Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

L'aumento dei tassi di obesità adolescenziale e la probabilità che l'obesità si mantenga negli anni, prolungandosi anche in età adulta, hanno portato esperti e studiosi a pensare di mettere in campo variegate iniziative di prevenzione. Una delle possibilità prese in considerazione, nella speranza di contrastare il fenomeno, è che i pasti in famiglia - i quali tendono ad includere frutta, verdura, calcio e cereali integrali - possano proteggere i ragazzi dall'obesità, evitando che cadano nella trappola del junk food.

20141124 pastoinfamiglia4

I pasti in famiglia possono prevenire obesità o sovrappeso anche perché insieme al mangiare viene offerta l'opportunità di scambi emotivi ed educativi tra i membri della famiglia

 

In un nuovo studio di prossima pubblicazione sul The Journal of Pediatrics, i ricercatori hanno studiato se sia vero o meno che una frequente presenza degli adolescenti ai pasti della famiglia possa evitare sovrappeso e obesità in età giovanile e scongiurarle nel corso dell'età adulta.


Se ne sono occupati ricercatori dell'Università del Minnesota e della Columbia University, i quali hanno utilizzato i dati provenienti da uno studio che ha preso in considerazione 2.287 persone, per valutare il peso e le connesse variabili (la dieta, attività fisica, comportamenti di controllo del peso, ecc.) degli adolescenti. Sono state fatte domande in merito alla frequenza di partecipazione ai pasti familiari e all'indice di massa corporea. Secondo il dottor Berge, che ha guidato la ricerca: "È importante identificare i fattori modificabili in ambiente domestico, come ad esempio i pasti in famiglia, in grado di proteggere contro sovrappeso / obesità nel periodo di transizione verso l'età adulta".

Il 51% dei soggetti è risultato in sovrappeso e il 22% obesi. Tra gli adolescenti che hanno riferito di non mangiare quasi mai insieme al resto della famiglia, il 60% è risultato in sovrappeso e il 29% è risultato composto da obesi in un follow-up dopo 10 anni. In generale, tutti i livelli di riferimento della frequenza di partecipazione ai pasti di famiglia, anche con un minimo di 1-2 pasti a settimana durante l'adolescenza, sono risultati significativamente associati con una ridotta probabilità di sovrappeso o obesità dopo 10 anni dalla prima rilevazione, rispetto ai ragazzi che avevano l'abitudine di mangiare sempre separatamente dai familiari.

La limitata differenza dei risultati rispetto alle etnie di appartenenza dei ragazzi, fa pensare che l'effetto protettivo del pranzo in famiglia rispetto al possibile sovrappeso e all'obesità, fa pensare che l'efficacia di questo fattore sia generale.

I pasti in famiglia possono prevenire obesità o sovrappeso anche perché insieme al mangiare viene offerta l'opportunità di scambi emotivi ed educativi tra i membri della famiglia; in aggiunta a questo, il cibo è più probabile che sia sano, e gli adolescenti vengono maggiormente esposti alla possibilità che i genitori esercitino la funzione di modelli sani di comportamento alimentare. Come notato dal dottor Berge: "Sarebbe importante e doveroso informare i genitori che anche solo 1 o 2 pasti in famiglia a settimana possono essere importanti per il benessere fisico dei figli in età adulta". Utilizzando queste informazioni, insegnanti, operatori di assistenza sanitaria, professionisti che lavorano con gli adolescenti possono dare a loro e ai genitori ulteriori strumenti e suggerimenti utili per la lotta all'obesità.

 

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca