Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Nell’ambito di uno studio di recente realizzazione, i ricercatori hanno identificato due sottogruppi di adolescenti che si autolesionano e hanno dimostrato che è possibile prevedere quelli a maggior rischio quasi un decennio prima che inizino a farlo.

20210629 prima 1

Il team di studiosi, con sede presso la MRC Cognition and Brain Sciences Unit, dell'Università di Cambridge, ha scoperto che mentre i problemi del sonno e la bassa autostima erano fattori di rischio comune, c'erano due profili distinti di giovani che si autolesionano: uno con problemi emotivi e difficoltà comportamentali e un secondo gruppo senza tali difficoltà, ma con diversi fattori di rischio.

Tra un adolescente su cinque e uno su sette in Inghilterra si autolesiona, ad esempio tagliandosi deliberatamente. Sebbene l'autolesionismo sia un fattore di rischio significativo per i successivi tentativi di suicidio, molti non arrivano al suicidio ma affrontano altri esiti dannosi, tra cui pratiche ripetute di autolesionismo, cattiva salute mentale e comportamenti a rischio come l'abuso di sostanze.

Nonostante la sua forte incidenza e le conseguenze per tutta la vita, ci sono stati finora pochi progressi nella previsione accurata dell'autolesionismo.

Il team di Cambridge ha identificato gli adolescenti che hanno riferito di aver fatto autolesionismo all'età di 14 anni, da un gruppo di ragazzi nati nel Regno Unito e rappresentativo a livello nazionale, composto da circa 11.000 giovani.

Hanno quindi utilizzato un'analisi di apprendimento automatico per identificare se esistessero profili distinti di giovani che si autolesionano, con diverse caratteristiche emotive e comportamentali. Hanno usato queste informazioni per identificare i fattori di rischio della prima infanzia e di quella mediana.

Poiché i dati hanno tracciato i partecipanti nel tempo, i ricercatori sono stati in grado di distinguere i fattori che compaiono accanto al comportamento di autolesionismo segnalato, come la bassa autostima, da quelli che lo precedono, come il bullismo.

Il team ha identificato due sottogruppi distinti tra i giovani che si autolesionano, con fattori di rischio significativi presenti già all'età di cinque anni, quasi un decennio prima che riferissero di pratiche autolesionistiche. Sebbene entrambi i gruppi avessero probabilmente difficoltà a dormire e bassa autostima segnalati all'età di 14 anni, altri fattori di rischio differivano tra i due gruppi.

Il primo gruppo ha mostrato una lunga storia di cattiva salute mentale, così come ha riferito di aver subito bullismo prima di autolesionarsi. I loro genitori e caregiver avevano maggiori probabilità di avere problemi di salute mentale.

Per il secondo gruppo, tuttavia, il loro comportamento autolesionista era più difficile da prevedere nella prima infanzia. Uno dei segnali chiave è stata una maggiore disponibilità a prendere parte a comportamenti a rischio, legati all'impulsività.

Altre ricerche suggeriscono che queste tendenze possono predisporre l'individuo a dedicare meno tempo a considerare metodi di coping alternativi e a valutare le conseguenze dell'autolesionismo.

20210629 prima 1a

Anche i fattori relativi alle relazioni con i coetanei sono risultati importanti per questo sottogruppo, tra cui il sentirsi meno sicuri con amici e familiari all'età di 14 anni e una maggiore preoccupazione per i sentimenti degli altri come fattore di rischio già all'età di 11 anni.

Stepheni Uh, uno studioso di Gates Cambridge e primo autore dello studio, ha dichiarato: "L'autolesionismo è un problema significativo tra gli adolescenti, quindi è fondamentale comprendere la natura sfumata dell'autolesionismo, soprattutto in termini dei diversi profili dei giovani persone che si autolesionano e i loro fattori di rischio potenzialmente diversi.

"Abbiamo trovato due distinti sottogruppi di giovani che si autolesionano. Il primo era proprio come previsto: erano i giovani che manifestano sintomi di depressione e bassa autostima, affrontano problemi con le loro famiglie e amici e sono vittime di bullismo. Il secondo, un gruppo molto più grande, è stato molto più sorprendente in quanto non mostra i soliti tratti associati a coloro che si autolesionano".

I ricercatori affermano che i loro risultati suggeriscono che potrebbe essere possibile prevedere quali individui sono più a rischio di autolesionismo fino a un decennio prima che questo accada, fornendo quindi una finestra temporale durante la quale è possibile intervenire.

"L'attuale approccio al sostegno della salute mentale nei giovani è quello di aspettare che i problemi si aggravino. Invece, abbiamo bisogno di una base di prove molto migliore in modo da poter identificare chi è maggiormente a rischio di difficoltà e problemi di salute mentale in futuro, perché questo ci offre l'opportunità di essere proattivi e ridurre al minimo le difficoltà prima che inizino.

"I nostri risultati suggeriscono che aumentare l'autostima dei bambini più piccoli, assicurarsi che le scuole attuino misure anti-bullismo e il fornire consigli sulla preparazione e la regolarità sonno, potrebbero aiutare a ridurre i livelli di autolesionismo anni dopo.

"La nostra ricerca ci offre potenziali modi per aiutare questo secondo sottogruppo appena identificato. Dato che hanno difficoltà con i loro coetanei e sono più disposti a impegnarsi in comportamenti a rischio, fornire accesso a programmi di auto-aiuto e risoluzione dei problemi o di regolazione dei conflitti può essere efficace".

Il professor Tamsin Ford del Dipartimento di Psichiatria ha aggiunto: "Potremmo anche aiutare gli adolescenti a rischio indirizzando gli interventi ai responsabili della salute mentale e ai team per la salute mentale nelle scuole. Gli insegnanti sono spesso i primi a sentire parlare di autolesionismo, ma alcuni mancano di fiducia e non sanno come rispondere. Fornire loro formazione potrebbe fare una grande differenza".


I materiali della ricerca sono disponili sul sito della University of Cambridge.
Riferimento bibliografico:
Stepheni Uh et alii,.
Two Pathways to Self-Harm in Adolescence.
Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 2021.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca