Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Perdere il sonno porta a delle conseguenze anche nel modo in cui si interpretano i messaggi non verbali degli altri, questo sembra valere in modo particolare per i giovani adulti.

20220505 lack 2

È quello che si evince da un nuovo studio dell'Università di Uppsala, il quale indica che i giovani adulti privati ​​del sonno valutano i volti arrabbiati come meno affidabili, attribuiscono o negano un aspetto sano, vedono i volti neutri e timorosi come meno attraenti, in seguito alla perdita di sonno.

I risultati sono pubblicati sulla rivista scientifica Nature and Science of Sleep.

Utilizzando l'eye-tracking, una tecnologia di sensori in grado di rilevare ciò che una persona sta guardando in tempo reale, i ricercatori dell'Università di Uppsala in Svezia hanno condotto un esperimento su 45 giovani uomini e donne per esaminare come la perdita acuta di sonno influenzi il modo in cui gli esseri umani esplorano e valutano felicità, timore, paure, rabbia o indifferenza sui volti degli altri.


quando sono stati privati ​​del sonno, i soggetti della nostra ricerca hanno trascorso meno tempo a fissarsi sui volti


I partecipanti hanno trascorso una notte senza dormire e una notte con la possibilità di dormire otto ore. I loro movimenti oculari sono stati misurati al mattino dopo entrambe le notti.

"Quando sono stati privati ​​del sonno, i soggetti della nostra ricerca hanno trascorso meno tempo a fissarsi sui volti. Poiché le espressioni facciali sono fondamentali per comprendere lo stato emotivo degli altri, dedicare meno tempo a fissarsi sui volti dopo un'acuta perdita di sonno può aumentare il rischio di interpretare lo stato emotivo degli altri in modo impreciso o troppo tardi" afferma Lieve van Egmond, prima autrice e dottoranda presso il Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università di Uppsala.

20220505 lack 2a

"La scoperta che i soggetti privati ​​del sonno nel nostro esperimento hanno valutato i volti arrabbiati come meno affidabili e malaticci e i volti neutri e timorosi come meno attraenti indica che la perdita di sonno è associata a impressioni sociali più negative degli altri. Ciò potrebbe comportare una minore motivazione a interagire socialmente" afferma l'autore senior Christian Benedict, professore associato di neuroscienze.


la perdita di sonno è associata a impressioni sociali più negative degli altri


"I nostri partecipanti erano giovani adulti. Pertanto, non sappiamo se i nostri risultati sono generalizzabili ad altri gruppi di età. Inoltre, non sappiamo se risultati simili si sarebbero visti tra coloro che soffrono di perdita di sonno cronica", afferma Lieve van Egmond.

Tuttavia sono indicazioni importanti in considerazione di quanto la qualità delle relazioni e delle interazioni sociali possa essere compromessa, in modo così rilevante, anche da fattori apparentemente secondari, come il poco sonno.

Un elemento da conoscere e da far conoscere ai giovani, per avere una chiave di interpretazione ulteriore del malumore e della negatività senza fondamento esterno che in certe giornate minano il rapporto con gli altri.


Riferimento bibliografico:
Lieve T van Egmond, et alii. 
How Sleep-Deprived People See and Evaluate Others’ Faces:
An Experimental Study.
Nature and Science of Sleep, 2022.