Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Più gli studenti restano indietro rispetto ai compagni nel corso di questa pandemia, con la sospensione della normalità scolastica, meno è probabile che si sentano in grado di poter recuperare.

20210318 compiti 2

La scuola in questo periodo di pandemia sta mettendo a dura prova gli studenti, in particolare gli adolescenti. Uno studio recente, condotto da NBC News e Challenge Success, un'organizzazione no profit affiliata alla Stanford Graduate School of Education, ha rilevato che il 50% in più di ragazzi delle scuole superiori dichiara di sentirsi demotivato verso la scuola quest'anno rispetto allo scorso anno.

Molte scuole riscontrano “drammatici aumenti del numero di voti scadenti o quasi" sulle pagelle.

Uno dei principali sintomi del disimpegno scolastico è il mancato svolgimento dei compiti, un problema che può facilmente creare un effetto valanga. Più gli studenti restano indietro, più spesso diventano sopraffatti dagli impegni e meno è probabile che sentano di poter recuperare.

La buona notizia è che rendersi conto dei compiti non fatti è un primo passo per aiutare i ragazzi a rimettersi in carreggiata. Occorre solo tenere a mente alcune considerazioni.

L'empatia porterà oltre la rabbia

A questo punto della pandemia, scoprire che un figlio ha lasciato andare i compiti senza farli potrebbe scatenare una reazione arrabbiata. Tutti sono logorati dalle esigenze di una vita in questa condizione di emergenza e molti genitori sono allo stremo.

Tuttavia, è probabile che arrabbiarsi induca i ragazzi ad adottare una posizione difensiva o minimizzatrice. Occorre cercare invece di essere “compassionevoli”. Ciò di cui hanno più bisogno gli studenti che sono rimasti indietro sono persone che risolvono i problemi e che vogliono capire cosa stanno passando.

Se si hanno difficoltà a evocare la propria empatia, è bene tenere presente che esistono molte buone ragioni per cui uno studente potrebbe perdere il passo quest'anno.

Ad esempio, la maggior parte degli adolescenti ha pochissima esperienza nella gestione della posta elettronica, che ora è una fonte principale di informazioni per coloro che prendono accordi da remoto. Gli adulti stessi sanno quanto siano sopraffatti dalle e-mail. Basta immaginare di non sentirsi a proprio agio con questi mezzi e di ricevere tutto, dai link Zoom ai compiti, attraverso questi strumenti.

Alcuni studenti che studiano a distanza possono inoltre disporre di un servizio a banda larga inaffidabile; altri potrebbero perdere le informazioni chiave perché la loro attenzione è divisa tra l'insegnante sullo schermo e le distrazioni a casa.

Molti adulti stanno affrontando gli stessi identici problemi, sottolineano gli psicologi. Sono davvero produttivi quando possono essere fisicamente al lavoro, ma possono trovarsi meno attenti nell'ambiente non strutturato del lavoro da casa.

Anche gli adolescenti che frequentano la scuola di persona e utilizzano sistemi familiari per tenere traccia dei compiti potrebbero avere difficoltà a gestire il proprio lavoro ora. Le capacità mentali che ci aiutano a rimanere organizzati - comunemente chiamata funzionamento esecutivo - vengono minate dallo stress psicologico, che è insolitamente alto tra gli adolescenti oggi.

Comprendere la fatica

Scoprire che un figlio ha problemi scolastici può indurre a saltare alla soluzione. Tuttavia, è meglio diagnosticare correttamente il problema prima di tentare di risolverlo. Gli esperti di apprendimento suggeriscono di esaminare i motivi per cui gli studenti rimangono indietro a scuola. Alcuni non sanno cosa dovrebbero fare, altri lo sanno e non lo fanno, e altri ancora stanno facendo del loro meglio e semplicemente non riescono a soddisfare le aspettative.

Quando si parla con un adolescente del perché le cose a un certo punto cose sono andate fuori dal loro binario, è bene essere gentili, curioso e collaborativo. “Non si tratta di essere nei guai o di liberarsi dai guai" si potrebbe dire. "Si tratta semplicemente di capire cosa sta andando storto in modo da poter risolvere il problema nel modo giusto”.

Gli studenti che stanno lottando per tenere traccia di ciò che ci si aspetta da loro potrebbero dover contattare i loro insegnanti, per chiarimenti su compiti specifici o per indicazioni generali su dove e quando dovrebbero cercare informazioni per i compiti a casa. In qualità di genitori o tutori, li si può istruire su come avvicinarsi ai loro insegnanti. Si può iniziare sottolineando che gli insegnanti sono quasi sempre desiderosi di dare sostegno agli studenti che lo cercano.

20210318 compiti 4

Per molti studenti, la capacità di chiedere aiuto non è ancora completamente formata, o può sembrare un'ammissione di aver fatto qualcosa di sbagliato. Normalizzare e lodare l’ammissione di un problema è pertanto importante.

Per gli studenti che sanno cosa dovrebbero fare ma non lo stanno facendo, altri approcci possono avere senso. Possono avere difficoltà a sostenere la motivazione e hanno bisogno di supporto su questo fronte, oppure possono essere sommersi da impegni, come prendersi cura dei fratelli più piccoli, che rendono impossibile completare i compiti scolastici.

Qui, genitori e studenti dovranno voler lavorare insieme per elaborare un piano realistico per affrontare le priorità più grandi alla luce di queste circostanze. Ciò potrebbe significare arrivare a un accordo su dove dovrebbero essere dirette le energie dell'adolescente o esplorare quale supporto aggiuntivo potrebbe essere messo in atto.

Quando le difficoltà si sommano

In alcuni casi, i problemi scolastici possono essere collegati a problemi di salute mentale. Se si ha il dubbio che uno studente soffra di depressione o ansia; uso di droghe; o mostri qualsiasi altra preoccupazione emotiva o comportamentale significativa, è bene consultare uno specialista per una corretta valutazione. Il trattamento dovrebbe sempre avere la precedenza sui compiti scolastici.

Se si è depressi, nessuna quantità di tutoraggio sulle funzioni esecutive potrà essere d’aiuto, perché non è quello il problema.

Alcuni studenti hanno disturbi dell'apprendimento o dell'attenzione sottili che sono diventati un problema solo quando la scuola è andata online. In condizioni normali, gli insegnanti possono notare quando uno studente si sta distraendo e richiamare la sua attenzione in modo gentile. Sfortunatamente, gli insegnanti non possono davvero farlo in modo efficace su Zoom.

Se questo è un problema, i genitori dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di consultare gli insegnanti o il personale di supporto all'apprendimento della loro scuola per ottenere la loro punto di vista sul problema e consigli su come andare avanti.

Gli adulti in questo periodo hanno bisogno di essere più tolleranti con se stessi, anche per riuscire ad aiutare i ragazzi a mettere ordine, portandoli a capire quello che hanno veramente bisogno di fare e cosa no.

I genitori ben intenzionati potrebbero sperare di motivare i figli sottolineando l'importanza dei voti alti, ma questo può rendere più difficile per i ragazzi riprendersi da una sostanziale battuta d'arresto.

Quando gli studenti iniziano a restare indietro, occorre considerare quanto debba essere rilevante la loro ripresa. Hanno davvero bisogno di ottenere voti ugualmente alti in ogni materia? Potrebbero invece indirizzare la loro energia verso l'equilibrio con i corsi a cui tengono di più? Potrebbero lavorare con i loro insegnanti per concordare impegni ridotti?

Secondo alcuni esperti di apprendimento e coaching, ridurre le aspettative, per ora, può effettivamente aiutare i ragazzi a rimettersi in carreggiata.

Molto di ciò che gli studenti ottengono dalla scuola non è relativo ai contenuti, ma all'imparare a risolvere i problemi. Coinvolgere gli adolescenti in conversazioni costruttive per capire come sono rimasti indietro può essere una lezione importante di per sé.

Avere un sedicenne che capisce: 'Quando sono stressato, è così che reagisco” può essere prezioso nel lungo periodo".

In ogni anno scolastico, gli studenti imparano molto che va al di là dei contenuti scolastici. Quest'anno, più che mai, potrebbe essere un anno in cui gli studenti riescano ad acquisire una profonda comprensione di come reagiscono quando si sentono sopraffatti e imparino come chiedere aiuto o riprendersi dalle battute d'arresto – lezioni di cui si avvarranno molto dopo che la pandemia sarà scomparsa. 

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca