Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

La fiducia interpersonale è una componente cruciale delle relazioni sane e positive. Quando interagiamo con degli estranei, valutiamo in modo quasi istintivo se possiamo fidarci di loro. Queste importanti abilità sociali possono essere formate già a partire dalla prima relazione dei bambini con i genitori.

20220323 Trust 1

Secondo un nuovo studio dell'Università dell'Illinois, gli adolescenti che avevano un attaccamento insicuro alle loro madri da bambini hanno maggiori probabilità di sopravvalutare l'affidabilità degli estranei.

"L'idea era quella di capire se le prime relazioni di attaccamento con le madri hanno un'associazione longitudinale e predittiva con il modo in cui gli adolescenti elaborano i segnali relativi all'affidabilità, sia a livello comportamentale che a livello cerebrale" spiega Xiaomei Li, dottoranda presso il Dipartimento di Sviluppo Umano e Family Studies dell’università e autrice principale del documento.

Il progetto si basa sui dati del Children's Social Development Project, uno studio longitudinale condotto sotto la guida della professoressa Nancy McElwain, coautrice dell'articolo.

Nel primo ciclo di raccolta dei dati, 128 bambini piccoli e le loro madri hanno partecipato a una visita in laboratorio in cui i ricercatori hanno osservato le loro interazioni e valutato il loro stile di attaccamento.

Dieci anni dopo, quando i bambini erano nella prima adolescenza, sono stati invitati a tornare per un secondo ciclo di indagine. Questa volta, i ricercatori hanno voluto osservare come gli adolescenti valutassero l'affidabilità degli estranei.

Collocati sotto uno scanner MRI, gli adolescenti hanno visualizzato immagini di volti ed è stato chiesto loro di valutare l'affidabilità di ciascun viso su una scala da 1 a 5. Contemporaneamente, lo scanner MRI ha misurato la loro attività cerebrale.

Nella valutazione dell'affidabilità, agli adolescenti è stato detto loro di considerare quanto sarebbe stato probabile che si rivolgessero a quella persona per chiedere aiuto o indicazioni se si fossero trovati da soli in una città sconosciuta.

Le immagini sono state selezionate da un database consolidato contenente foto di attori in posa con volti emotivamente neutri. I volti mostrano vari gradi di affidabilità, determinati e convalidati da studi precedenti tra osservatori indipendenti, che avevano giudicato quanto affidabile ogni volto sembrava essere in base alle loro prime impressioni e sensazioni istintive.

I ragazzi attaccati in modo sicuro e insicuro concordavano nel valutare i volti di "alta affidabilità", ma quelli che erano stati attaccati in modo insicuro da bambini avevano meno probabilità di valutare i volti di "bassa affidabilità" come tali. Le loro scansioni cerebrali hanno anche mostrato una minore attività nelle regioni cerebrali associate all'elaborazione emotiva durante la visualizzazione di volti inaffidabili.

20220323 Trust 2

"Gli adolescenti che avevano una storia di attaccamento sicuro hanno mostrato una maggiore sensibilità a segnali inaffidabili rispetto alle loro controparti insicure" affermano i ricercatori.

"Siamo stati in grado di vedere come le prime dinamiche relazionali durante l'infanzia, che è un periodo chiave per lo sviluppo socio-emotivo, predicessero il funzionamento dell'adolescente, anche a livello del cervello".

Il nucleo della teoria dell'attaccamento è se il bambino si fida del proprio tutore primario per ricevere calore e comfort quando necessario. Il supporto incoerente o inaffidabile da parte dell’adulto può portare a un modello di attaccamento insicuro.

"Poiché i bambini con un attaccamento insicuro hanno subito comportamenti e attenzioni incoerenti e inaffidabili da piccoli, ora possono scegliere di evitare segnali sociali negativi come meccanismo difensivo per proteggersi. La mancanza di attivazione cerebrale supporta questa spiegazione, suggerendo che gli adolescenti insicuri non elaborano segnali inaffidabili".

"In confronto, gli adolescenti con una storia di attaccamento sicuro possono essere più aperti e rispondere a segnali sociali negativi".

I risultati suggeriscono anche l'importanza che i genitori siano aperti alle emozioni negative dei loro figli, afferma la professoressa McElwain.

"È probabile che si sviluppi un attaccamento sicuro quando il genitore può accettare le emozioni negative dei propri figli e rispondere con conforto e sostegno. Quando i genitori evitano di affrontare le emozioni negative del proprio figlio, i bambini possono arrivare a pensare che queste emozioni siano 'cattive'.

"Va bene che i bambini siano arrabbiati e questi sono momenti importanti in cui i genitori possono aiutarli ad affrontare le loro emozioni in un modo adeguato all'età. In questo modo, i ragazzi saranno più preparati a impegnarsi in qualunque cosa accada in seguito. "

McElwain sottolinea che gli effetti delle prime esperienze non sono irreversibili.

"Durante l'adolescenza si verifica un notevolissimo sviluppo del cervello. Gli adolescenti sono molto più in grado di riflettere consapevolmente sulle loro esperienze ed emozioni, il che lo rende un ottimo momento per intervenire e cambiare i modelli comportamentali che non funzionano bene.

I genitori, così come altri adulti quali insegnanti o educatori, dovrebbero aiutare i bambini e gli adolescenti a imparare a interagire con segnali sociali negativi o situazioni sociali attraverso discussioni aperte, giochi di ruolo e modelli positivi di comportamento e relazione".


Riferimento bibliografico
Xiaomei Li, Nathan A Jorgensen, Nancy L McElwain, Eva H Telzer.
Toddler–mother attachment moderates adolescents’ behavioral and neural evaluation of trustworthiness.
Social Cognitive and Affective Neuroscience, 2022.