Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Cosa viene in mente quando si sente la parola "adolescente?"
I nostri pensieri orientano il nostro atteggiamento verso i giovani. A sua volta, il nostro atteggiamento influisce sul modo in cui agiamo nei confronti degli adolescenti. E le nostre azioni influenzano il modo in cui gli adolescenti rispondono a noi e, soprattutto, il modo in cui pensano a se stessi.

20220426 art 1

Per tutti questi motivi, la percezione che hanno di se stessi influisce sul fatto che si avventureranno nell'età adulta potendo contare sui punti di forza del loro carattere - integrità ed empatia, tra gli altri.

L’adolescenza è una fase di opportunità e di sviluppo sorprendente. Il cervello degli adolescenti cresce a un ritmo pari solo a quello dei primi tre anni di vita. La loro capacità di relazionarsi con gli altri si sta sviluppando e la loro capacità di affrontare e attraversare nuove situazioni sociali si sta consolidando.

Le conoscenze acquisite e le lezioni apprese durante l'adolescenza consentiranno loro di raggiungere il loro pieno potenziale in età adulta.

Quando i genitori credono in questo potenziale, si impegnano ad aiutare i propri figli offrendo una guida e incoraggiando l'apprendimento attivo. Danno esempio e condividono strategie essenziali che gli adolescenti possono utilizzare nel loro percorso verso l'età adulta. Consentono ai loro figli di farsi avanti e affrontare le sfide in modo che si creino quella sicurezza e quella fiducia profonde che derivano anche dal sapere che hanno adulti premurosi dalla loro parte.

Ci si potrebbe chiedere come potrebbero i genitori non credere nel potenziale dei loro figli e perché non dovrebbero esercitare al meglio il loro ruolo per far realizzare quella promessa.

Quando i figli sono piccoli nessun genitore dubita su quanto sia importanti per loro. Si affidano a lui per la loro sopravvivenza, si rivolgono a lui ogni volta che hanno bisogno di rassicurazione.

Quando però i ragazzi entrano nell'adolescenza, molti genitori attraversano una crisi di fiducia, chiedendosi se hanno ancora importanza per i figli. Counselor e psicologi fanno del loro meglio per rassicurarli che i giovani hanno un estremo bisogno del supporto e della vicinanza dei genitori. Ogni genitore fa la differenza nella vita dei propri figli.

Questo “lavoro” inizia superando gli stereotipi fin troppo comuni, falsi e inquietanti che ritraggono gli adolescenti come azzardati, ribelli e troppo egocentrici per essere interessati al contributo degli adulti.

Alcuni miti sugli adolescenti

In che modo questa narrativa fuorviante sugli adolescenti prende piede? Spesso inizia con una "saggezza" e con luoghi comuni che si assimilano da quello che si vede e si sente intorno a sé. Una visione distorta dell'adolescenza che circola nella società riempie i genitori di un senso di perdita per la fine dell'infanzia invece che di anticipazione per la successiva fase di sviluppo.

Gli adolescenti sono sensibili ai segnali non verbali e capiscono che i loro genitori temono la loro crescita. Si preoccupano di deludere i loro genitori anche solo crescendo: questo, a sua volta, li porta a sentirsi a disagio con il loro sviluppo e soffrono quella che credono sia l'imminente perdita del loro rapporto con i loro genitori.

Di fronte a una raffica di messaggi, anche sottili, di basse aspettative, gli adolescenti possono credere che questo sia tutto ciò che dovrebbero aspettarsi da se stessi. Queste aspettative possono portare a una maggiore assunzione di rischi e a ribellione.

I genitori e tutti gli adulti dovrebbero stare fermamente dalla parte dello sviluppo. Una volta che un adulto riconoscerà questi miti come percezioni errate e dannose, eviterà di lasciare che ispirino il suo modo di pensare alla genitorialità o ai giovani nella sua comunità.

Si pensa che agli adolescenti non importi cosa pensano gli adulti e non sono interessati a ciò che i loro genitori pensano, dicono o fanno.

Gli adolescenti, dice un altro mito, non si preoccupano molto di ciò che imparano. Preferirebbero uscire con gli amici e divertirsi. E poi, sono guidati dalle emozioni, quindi è difficile stabilire con loro una relazione basata su un dialogo equilibrato e sensato.

Gli adolescenti pensano di essere invincibili e sono predisposti al rischio. Oltre a questo, sono egocentrici ed egoisti.

Questi miti danneggiano le relazioni tra ragazzi e adulti, e impediscono a questi ultimi di impegnarsi fino in fondo con gli adolescenti. Perché un genitore dovrebbe impegnarsi se sente che a suo figlio non piace o non interessa quello che pensa?

Se un adulto crede erroneamente di non poter ragionare con gli adolescenti, perché dovrebbe prendersi la briga di guidarli a sviluppare la loro intelligenza emotiva o a prendere decisioni in modo razionale? Se si conclude che gli adolescenti sono naturalmente inclini al rischio, si dovrebbe imporre loro restrizioni di movimento invece di guidarli a pensare da soli e a prendere decisioni sagge e sane.   

Guardare gli adolescenti attraverso la “lente” dello sviluppo

Gli esperti di psicologia dello sviluppo sostengono la necessità di affrontare e cambiare la minacciosa narrativa culturale sugli adolescenti, concordano sul fatto che occorre cogliere l'opportunità offerta dall'adolescenza per far sviluppare ai giovani l’intero loro potenziale e che, in questo, i genitori sono le persone più influenti nella vita degli adolescenti.

Gli adolescenti spesso allontanano i genitori e questo può causare angoscia, non si può negarlo, tuttavia, bisogna aiutare i genitori a comprendere il contesto evolutivo di questi comportamenti.

Ad esempio, i genitori a volte vengono respinti come parte del duro processo che gli adolescenti intraprendono mentre si muovono verso una maggiore indipendenza. Hanno fatto affidamento interamente sui loro genitori e li amano profondamente. Diventare indipendenti da loro può essere emotivamente straziante. In altre parole, gli adolescenti si risentono dei loro genitori in proporzione a quanto li amano.

Questa consapevolezza può cambiare completamente il modo in cui i genitori vivono l'adolescenza. Gli adolescenti stanno compiendo una transizione necessaria dall'essere centrati sulla famiglia all'essere incentrati sui pari.

Quando i genitori percepiscono gli adolescenti attraverso la lente dello sviluppo, possono più facilmente rimanere concentrati sulla loro forza. Forse, sostengono alcuni psicologi, la forza più protettiva nella vita di un giovane è il rispetto incondizionato che un genitore nutre per lui.

La profonda conoscenza che un genitore ha di tutto ciò che è buono e giusto del proprio figlio rimane la “stella polare” che consente all'adolescente di rimanere radicato nei propri valori. Questa relazione insostituibile consente ai genitori di supportare gli adolescenti nell'apprendimento di come affrontare esperienze difficili. Possono imparare dai loro errori quando sanno che non ci si aspetta che siano perfetti. Chi in fondo può dire di esserlo? L’essere profondamente amati li aiuta a rendersi conto di essere degni di essere amati, fornendo una protezione praticamente senza confronti per tutta la vita.

20220426 mito 4a

Alcune verità sugli adolescenti

Ci si sposta nella prospettiva dello sviluppo e del supporto riconoscendo alcune verità essenziali sugli adolescenti, verità che dovrebbero essere condivise ogni volta e ovunque si parli di adolescenti. Facendolo, i miti negativi si svuoteranno e si mostreranno vecchie idee errate e smentite.

Gli adolescenti anzitutto si preoccupano profondamente per i loro genitori e vogliono che siano coinvolti nelle loro vite. Si preoccupano del benessere dei loro genitori, vorrebbero ascoltarne le opinioni e conoscerne i loro valori. Amano il tempo trascorso con loro.

La maggior parte degli adolescenti considera i propri genitori dei modelli e vorrebbero essere come loro. I genitori sono le persone più influenti nella vita dei loro ragazzi. Attraverso la loro guida attiva, la saggezza condivisa e una presenza incondizionata, hanno un ruolo insostituibile nello sviluppo e nel benessere dei loro figli.

Gli adolescenti sono poi una sorta di “super studenti”. L'adolescenza è un periodo di sviluppo cerebrale rapido e sorprendente. Le persone scoprono di più durante l'adolescenza che in qualsiasi momento successivo. I genitori possono aiutare a plasmare il futuro dei loro figli fino all'età adulta alimentando questo sviluppo. Dovrebbero dare ai loro figli la possibilità di ampliare le loro conoscenze e supportare le loro capacità di risoluzione dei problemi.

Può essere un'emozione particolare per i genitori riconoscere la crescente capacità dei loro figli di considerare la complessità e vedere come usano questa nuova capacità nella loro vita quotidiana.

Gli adolescenti possono essere premurosi quanto gli adulti. I centri emotivi nel cervello dell'adolescente in via di sviluppo stanno crescendo rapidamente. Anche i centri di pensiero e ragionamento si stanno sviluppando attivamente, ma sono leggermente in ritardo. Quando le loro emozioni vengono attivate, i loro centri emotivi altamente sviluppati dominano, interferendo con l'uso ottimale delle loro capacità di ragionamento, ancora in via di sviluppo.

Gli adolescenti fanno del loro meglio quando sono calmi. Quando i genitori trasmettono loro calma e parlano con loro in un modo che non li attivi emotivamente, gli adolescenti possono accedere alle loro capacità di pensiero con la stessa prontezza di un adulto. Gli adolescenti apprezzano le conversazioni rispettose e calme che li coinvolgono nello sviluppo delle loro soluzioni.

Gli adolescenti, poi, sono esploratori naturali. Il loro desiderio di provare cose nuove è la chiave per acquisire nuove conoscenze. Hanno una propensione a spingere in là i confini ed esplorare i limiti perché è a quei limiti che si produce una nuova conoscenza. I genitori e la società dovrebbero offrire opportunità di arricchimento ai margini della conoscenza già acquisita, consentendo agli adolescenti di sperimentare.

Gli adolescenti non cercano il rischio. Vogliono evitare il pericolo. Ma hanno bisogno che i genitori offrano loro una guida su come espandere le loro conoscenze e abilità in modo sicuro. Ciò include la creazione di confini chiari oltre i quali non possono allontanarsi e il fatto che gli adulti condividano ciò che hanno appreso attraverso le esperienze della vita. In definitiva, questi confini e la saggezza condivisa consentono agli adolescenti di sviluppare le proprie capacità decisionali in contesti sicuri.

Gli adolescenti sono idealisti e vedono cosa c'è di sbagliato nel mondo e vogliono fare qualcosa al riguardo. Poiché gli adolescenti hanno una capacità di vedere la complessità unita al fatto che non hanno imparato ad accettare i problemi come intrinsecamente inalterabili, spesso sono in prima linea negli sforzi per risolvere i problemi della società. Si può fare affidamento su di loro per immaginare un mondo migliore. I genitori dovrebbero aiutarli a trovare opportunità per sostenere gli altri e coinvolgersi nelle loro comunità. Gli adulti dovrebbero dar spazio alla loro voce quando richiamano l'attenzione su problemi che sono ignorati per troppo tempo.

Tutte le azioni, sia accompagnate dalla parola che silenziose, hanno un impatto sull'ambiente in cui si sviluppano i ragazzi. Un buon punto di partenza potrebbe essere creare una nuova narrativa culturale che dica la verità sugli adolescenti, lasciando da parte i pregiudizi interiorizzati attraverso l'esposizione ripetuta a rappresentazioni degli adolescenti incentrate sul rischio.

Forti di queste verità evolutive, gli adulti possono supportare e rafforzare la promessa dell'adolescenza. Avere un figlio che entra nell’adolescenza è una grande opportunità anche per il genitore di vivere un’esperienza importante, mentre lo supporta verso l'età adulta.