Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Sia l'esercizio fisico moderato che quello intenso alleviano i sintomi dell'ansia, anche quando il disturbo è ormai cronico, secondo uno studio condotto da ricercatori dell'Università di Göteborg.

20211125 esercizio 1 

Lo studio, pubblicato sul Journal of Affective Disorders, si basa su circa trecento pazienti con sindrome d'ansia, la metà dei quali viveva nell'ansia da almeno dieci anni.

Attraverso un sorteggio, i partecipanti sono stati assegnati a sessioni di esercizi di gruppo, moderate o faticose, per dodici settimane. I risultati mostrano che i loro sintomi di ansia sono stati significativamente alleviati anche quando l'ansia era ormai una condizione cronica, rispetto a un gruppo di controllo che ha ricevuto consigli sull'attività fisica secondo raccomandazioni di salute pubblica.

La maggior parte delle persone nei gruppi di trattamento è passata da un livello di ansia da moderata a elevata a un livello di ansia basso dopo il programma.

Per coloro che si sono allenati a un'intensità relativamente bassa, la possibilità di miglioramento in termini di sintomi di ansia è aumentata di un fattore pari a 3,62. Il fattore corrispondente per coloro che si sono allenati a maggiore intensità è stato di 4,88. I partecipanti non erano a conoscenza del tipo di allenamento fisico o di supporto che le persone al di fuori del loro gruppo stavano ricevendo.

"C'è stata una significativa tendenza al miglioramento in proporzione all'intensità, ovvero, più intensamente si sono esercitati, più i loro sintomi di ansia sono migliorati" spiegano gli autori dello studio.

L'importanza dell'esercizio intenso

Precedenti studi sull'esercizio fisico nella depressione hanno mostrato chiari miglioramenti dei sintomi come conseguenza dell’attività. Tuttavia, finora mancava un quadro chiaro di come le persone ansiose siano influenzate dall'esercizio. Lo studio dell’Università di Göteborg viene descritto come uno dei più grandi realizzati fino ad oggi.

Entrambi i gruppi di trattamento hanno avuto sessioni di allenamento di 60 minuti tre volte a settimana, sotto la guida di un fisioterapista. Le sessioni includevano sia l'allenamento cardio (aerobico) che quello della forza. Un esercizio di riscaldamento è stato seguito da un allenamento di circa 12 serie per 45 minuti e le sessioni si sono concluse con defaticamento e stretching.

20211125 esercizio 1a

I membri del gruppo che si esercitavano a un livello moderato avevano lo scopo di raggiungere circa il 60 percento della loro frequenza cardiaca massima, un grado di sforzo valutato come leggero o moderato. Nel gruppo che si è allenato più intensamente, l'obiettivo era raggiungere il 75% della frequenza cardiaca massima e questo grado di sforzo è stato percepito come elevato.

I livelli sono stati regolarmente convalidati utilizzando la scala Borg, una scala di valutazione stabilita per lo sforzo fisico percepito, e confermati con i cardiofrequenzimetri.

I trattamenti standard odierni per l'ansia sono la terapia cognitivo comportamentale (CBT) e i farmaci psicotropi. Tuttavia, questi farmaci hanno comunemente effetti collaterali e i pazienti con disturbi d'ansia spesso non rispondono alle cure mediche. Anche i lunghi tempi di attesa per la CBT possono peggiorare la prognosi.

"I medici delle cure primarie hanno bisogno di poter contare su terapie individualizzate, con pochi effetti collaterali e facili da prescrivere. Il modello che prevede 12 settimane di allenamento fisico, indipendentemente dall'intensità, rappresenta un trattamento efficace che dovrebbe essere reso disponibile più spesso nelle cure primarie per le persone con problemi di ansia" concludono i ricercatori.

Suggerimenti preziosi in questa fase ancora critica della vita sociale, in cui l’ansia colpisce sia i più giovani, sia gli adulti che si occupano di loro.

Preferire l’esercizio fisico al trattamento farmacologico, per affrontarla, è sicuramente una scelta non solo più sana nell’immediato ma anche, in prospettiva, più coerente con un positivo sviluppo psicofisico generale dei giovani.


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito dell’University di Gothenburg.
Riferimento bibliografico:
Malin Henriksson et alii.
Effects of exercise on symptoms of anxiety
in primary care patients: A randomized controlled trial
.
Journal of Affective Disorders.