevoli dei rischi

Occorreranno altre ricerche per determinare chi potrebbe essere a più alto rischio o chi potrebbe trovarsi più indifeso nei confronti di una determinata esperienza negativa su Facebook legata a un rischio depressivo, continua la professoressa Rosenthal.

Ma in questo momento può risultare prudente che adolescenti e giovani adulti sappiano e riconoscano che le esperienze negative su Facebook potrebbero portare a sintomi prolungati di depressione e che, quindi, se stanno avendo emozioni negative legate all’utilizzo di questo social, potrebbe essere utile per loro fare una pausa. Un'altra strategia potrebbe essere quella di togliere l’amicizia alle persone che stanno provocando queste esperienze negative.

"Esiste una ricerca che dimostra che le persone tendono a sentirsi più in diritto di prevaricare e di fare bullismo online di quanto non facciano di persona o che si mettano a provocare contatti indesiderati online come non farebbero mai di persona" conclude la professoressa Rosenthal. "In un certo senso, online si corrono rischi maggiori che non nella realtà. È bene che la gente sia ben consapevole di questo rischio."


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della Brown University
.

Riferimento bibliografico

Samantha R. Rosenthal, Stephen L. Buka, Brandon Marshall DL, Kate B. Carey, Melissa A. Clark. Esperienze negative su Facebook e sintomi depressivi tra i giovani adulti . Journal of Adolescent Health , 2016; DOI: 10.1016 / j.jadohealth.2016.06.023.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca